La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per esopianeti:

Fisica, un Nobel che fa luce sull'universo

Metà del premio va a Jim Peebles per delle scoperte teoriche in cosmologia. In particolare, quando nel 1964 Penzias e Wilson misurarono un'ignota radiazione con la loro antenna, furono Peebles, Dicke, Wilkinson and Roll a interpretare tale radiazione come un segnale inequivocabile del Big Bang (la radiazione cosmica di microonde era stata predetta prima, nel 1948, da Alpher e Herman). La radiazione cosmica di fondo è praticamente una fotografia dell'universo un istante dopo che esso è diventato trasparente alla luce, e costituisce la fonte di informazioni più diretta che abbiamo sull'universo primordiale. Inoltre Jim Peebles è stato un pioniere sulla teoria della formazione delle strutture cosmiche, che descrive il meccanismo per cui l'universo è potuto evolversi, da un plasma di particelle ad alta temperatura, a un arcipelago di stelle e di galassie. L'altra metà del premio va a Michel Mayor e a Didier Queloz per la scoperta, nel 1995, del primo pianeta fuori dal sistema solare (esopianeta) che orbita su una stella simile al sole. Da allora le scoperte di esopianeti simili si sono moltiplicate: ad oggi ne sono stati osservati oltre 4 mila nella via lattea, con una grande varietà di forme e dimensioni. docente di Cosmologia alla facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali , campus di Brescia #fisica #nobel #esopianeti #universo Facebook Twitter Send by mail.

 
Go top