La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per complexity:

Joseph Stiglitz inagura il Cle

MILANO Joseph Stiglitz inagura il Cle Per l’avvio ufficiale delle attività del nuovo centro di ricerca Complexity Lab in Economics il premio Nobel 2001 è intervenuto sulla necessità di un nuovo paradigma per l’economia mondiale dopo la crisi. giugno 2015 È stato il premio Nobel per l’Economia 2001 Joseph E. Stiglitz a inaugurare lunedì 8 giugno il nuovo centro di ricerca dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Complexity Lab in Economics ( Cle ), nato con l’obiettivo di incoraggiare la ricerca sulle applicazioni della scienza della complessità ai modelli economici. Il Complexity Lab in Economics (Cle) è stato fondato nel dicembre del 2014 per porre particolare rilievo al contributo che la scienza della complessità applicata all’economia può dare in termini di governo del sistema economico e di politica economica». Il direttore del neonato centro di ricerca dell’Università Cattolica Domenico Delli Gatti , ordinario di Economia politica nella facoltà di Economia dell’Ateneo, delinea in anteprima aspetti e finalità del Complexity Lab in Economics, a partire dal concetto stesso di complessità che sta alla base delle sue attività scientifiche. Il sistema economico è complesso nel senso che gli aggregati macroeconomici sono differenti dalla somma delle decisioni microeconomiche prese dai singoli agenti in isolamento: le interazioni locali possono determinare proprietà aggregate emergenti che non sono direttamente riconducibili alle caratteristiche dei singoli agenti. Comprendere i meccanismi di interazione e le dinamiche aggregate dei sistemi complessi adattivi è lo scopo della scienza della complessità, una scienza profondamente interdisciplinare che raccoglie intuizioni e strumenti dalla fisica, dalla biologia e dall’informatica». In che modo ha reagito la comunità accademica? «Ha risposto adottando nuovi programmi di ricerca, destinati a rispondere alle istanze di una società profondamente segnata dalla crisi e alla delusione dei responsabili delle istituzioni di politica economica, che si sono trovati senza gli strumenti scientifici adeguati ad affrontarla.

 

Brexit? A rischiare è il Regno Unito

milano Brexit? A rischiare è il Regno Unito Secondo l’economista Paul De Grauwe , Keynote Speaker della Annual Conference del Complexity Lab in Economics dell’Università Cattolica, un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea sarebbe più rischiosa per gli inglesi che non per l’Ue. giugno 2016 I veri rischi per un'uscita dall'Unione europea della Gran Bretagna sono più per l'Inghilterra che per l'Ue. Lo spiega l'economista della London School of Economics Paul De Grauwe , intervistato da Davide Zamberlan , con la collaborazione di Antonio Di Francesco . Secondo il professore belga, la Brexit comporterebbe un calo di investimenti per le aziende britanniche. Martedì 31 maggio De Grauwe è stato Keynote Speaker della Annual Conference del Complexity Lab in Economics (Cle) dell'Università Cattolica e ha parlato di The Future Governance of the Eurozone . Il Cle, diretto dal professor Domenico Delli Gatti , è stato istituito nel dicembre 2014 per sostenere la ricerca sulle applicazioni della scienza della complessità ai modelli economici. La lezione inaugurale del Centro di ricerca è stata affidata l’8 giugno 2015 al premio Nobel per l’Economia 2001 Joseph E. Stiglitz.

 

Stiglitz, che errori con la Grecia

MILANO Stiglitz, che errori con la Grecia Secondo il Premio Nobel per l’Economia 2001, in Cattolica per inaugurare Complexity Lab in Economics , l’uscita del Paese ellenico dall’euro segnerebbe la fine della solidarietà europea e aprirebbe a nuove crisi. La nostra intervista VIDEO 02 luglio 2015 Crisi, contagio e necessità per un nuovo paradigma. Dinanzi a un’aula magna gremita di docenti e studenti, il professore della Columbia University ha ricordato che la crisi finanziaria scoppiata nel 2007 ha messo in evidenza il fallimento di tutti i modelli economici classici. Inoltre, ha aggiunto, l’interconnessione ha reso ancora più vulnerabile e suscettibile l’intero sistema, con conseguenze elevate dal punto di vista dei costi. Ecco perché, ha notato Stiglitz, «la risposta a un’epidemia non è la “diversificazione”, ma l’isolamento, la quarantena». Secondo il docente americano sarebbe un errore se la Grecia fosse costretta a uscire dall’euro: segnalerebbe la fine della solidarietà tra i Paesi del continente e indurrebbe un clima di sfiducia che aprirebbe la strada a nuove crisi. stiglitz #economia #complexity Facebook Twitter Send by mail.

 
Go top