La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per booktelling:

Editoria, su YouTube gli incontri di Idea

Ogni giovedì nella playlist si troveranno video con le analisi delle tendenze attuali e i dibattiti sulle prospettive future, in chiave internazionale e transmediale, ma anche ampi spazi per consigli utili per chi vuole lavorare nel settore di intrattenimento più produttivo in Italia. IDEa è un luogo digitale di riflessione - osserva Edoardo Barbieri , direttore dei master - che ospiterà dibattiti e interviste live e videoregistrate a professionisti del settore editoriale rivolgendosi a tutti coloro che amano i libri, che di questi vivono o che vorrebbero fare della passione per la lettura una professione». Secondo Paola Di Giampaolo , cui si deve la progettazione e il coordinamento dei due master, «IDEa sarà anche, per loro, occasione di sperimentazione e di formazione, poiché condurranno le interviste, realizzeranno editing video e parteciperanno attivamente alla organizzazione e alla gestione dei live». IDEa si affianca infatti agli altri canali di informazione aggiornati dagli allievi, sotto la guida dei docenti: il blog , dove proseguiranno a essere pubblicate ogni martedì recensioni e interviste a professionisti, e i canali Facebook, Twitter, Linkedin e Instagram dei due master. Una call to action ispirata non solo alla bellezza delle librerie, ma soprattutto a uno studio approfondito di strategie gestionali e di marketing per rendere i punti vendita non solo un epicentro creativo, ma soprattutto un esempio virtuoso di imprenditorialità culturale. Il primo dei 4 incontri è il 12 maggio alle 18: Lorenza Stroppa , editor di Ediciclo, docente di scrittura creativa e editoria turistica, autrice di Da qualche parte starò fermo ad aspettare te (Mondadori), ci farà riflettere su come scriveremo, leggeremo e creeremo legami con i lettori ai tempi del post-Coronavirus. A seguire, il 19 maggio , sempre alle 18, il dialogo con Eugenio Trombetta Panigadi , amministratore delegato di IBS.it, per vedere insieme quali opportunità offre il digitale per la comunicazione, promozione e vendita di libri di fronte (e oltre) l’emergenza Covid19.

 

Al lavoro tra libri, web e serie tv

master Al lavoro tra libri, web e serie tv Parte a novembre la seconda edizione del master BookTelling per imparare a comunicare, promuovere e vendere contenuti editoriali. Iscrizioni entro il 3 ottobre 11 settembre 2019 Duecento nuovi titoli pubblicati ogni giorno, quasi 5.000 editori attivi: l’editoria libraria in Italia è un settore ricco di offerta, il primo comparto dell’industria culturale, ma ancora troppi libri non arrivano al lettore. Professionisti che la nuova legge sulla promozione del libro approvata dalla Camera potrebbe rendere ancora più richiesti: se la riduzione del prezzo potrà incidere sempre meno nell’incoraggiare gli acquisti, sarà sempre più necessario trovare nuove vie per promuovere libri. Gli allievi della prima edizione, che si avvia a conclusione, sono ora in stage presso case editrici, agenzie letterarie e agenzie di comunicazione, librerie online e offline e vari di loro hanno già ricevuto l ’interessamento di case di produzione e autori per progetti di trasposizione cinematografica . master #editoria #booktelling #comunicazione Facebook Twitter Send by mail Print MASTER BOOKTELLING, SECONDA EDIZIONE La seconda edizione partirà a novembre 2019 a Milano ( Iscrizioni alla prova di ammissione entro il 3 ottobre 2019 ). Partecipano inoltre DGLine, che collabora alla realizzazione del blog e dei profili social del Master, Editrice Bibliografica, con la quale sono organizzati incontri dedicati ai mestieri del libro, Argentovivo, Con3 Contenuti Connessioni Condivisioni, MVGPress e Manzoni22, che partecipano alla promozione e comunicazione su diversi canali. A queste realtà si affiancano molte case editrici, agenzie letterarie e di comunicazione, librerie online e offline, aziende del settore editoriale e dei media che collaborano con il master BookTelling mettendo a disposizione stage, offerte di lavoro, borse di studio e i propri professionisti come docenti.

 
Go top