Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • monsignor Giuliodori

    Milano

    Cattolica, una culla per l’incontro tra umano e divino

    Nell’omelia della messa in preparazione al Natale, l’assistente ecclesiastico generale legge nel mistero dell’incarnazione un compito per l’ateneo: aprirsi al dinamismo culturale che illumina la storia e garantire percorsi di impegno educativo 

  • Enrico Zampedri

    Roma

    Nuovo direttore al Gemelli

    Dal 1° gennaio 2015 l’ingegner Enrico Zampedri sarà il nuovo direttore del Policlinico A. Gemelli. Il grazie dell'ateneo e del Gemelli al dottor Maurizio Guizzardi

  • Cesare Kaneklin

    Ateneo

    Meglio cooperare che competere

    Il problema del lavoro in Italia non è effetto della crisi economica, ma della difficoltà a far fronte ai cambiamenti della globalizzazione. Secondo Cesare Kaneklin, i nuovi sbocchi occupazionali, già visibili a livello internazionale, sono nei contesti «in cui non basta più fare ma creare valore, pensando come un artigiano»

  • Misa Labarile

    Milano

    Una carriera targata Ue

    Misa Labarile, diplomata del master in Economics, Politics, Institutions of European Relations di Aseri, lavora alla Rappresentanza permanente d’Italia all’Unione europea. Dopo il semestre di presidenza italiana tornerà come funzionario alla Commissione




LA MOSTRA

Madre Teresa di Calcutta: Vita, spiritualità e messaggio

È stata inaugurata martedì, alla presenza dell’arcivescovo di Milano cardinal Angelo Scola, la mostra dedicata alla Beata promossa da “Tutti più educati”. Con una sezione speciale dedicato alla laurea honoris causa assegnatale dalla Cattolica nel 1981

News dalle Sedi, Milano
Pubblicato: 14 settembre 2012

Il card. Scola visita la mostra

«Esse amano Gesù. E trasformano in azione vivente questo loro amore». Con queste parole, pronunciate da Madre Teresa a un giornalista americano, l’arcivescovo di Milano, cardinal Angelo Scola, ha voluto ricordare la grande lezione della Beata di Calcutta e delle sue consorelle, in occasione dell’inaugurazione ufficiale della mostra a lei dedicata e ospitata nel primo chiostro dell’Università Cattolica.

«In Madre Teresa – ha ricordato Scola nel suo intervento - c’è la cultura, il senso pieno integrale e specificatamente cristiano, di una concezione della vita all’opera da cui purtroppo i nostri dualismi spesso ci tengono lontani: la spiritualità da una parte e la vita dall’altra, come se queste cose non diventassero mai la forma dell’azione e il criterio con cui si agisce».

«Tutti noi – ha concluso l'arcivescovo – diciamo di amare Gesù. A parole. Nelle azioni però sempre più spesso ci lasciamo guidare dal pensiero dominante. La frase di Madre Teresa è una lezione che spero di poter imparare. E lo auguro anche a voi. Questa mostra sarà una bella occasione e sono grato a tutti coloro che l’hanno promossa».

L’allestimento, promosso dall’Associazione Centro Studi “Tutti più Educati”, si intitola “Beata Teresa di Calcutta. Vita Spiritualità e messaggio” èd stato realizzato dal “Mother Center” delle Suore Missionarie della Carità, attingendo al loro archivio fotografico e documentale con immagini e scritti inediti.

La mostra si sviluppa su due percorsi paralleli, uno fotografico e l’altro testuale, ed è suddivisa in undici parti. La prima parte propone, brevemente, gli anni dell’infanzia, la vita famigliare, la crescita e l’educazione della piccola Gonxha, in seguito Madre Teresa. Successivamente viene descritta la sua vocazione: l’ingresso tra le Suore di Loreto ed i compiti svolti nell’Ordine in Irlanda prima, in India poi.

Tra gli altri punti salienti della mostra si deve poi ricordare il momento dell’ispirazione e quello che hanno preceduto il grande passo che ha visto nascere le Missionarie della Carità. Nella quarta parte della mostra viene invece documento l’inizio della grande avventura delle Missionarie della Carità: le prime adepte, le prime case, le prime difficoltà, i ritmi della vita quotidiana delle suore, la preghiera, i poveri, Gesù nell’Eucarestia.

Molto importante anche la quinta parte dell’allestimento, dove viene ripreso il periodo che Madre Teresa definì “le tenebre”, durante il quale la Beata cominciò a provare un’intensa sofferenza interiore e orribili pensieri contrari alla Fede, alla Speranza e alla Carità percorrono la Sua mente. È il momento in cui Madre Teresa si avvicina ai più poveri vivendo insieme a loro l’esclusione, il rifiuto, l’impotenza e l’abbandono. La sesta parte descrive lo sviluppo delle attività, il nascere dei diversi servizi, le vocazioni, l’apertura di tante case in tutta l’India; la settima i cinque rami dell’Ordine: le sorelle attive e le contemplative, i fratelli attivi e i contemplativi, infine i volontari laici.

Nella parte finale del percorso la mostra si sofferma invece sulla consegna a Madre Teresa del Premio Nobel per la Pace e gli ultimi anni della sua vita terrena, con la morte, la santità e la sua beatificazione in Piazza San Pietro. 

L'Università Cattolica ha poi aggiunto una sezione speciale dedicata alla laurea “honoris causa” in Medicina e Chirurgia che le fu conferita nel 1981 dal rettore Giuseppe Lazzati in virtù del suo “sublime esempio di cristiana dedizione all’uomo, tradotto in una creativa intraprendenza per l’attuazione di grandiosi piani rivolti al servizio dei più sofferenti e abbandonati in cui incarna le idealità di padre Gemelli che sentiva l’urgenza di un impegno dell’Università Cattolica nel campo della medicina attraverso una facoltà che fosse scuola e fucina di medici e di operatori sanitari cristiani, formati a esercitare la professione con un’alta qualificazione personale in spirito di servizio e di amore ai fratelli malati”.

La mostra, curata da IKne Arte è ad ingresso libero e resterà aperta, fino al 21 settembre, da lunedì a venerdì dalle 9 alle 19.


LA CERIMONIA

Inaugurazione in Aula Magna

La mostra è stata inaugurata martedì 11 settembre con un incontro, ospitato in Aula Magna, dedicato ai temi della solidarietà sociale. Dopo il saluto del prorettore vicario dell’Università Cattolica, Franco Anelli, che ha illustrato l’allestimento e il suo significato per l’Ateneo, Suor Cyrene, Madre Provinciale delle Missionarie della Carità e Padre Sebastian Vazhakala, Superiore Generale dei Missionari della Carità Contemplativi, hanno presentato l’operato degli ordini costituiti dalla Beata.

Hanno poi preso la parola Adriano Pessina, direttore del Centro di Ateneo di Bioetica della Cattolica, che ha ricordato l’universalità del messaggio di Madre Teresa, rivolto a credenti e non credenti, e Pietro Petraroia, docente di Legislazione dei Beni Culturali in Cattolica, che ha sottolineato il valore storico - documentario del progetto espositivo.

Prima dell’intervento finale dell’arcivescovo di Milano, cardinal Angelo Scola, il direttore d’orchestra e musicologo Adriano Bassi ha eseguito al pianoforte il brano inedito “In virtù del cielo”, composto appositamente per Madre Teresa.

Hanno moderato l’incontro Serena Massa, docente di laboratorio di Archeologia in Cattolica e Laura Caradonna, presidente dell’Associazione Centro Studi “Tutti più Educati”.

Dopo il tradizionale taglio del nastro ad opera del cardinal Angelo Scola l’inaugurazione si è solennemente conclusa con la celebrazione, presso la Basilica di Sant’Ambrogio, della Santa Messa presieduta per l’occasione da Monsignor Erminio De Scalzi, vicario episcopale per gli eventi e gli incarichi speciali e abate di Sant’Ambrogio e Padre Sebastian Vazhakala, superiore generale dei Missionari della Carità Contemplativi.



Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa