Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • selfie

    Milano

    Selfie: voglia di piacere, desiderio di raccontarsi

    Saranno presentati il 28 ottobre i risultati della ricerca dell’Università Cattolica, promossa da Fondazione IBSA, su un fenomeno virale legato all’identità della persona. Incontro su “mente e social media” con Gianni Riotta e Kate Davis, autrice di Generazione App

  • Basic Research in Cardiology

    Roma

    Infarto, scoperta molecola freno

    Renderebbe inoffensive le cellule immunitarie che lo favoriscono. È il risultato di un lavoro di ricercatori di cardiologia dell’Università Cattolica che sarà pubblicato su Basic Research in Cardiology. Studi in corso potrebbero dimostrare la validità di terapie preventive antinfiammatorie

  • Giovanni Reale e Sandro Pertini

    Milano

    Giovanni Reale, ricordo del maestro del pensiero antico

    Nel giorno della scomparsa del filosofo, laureato dell’ateneo, allievo di monsignor Olgiati e per trent’anni professore della Cattolica, il ricordo della comunità accademica, del preside della “sua” facoltà, e alcuni stralci del profilo curato dall’allievo Roberto Radice, pubblicati oggi sul quotidiano "Avvenire"

  • Christian Harris

    Milano

    Lavorare con Google nel motore

    Christian Harris è arrivato a Dublino nell’headquarter europeo della corporation americana grazie al network creato dal professor Brioschi con l’International Advertising Association. Un “passaporto” conferito anche quest’anno a 140 studenti Cimo GALLERY




MILANO

La giustizia indifferente di Kubrick

Il consueto appuntamento con il ciclo di incontri “Giustizia e Letteratura” stavolta si è soffermato sull’opera del grande regista. Tra i film analizzati "Arancia Meccanica", "Eyes wide shut" e "Orizzonti di gloria"

News dalle Sedi, Milano
Pubblicato: 22 maggio 2012

di Velania La Mendola

Claudia Mazzucato

«Il mondo della giustizia è aniconico, tutto avviene attraverso la parola, perfino i libri su cui si studia legge sono privi di immagini, anche in copertina», un’affermazione di Claudia Mazzucato, docente della facoltà di Sociologia e moderatrice dell’incontro del 10 maggio del seminario “Giustizia e Letteratura” dedicato all’opera cinematografica di Stanley Kubrick.

Se il diritto deve aspirare alla verità allora l’immagine, il vedere, non è meno importante della parola e in questo senso il cinema, che sottrae le cose all’invisibilità, può essere considerato un efficace mezzo di riflessione sulla giustizia.

La panoramica generale sull’opera del regista americano è stata affidata a Gianni Canova, preside della facoltà di Comunicazione dello IULM e critico cinematografico, che ha spiegato il punto di vista di Kubrick sull’immagine attraverso un dato curioso: «Kubrick vietava che i suoi film venissero proiettati in lingua originale con i sottotitoli nei Paesi stranieri, voleva che circolassero doppiati. Mi sono chiesto il perché: lo spettatore doveva concentrarsi sulle immagini, più importanti delle parole. Tutto il suo cinema è un conflitto tra parola e immagine». Quest’ultima naturalmente ne esce prevalentemente vincitrice. Basta far scorrere le trame dei suoi film più celebri: in Shining il contrasto è rappresentato dal padre (scrittore) e dal figlio, lo spettatore, che ha il dono della “luccicanza”, del vedere oltre; nel film Lolita il professore di letteratura, un professionista della parola, si perde nello sguardo della ragazza e ne diventa schiavo. «L’unico film autorizzato a circolare con i sottotitoli», ha aggiunto Canova, «è stato Arancia meccanica, perché l’orrore del guardare doveva essere in qualche modo compensato dal peso delle parole, ed evitare così la “cura Ludovico”, l’occhio depalpebrato, allo spettatore».

Ruggero Eugeni, docente di Semiotica dei Media, ha spiegato come la giustizia in Kubrick corrisponda spesso a una messa in scena, una sciarada, anche sontuosa, ma assolutamente inconsistente nella sostanza: «i due processi di riferimento sono due. Il primo è quello di Orizzonti di gloria, che si svolge all’interno di un castello e in cui è evidente che si tratta di un rituale vuoto», i tre soldati processati, accusati di codardia per essere sfuggiti a una carneficina, sono stati infatti sorteggiati per essere condannati, e già in questo unico elemento si rivela l’arbitrarietà della giustizia, nel film rappresentata dal colonnello Dax, che verrà sconfitta, quasi non contemplata. Il secondo processo analizzato da Eugeni è quello di Eyes wide shut: « un processo barocco, ma che risulterà dai dialoghi dei protagonisti come fake, falso, o stage, è un gioco, una messa in scena sul nulla, che non è il vuoto, ma è l’irrappresentabile della vita». Un processo assente è invece quello che condanna il protagonista di Arancia meccanica, Alex, al carcere. Il film è geometricamente diviso in due parti corrispondenti, come spesso accade nella filmografia di Kubrick: nella prima assistiamo alla violenza provocata da Alex, inquadrata sempre da chi la subisce; nella seconda Alex, l’assassino, finisce col diventare la vittima di un sistema giudiziario (infatti la soggettiva passa al protagonista) ancora più violento. Secondo Eugeni: «La fine del film annulla qualsiasi giustizia, il metodo Ludovico è fallito e con lui lo Stato».

La seconda parte del Seminario, affidata ai giuristi, è stata condotta da Carlo Enrico Paliero, docente di Diritto dell’Università degli Studi di Milano, che a proposito di Arancia meccanica ha aggiunto: «il film è la parabola delle dinamiche della società punitiva e dell’utopia guaritiva; il modello fallisce perché c’è un climax regressivo: la giustizia messa in atto è puramente retributiva e arriva al fallimento. L’attenzione di Kubrick per gli istituti e le rispettive dinamiche (carceri, manicomi, esercito) è notevole, in tutti i casi gli organi di controllo vengono delegittimizzati». Il diritto rimane dunque autoreferenziale e il delinquente il nemico da eliminare, anche se spesso il nemico in realtà non esiste come nel caso di Full Metal Jacket in cui il misterioso cecchino assassino è in realtà una ragazza impaurita. In Kubrick «La logica del caso predomina sulla giustizia», ha concluso Paliero.

L’avvocato Remo Danovi, che ha chiuso l’incontro, ha invece messo in luce l’assenza della dinamica di immedesimazione dello spettatore nei processi filmici condotti da Kubrick: violenza, abuso del diritto, assenza dello Stato, intervento di altri meccanismi per il ripristino della giustizia; da questa catena di eventi il regista statunitense elimina l’ultimo anello, perché, secondo Danovi: «nell’universo Kubrick la giustizia non esiste».

Velania La Mendola




Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa