La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per fausto colombo:

Un manifesto per la comunicazione gentile

Il libro Un manifesto per la comunicazione gentile Nel nuovo libro di Fausto Colombo pubblicato da Vita e Pensiero l’invito ad abbassare i toni tornando al garbo della conversazione faccia a faccia e al rispetto degli interlocutori, ma anche il richiamo a una comunità di destino. Il book trailer del volume by Velania La Mendola | 27 maggio 2020 Cosa significa guardare ai media con un approccio ecologico? Lo spiega Fausto Colombo , sociologo della comunicazione dell’Università Cattolica, nel nuovo libro " Ecologia dei media. Manifesto per una comunicazione gentile " dove analisi critica e prospettiva etica si integrano in un discorso puntuale e suggestivo insieme. Come ondate sempre più potenti, si riversano sul mondo prima i mezzi a stampa, poi la radio e la televisione, poi ancora la prima digitalizzazione e l’utopia di internet, per arrivare oggi alle grandi piattaforme, macchine algoritmiche la cui benzina è costituita dai comportamenti degli utenti. Un ecosistema, quest’ultimo, che produce effetti sulla vita sociale e che, oltre a offrire straordinarie opportunità, può anche letteralmente inquinare il nostro universo simbolico, come fanno i discorsi d’odio e le false verità circolanti sui social, che le piattaforme non sembrano completamente in grado di limitare. Perché è arrivato il momento di fermare la frenesia ‘social’ e di guardare come i nostri avatar o nickname ci parlano di noi stessi in quanto umani. Una possibilità straordinaria e preziosa, e ora fragile più che mai nelle nostre mani.

 

Il prof. Fausto Colombo ospite di Jovanotti

Milano Il prof. Fausto Colombo ospite di Jovanotti Il direttore del dipartimento di Scienze della comunicazione e dello spettacolo è intervenuto al Jova House Party di Lorenzo Cherubini, live il 30 marzo su Instagram. Guarda il video 31 marzo 2020 Stavolta l’ospite d’eccezione è stato il professor Fausto Colombo e l’anfitrione Lorenzo Cherubini Jovanotti . Il docente di Teoria della comunicazione e dei media e direttore del dipartimento di Scienze della comunicazione e dello spettacolo è stato invitato a partecipare, con un intervento in diretta, al Jova House Party . Il professor Fausto Colombo e Jovanotti, come ha spiegato il cantante, si sono conosciuti qualche tempo fa in occasione di un evento collegato al Jova Beach party (leggi l ’intervento del professore ). Nel corso del live si è parlato della differenza tra antropologo e sociologo, della didattica online e delle tesi a distanza cui Colombo parteciperà giovedì prossimo, della testimonianza di Papa Francesco, dello smart working come esigenza collettiva. Fausto Colombo ha letto il tempo che stiamo vivendo come dominato dall’incertezza ma ha concluso affidandosi a una parola positiva: la speranza, che significa riuscire, nonostante tutto, a sentirsi una grande comunità di destino, a essere tutti su un’unica grande arca di Noè. Tutta la puntata del 30 marzo è sul profilo di lorenzojova.

 

Cari studenti, discutiamo di virus e comunicazione

Un invito a condividere le sensazioni di questo momento, in cui pare di vivere “come sospesi”, ma soprattutto a fare alcune riflessioni su come gestire la comunicazione in una situazione di emergenza. Pubblichiamo la parte iniziale dell’articolo di Fausto Colombo * Care studentesse, cari studenti, in molti anni di insegnamento, e ancora più di vita, questa è la prima volta che mi accade una situazione del genere: l’università (saggiamente) ha sospeso le lezioni. Useremo la tecnologia, la fantasia, la voglia di esserci, di insegnare e di apprendere, e porteremo a casa il risultato. Però noi studiamo comunicazione, e non possiamo perdere l’occasione per fare insieme qualche riflessione su quanto sta accadendo, proprio usando la chiave delle nostre materie, e delle nostre consapevolezze. Inoltre da alcune statistiche europee si poteva evincere che il nostro Paese spiccava per un non invidiabile primato: era quello in cui più forte era il gap fra la convinzione diffusa di essere informati (molto alta) e l’effettiva conoscenza della malattia e dei modi di difendersene (molto bassa). Alcuni giornali avevano poi usato titoli e illustrazioni del tutto allarmistiche (ricordo su un nostro quotidiano nazionale importante un’immagine in cui da tutti i luoghi di infezione nel mondo partivano minacciose frecce che puntavano sul nostro Paese…). continua a leggere sul blog] * docente di Teoria della comunicazione e dei media, facoltà di Scienze politiche e sociali , campus di Milano #coronavirus #fausto colombo #comunicazione #emergenza Facebook Twitter Send by mail Print.

 

La comunicazione, una risorsa su cui investire

MILANO La comunicazione, una risorsa su cui investire Il Dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello spettacolo ha celebrato i suoi vent’anni con un convegno. Un settore in cui la Cattolica è da sempre in prima linea 19 settembre 2019 «La verità dovrebbe prendere il sopravvento sulle fake news , la comunicazione e il giornalismo dovrebbero schiacciare il falso, un puntino rosso che dovrebbe essere travolto dall’informazione corretta e professionale». Le sue attività coinvolgono direttamente l’ Alta Scuola di Comunicazione in Media e Spettacolo (ALMED) – e diversi centri di ricerca come OssCom , che quest’anno festeggia i suoi 25 anni, il CeRTA e il CIT . Il Dipartimento – prosegue Colombo - è molto attivo dal punto di vista della ricerca accademica, infatti molti suoi membri si sono aggiudicati progetti di ricerca di interesse nazionale. L’attività più recente, in tal senso, è la ricostruzione della storia dei media e della comunicazione in Italia che è uscito in tre volumi su Vita e Pensiero e di cui celebreremo giovedì l’uscita dell’edizione in inglese». Un’attività di ricerca nel segno della multidisciplinarietà: «Lavoriamo sempre in un’ottica interdisciplinare, far lavorare insieme persone di diverse facoltà penso che possa essere un modello – spiega Colombo – l’incontro tra studiosi che parlano lingue un po’ diverse tra di loro sono sempre una grande spinta all’innovazione». A seguire si è tenuto il dibattito Un teatro per la Trasformazione Partecipata della Comunità , accompagnato dalla presentazione de i TiPiCi, associazione di gruppi di teatro sociale e di comunità dell’area metropolitana milanese.

 
Go top