La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per horizoneurope:

Senza fondi alla ricerca non si aiuta il progresso europeo

Il “Next Generation Eu” per la “Ripresa” e la “Resilienza”, con l’emissione nel periodo 2012-2024 di 750 miliardi di Recovery bond, è una innovazione epocale che si connette anche al Quadro Finanziario Poliennale (QFP) 2021-2027 per 1100 miliardi. Ricerca e Innovazione Tra questi aggiustamenti è necessario quello per i fondi alla Ricerca e Innovazione del programma Horizon Europe. Il Parlamento europeo aveva proposto a suo tempo 120 miliardi e poi la Commissione 94 miliardi. Il Consiglio Europeo di febbraio tagliò alcuni miliardi e quello iniziato il 17 luglio è “planato” addirittura a 80 miliardi. David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, è meritoriamente deciso a una trattativa molto ferma con il Consiglio (oggi si incontrano Angela Merkel, Ursula von der Leyen e lo stesso Sassoli) per ritornare sperabilmente verso i 100 miliardi. È evidente che non si vogliono e non si possono danneggiare le conclusioni del Consiglio, ma va anche ricordato che senza gli aumenti dei “Rebates” ai Paesi frugali (Olanda, Svezia, Danimarca, Austria) si passerebbe dagli 80 a quasi 90 miliardi. continua a leggere su Huffingtonpost ] * professore emerito di Economia politica all’Università Cattolica, fondatore e attualmente presidente del Consiglio scientifico del Cranec (Centro di ricerche in Analisi economica), presidente emerito dell’Accademia Nazionale dei Lincei #recoveryfund #horizoneurope #ricerca Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Horizon, 100 mld per la ricerca

Ateneo Horizon, 100 mld per la ricerca A tanto ammonta il budget del programma quadro europeo per il quinquennio 2020-2025. A Bruxelles la presentazione delle modalità di allocazione delle risorse del nuovo bando e un confronto sul rapporto tra ricerca di base e ricerca industriale. Tra il pubblico erano presenti più di 20 rettori, numerosi direttori di Servizi ricerca, esponenti della Commissione europea e del Parlamento. A rappresentare la Cattolica, la Direzione ricerca e l’ Ufficio di rappresentanza di Ateneo a Bruxelles , che sarà la sede a dicembre dell’incontro di tutte le istituzioni che partecipano a UniLION. L’evento del 17, che si è svolto a porte chiuse al Parlamento Europeo, ha visto quali relatori il parlamentare europeo Dan Nica , Rapporteur sulle regole e la partecipazione a Horizon Europe e futuro membro della prossima Presidenza rumena del Parlamento, e Julia Prikoszovits , membro dell’attuale Presidenza austriaca. I temi trattati hanno riguardato principalmente le politiche della ricerca, i rapporti tra Ricerca di base e Ricerca industriale, l’importanza dell’impatto sociale ed economico della Ricerca nonché le priorità tematiche. Agli incontri ha fatto seguito una intensa attività di networking che ha aiutato ad individuare e approfondire diversi campi di collaborazione tra le istituzioni.

 
Go top