La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per cyber:

Robot-lavoro, la cyber-rivoluzione è partita

il dibattito Robot-lavoro, la cyber-rivoluzione è partita Iperconnettività e intelligenza artificiale influenzano i sistemi produttivi, le forme di lavoro, le infrastrutture impiegate, con profonde conseguenze sulla riconfigurazione delle competenze e dei profili richiesti. La quarta rivoluzione industriale (Schwab, 2016) sta trasformando sia i processi produttivi , sia i profili di competenze professionali e lavorative a essi associate. Da un lato nascono nuove occupazioni, nuove aziende e nuovi mercati, dall’altro l’automazione nel breve periodo porta alla cancellazione di numerose occupazioni, mentre l’AI permette di automatizzare anche occupazioni a medio-alto livello di qualifica. Più in generale l’affermarsi delle tecnologie di terzo ordine, dalla domotica all’intelligenza artificiale, sta generando una dipendenza delle società umane dalle ICT e dalle informazioni da esse veicolate, aprendo una riconfigurazione del rapporto uomo-macchina che coinvolge diversi interlocutori a vari livelli: istituzionale, politico, manageriale, professionale e lavorativo. Un numero sempre maggiore di studi (Frey & Osborne, 2017; Makridakis, 2017; Peters,2017) si concentra sull’effetto della rivoluzione industriale sul mondo del lavoro in termini di occupazione, disoccupazione, replacement e sulle competenze lavorative necessarie alla forza lavoro del futuro e sui migliori strumenti formativo-didattici per il loro sviluppo. In gioco sono nuove visioni del lavoro e conseguenti sollecitazioni verso forme diversificate di contrattualità bilanciando diritti e doveri e configurando modalità più raffinate e impegnative di rapporto tra soggetti, lavoro e organizzazioni. Quali sono le sue implicazioni sociali, antropologiche, pedagogiche, economiche, etiche e culturali? Segui il dibattito su Cattolicanews [torna alla pagina di lancio].

 
Go top