La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per dibattito:

Quei falli a centrocampo di Donald Trump

L'analisi Quei falli a centrocampo di Donald Trump Nel primo duello televisivo, il presidente ha cercato con continue interruzioni di non far tirare in porta l’avversario, che, da par suo, lo ha attaccato sul piano personale. Faccio una prima considerazione: il defender , per usare i termini dell’America’s Cup, che avrebbe dovuto essere Trump, in realtà è parso avere un atteggiamento più da attaccante rispetto all’avversario challenger . Ovviamente molto è stato determinato dalle personalità dei due sfidanti: il presidente in carica è il classico uomo che non ha un background politico, diplomatico naturale, come ha, invece, il candidato Dem, e quindi è molto più portato al pragmatismo. Se immaginiamo il dibattito come una partita di calcio, Trump con le continue e insistenti interruzioni ha cercato di giocare pressando alto per non fare giocare l’avversario e utilizzando il fallo tattico per impedirgli di entrare nella propria metà campo, e tirare in porta. Sulla mancanza di fair anche Biden non è stato da meno, facendo attacchi più personali che politici. Mentre Trump rispondeva agli attacchi dell’avversario ribattendo più sulla linea politica dell’ex vice di Obama (per esempio parlava di “voi radicali socialisti”), Biden si riferiva direttamente alla persona, puntando a ridicolizzare la figura di Trump, che già gode di una reputazione pubblica internazionale un po’ negativa. docente al Seminario di Public Speaking, facoltà di Scienze politiche e sociali , campus di Brescia #elezioni usa #trump #biden #dibattito Facebook Twitter Send by mail Print.