La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per cei:

Il rettore Anelli: «Continueremo a fare la nostra parte»

Proseguire con il blocco della didattica – commenta – aumenta la necessità di interventi sulla programmazione delle nostre lezioni, del calendario, degli esami». Cosa avete messo in campo per affrontare questo periodo strano e straordinario? «Abbiamo dei corsi che prevedono da sempre anche lezioni online, ma non possiamo pensare di sostituire del tutto, con questa modalità, la lezione tradizionale fatta in aula. Ecco perché abbiamo chiesto anzitutto ai docenti che vi sia la massima chiarezza sui programmi di studio e sulla bibliografia annessa, per permettere agli studenti di prepararsi in modo adeguato agli esami, anche in assenza di lezioni». E sul possibile ricorso alle lezioni online? «Da un punto di vista tecnico siamo in grado di offrire la trasmissione di lezioni, ma non si può parlare di una piena alternativa alla lezione in aula. Cosa lascerà in eredità questa emergenza? «Gli atenei amplieranno gli strumenti a loro disposizione e anche i professori che non si erano confrontati in modo approfondito con il mondo digitale nella propria docenza potranno sperimentare queste nuove modalità. Insomma sarà una Giornata dell’Università Cattolica dal volto strano ...«Mi auguro vivamente che per il giorno in cui celebreremo la Giornata, ci si trovi già nella fase di ripresa da questa crisi. Lo sguardo al futuro e ai giovani sono temi ricorrenti nel messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana : «Per pensare e costruire il futuro bisogna partire dai giovani e investire su di loro.

 

Mons. Raspanti apre i corsi di Teologia

“ Teologia e discernimento: nuovi ambienti e nuovi linguaggi ”: è il titolo della lezione inaugurale che il vice presidente della Cei pronuncerà, alle ore 13, nell’Aula Magna dell’Ateneo (largo Gemelli, 1 Milano). Interverranno il rettore Franco Anelli e l’assistente ecclesiastico generale dell’Ateneo monsignor Claudio Giuliodori . Gli insegnamenti di Teologia dell’Università Cattolica intendono offrire una conoscenza motivata, ragionata e organica dei contenuti della Rivelazione e della vita cristiana. Il piano di studio curricolare dei corsi di laurea triennale prevede per gli studenti iscritti la frequenza a tre corsi semestrali di Teologia. Per il biennio di specializzazione è proposto un corso semestrale su tematica inerente il curriculum frequentato. Complessivamente sono 45 i docenti di Teologia nelle quattro sedi dell’Università Cattolica: 23 a Milano, 6 a Brescia, 5 a Piacenza-Cremona, 11 a Roma. teologia #prolusione #cei Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Bassetti e Il papa americano

Milano Bassetti e Il papa americano Il cardinale presidente della Cei parteciperà alle 11 alla presentazione del libro di Silvina Pérez e Lucetta Scaraffia ( VeP ). La tavola rotonda, a cui parteciperanno l’assistente ecclesiastico generale dell’Ateneo monsignor Claudio Giuliodori e il professor Vittorio Emanuele Parsi , sarà introdotta dal rettore Franco Anelli . All’evento saranno presenti le autrici e il direttore dell’Osservatore Romano Giovanni Maria Vian . Il libro mette a fuoco con arguta vena narrativa gli elementi di novità rappresentati dall'elezione, sorprendente, di Jorge Mario Bergoglio, il settantaseienne arcivescovo di Buenos Aires, che prima di diventare papa era quasi sconosciuto in Europa. La storia personale di papa Bergoglio e le linee-maestre della riforma che Francesco sta imprimendo alla Chiesa cattolica sono qui raccontate e saranno oggetto del dibattito. papa #francesco #cei #vitaepensiero Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Cardinal Bassetti: «La Chiesa vi guarda con ammirazione»

Nel rivolgervi qualche breve pensiero in occasione di questo solenne atto accademico, dopo gli interventi del Rettore e del Preside che hanno illustrato l’impegno e le attività dell’Ateneo in questa sede, vorrei soffermarmi su due aspetti di rilevante attualità per la missione dell’Università Cattolica. A partire dal Concilio Vaticano II è certamente cresciuta l’attenzione verso i giovani, ma è tale la complessità della sfida educativa che Papa Francesco ha sentito l’esigenza di rinnovare e rendere ancora più intenso l’impegno nei loro confronti. Un tale apprezzamento, certamente meritato e incoraggiante, richiede da parte di tutti ancor più consapevolezza della sete che c’è, tra i giovani e non solo, di una scienza unita alla sapienza, di una ragione illuminata dalla fede, di una professionalità che non sia mai disgiunta dalla solidarietà. Per molti aspetti il cammino che si è realizzato in questa sede romana, dove ha preso forma quello che Gemelli amava definire il “sogno della vita mia”, ci dice quanta strada è stata fatta, ma anche quanto grandi sono le sfide che i giovani devono affrontare. Così come il tema della sostenibilità della spesa sanitaria diviene ogni giorno più complesso e alimenta la tentazione di rompere quel patto di solidarietà nazionale che fa della sanità uno degli elementi di maggiore equità nel Paese. Non meno preoccupante è l’affermarsi di una visione radicalmente individualista ed eugenetica dell’esistenza che porta a relativizzare il bene della vita, soprattutto nelle fasi iniziali e in quelle terminali, e oggi anche di fronte a condizioni di vita non ritenute degne o sostenibili. Una tale deriva può essere contrastata solo da una cultura della sanità che al contrario sappia valorizzare il dialogo tra medico e paziente nell’ottica di un benessere complessivo della persona malata che non è mai riducibile alla sua cartella clinica o un codice collegato ai protocolli di ricerca.

 
Go top