La tua ricerca ha prodotto 6 risultati per ebook:

Alberto Manguel e la sua pandemia nell’ebook di Vita e Pensiero

La parabola della vita di Ellin viene raccontata in un susseguirsi di fasi di confinamento, di passaggio da un luogo di clausura a un altro. Così ha maturato il sentimento di sé, quel conoscere se stessi attraverso la consapevolezza di qualcuno che sta al di là della porta. Di seguito l'anteprima del racconto che chiude la serie ebook della casa editrice dell’Università Cattolica nata nel corso del lockdown e che potete scaricare gratuitamente qui . di Alberto Manguel La donna che mi insegnò le mie prime lingue (l’inglese e il tedesco) non fu mia madre, ma una profuga tedesca che i miei genitori avevano assunto come governante, quando avevo appena pochi mesi. Ellin e io abitavamo nel seminterrato: era una stanza spaziosa, dalle cui finestre, che erano dei piccoli rettangoli vicini al soffitto, intravvedevo un quadrato d’erba del giardino e una striscia di cielo . Le quattro palme che si innalzavano in mezzo al prato non erano visibili dalle mie finestre, ed era sempre una sorpresa vederle apparire, quando Ellin mi portava a giocare in giardino – chissà, forse mi aspettavo che sparissero mentre dormivo. E mi raccontava di quando, a Stoccarda, era rimasta confinata per mesi con la sua famiglia in un appartamento microscopico, perché suo padre pensava che fosse troppo pericoloso per loro, ebrei, uscire in strada – ciò nonostante, continuavano a vivere sperando che un giorno le cose sarebbero cambiate.

 

Migrazioni, una collana open access

Qual è lo scopo della collana? Gli studi e le ricerche che ospitiamo, di sociologia e altre discipline politico-sociali e umanistiche, si pongono l’obiettivo di facilitare una comprensione dei processi migratori e delle società multiculturali. Leggere “dentro le migrazioni” significa non solo seguire le tradizioni teoriche ed empiriche più consolidate ma anche sviluppare nuovi metodi e approcci nella ricerca sul campo. Quali sono i temi che esplorerete in futuro? La Collana Inside Migration ospiterà quei contenuti che la comunità degli studiosi ci proporrà, a partire dai progetti in corso che il Cirmib realizza con diversi partners locali, nazionali e internazionali. Come dicevo all’inizio, la collana vuole dare voce anche a nuovi approcci nella ricerca sul campo, quindi, ad esempio, le ricerche partecipative, i nuovi approcci epistemologici, gli atti di workshop o convegni su temi emergenti, ecc. – specialmente se proposti da studiosi giovani, che vogliano mettersi alla prova. Tutte le proposte editoriali per i Quaderni, che possono essere inviate alla mail cirmib-bs@unicatt.it , saranno selezionate dopo una procedura double blind di valutazione con referee anonimi. E, attraverso di loro, ci rivolgiamo a studenti universitari, docenti, operatori sociali, politici, amministratori ecc. che devono prendere decisioni su come agire nei contesti immigratori. Inoltre, rispondendo ai criteri di open publishing, ormai divenuti un riferimento obbligato per chi fa ricerca coi fondi pubblici e comunitari, si vuole incentivare la pubblicazione di opere specialistiche, che con l’immensa possibilità di circolazione offerta dal web potranno diventare in breve tempo patrimonio di tutti.

 

Il segno delle chiese vuote, ebook gratuito

Tolentino Mendonça , la casa editrice Vita e Pensiero mette a disposizione un nuovo ebook gratuito scritto per questo tempo, un invito a un nuovo cristianesimo: Il segno delle chiese vuote del praghese Tomáš Halík . Ordinato clandestinamente prete durante il regime comunista, Halík ha ricevuto numerosi premi per il suo impegno a favore del dialogo interreligioso, dei diritti umani, della libertà spirituale, tra cui nel 2014 il prestigioso Templeton Prize, il "Nobel" per la religione. di Tomáš Halík L’anno scorso, prima di Pasqua, la cattedrale di Notre-Dame a Parigi è andata in fiamme; quest’anno, in Quaresima, in centinaia di migliaia di chiese di diversi continenti, nonché in sinagoghe e moschee, non si svolgono funzioni. Non posso però fare a meno di chiedermi se questo tempo di chiese vuote e chiuse non rappresenti una sorta di monito per ciò che potrebbe accadere in un futuro non molto lontano: fra pochi anni esse potrebbero apparire così in gran parte del nostro mondo. Non vedo come un rimedio veloce sotto forma di artificiali surrogati, quale ad esempio la trasmissione delle messe in televisione, possa essere una buona soluzione in questo momento in cui il culto pubblico è sospeso. Forse dovremmo invece mettere alla prova la verità delle parole di Gesù: «Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». Quelle isole di spiritualità e dialogo potrebbero essere la fonte di una forza capace di guarire un mondo malato.

 

Le regole e la vita, il nuovo e-book gratuito di Vita e Pensiero

LIBRI Le regole e la vita, il nuovo e-book gratuito di Vita e Pensiero Nuova iniziativa della casa editrice dell'Ateneo che pubblica in formato elettronico il libro del professor Gabrio Forti , direttore dell'Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giustizia Penale 04 maggio 2020 Terzo e-book gratuito per Vita e Pensiero. Del buon uso di una crisi , tra letteratura e diritto di Gabrio Forti , direttore dell' Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giustizia Penale . Il libro nasce dalla spe­ranza che l'ASGP avesse un ‘modo’ per parlare al Paese e alla comunità accademica del problema immane della pandemia che stiamo affrontando tutti insieme, per prepararci con consapevolezza e determinazione alle grandi sfide che ora si stanno profilando. Il che vuol dire che tutti debbano sentirsi interpellati a testimoniare il proprio ‘modo’ di superare le difficoltà, avendo la consapevolezza che se ne potrà uscire solo tut­ti insieme. Potremmo anche dire: per parlare al Paese pensando alle nuove generazio­ni, il cui futuro riceverà da questa pandemia una svolta inaudita, che solo con un grande impegno collettivo potrà essere indirizzata verso condizioni in grado di accoglier­ne e valorizzarne il patrimonio di intelligenza, impegno e passione. La luce è lontana e rischiamo tutti, come individui e co­munità, di illuderci che i nostri latrati, magari rivolti rab­biosamente contro qualcuno, ci permettano di compensare la impotenza cognitiva e la perdita di controllo sull’am­biente e sulla natura che ci inquietano. Traiamo da questa immagine la rivelazione folgorante dei meccanismi illusionistici, perversi e dia-bolicamente divisivi, che incombono sul nostro presente e, soprattut­to, sul nostro futuro, magari nella forma di digrigni guer­reschi e accusatori, delle ostentazioni di forza e dei segni antichi della potenza sovrana.

 

Ci voleva il Covid per capire che (in democrazia) uno non vale uno

Politologia Ci voleva il Covid per capire che (in democrazia) uno non vale uno Se c’è una verità che l’emergenza ha rivelato è la rivincita delle competenze nel guidare l’azione politica. Pendiamo dalle labbra di coloro che hanno studiato a lungo i virus, che possono avanzare, a ragion veduta, delle soluzioni per arrestare la pandemia e per farci tornare a vivere nell’agognata normalità. È indubbio, però, che l’emergenza sanitaria in atto a livello globale ha svelato (con tutto il suo carico di problematicità) un tema rimasto sottotraccia nel dibattito pubblico o trattato in maniera alquanto semplicistica: la necessità di usufruire del parere degli esperti per assumere decisioni politiche. Già molto tempo prima della diffusione del coronavirus, tale compromesso è apparso in crisi profonda e una delle principali cause è proprio legata al fatto che l’idea che sia un’élite a decidere le sorti della società ha perso molto credito. Il Covid-19 ci ha invece aperto gli occhi sul fatto che la partecipazione di tutti è essenziale in una democrazia, ma che in alcuni momenti non tutti possono dire la loro. Dobbiamo essere orgogliosi dei talenti che abbiamo ricevuto e metterli al servizio di una società che deve essere capace di apprezzarli. Sono così nati quattro ebook di riflessioni spirituali: Il potere della speranza di monsignor Tolentino Mendonça , I giorni del nemico di Giuliano Zanchi , Il segno delle Chiese vuote di Halik , il libro fotografico La via sacra della Pandemia di Alexandre Palma .

 

Gabrio Forti, dalla crisi un sistema giuridico più essenziale

In questa intervista il professor Gabrio Forti , docente di Diritto penale e Criminologia e direttore dell’Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giustizia Penale ( Asgp ), presenta la nuova pubblicazione dell’Alta Scuola dal titolo Le regole e la vita. Professor Forti, come nasce questa nuova pubblicazione dell’Alta Scuola “Federico Stella”? «Lo spunto è venuto dal nostro Rettore in risposta a una richiesta su che cosa potesse fare per l’Ateneo la nostra Alta Scuola in un periodo così difficile. Ne è nata l’idea di un contributo a una presenza culturale dell’Università Cattolica nella crisi in corso, originariamente pensato come raccolta di brevi video da mettere sui canali web. Solo dopo è balenato il proposito di farne un ebook, quando, come primo risultato, mi sono trovato davanti un concerto di giovani voci distinte ma ben armonizzate, davvero una mirabile unità nella molteplicità. Ma è stato anche decisivo, per il passaggio dai video a un testo scritto, il sostegno convinto di Aurelio Mottola, il Direttore della casa editrice Vita e Pensiero, che ha creduto in questo progetto e ha subito accettato di farne un ebook da mettere a disposizione di tutti, gratuitamente. Si sarebbe preferito non doverlo apprendere così dolorosamente, ma quanto stiamo vivendo ha mostrato, meglio di tanti corsi di educazione alla legalità, l’importanza di avere buone (e poche) norme, capaci di prendersi cura della vita degli esseri umani perché fatte di “parole giuste”, grazie anche alla letteratura». Tra essi quella che il grande giurista toscano Francesco Carrara chiamava la “nomorrea”, ossia l’inflazione di norme e, soprattutto, di sanzioni con cui si mascherano sotto una coltre di finto decisionismo i deficit di studio e comprensione dei problemi complessi.

 
Go top