La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per internationalscreenwriting:

Padrenostro, parla lo sceneggiatore diplomato Unicatt

Da quel momento io e Claudio abbiamo iniziato a frequentarci ed è venuto poi spontaneo confrontarci sulla storia che stava sviluppando e che nel tempo sarebbe diventata la sceneggiatura di Padrenostro ». Quali sono stati i pro e i contro nello scrivere una sceneggiatura a quattro mani? «Avvicinarmi alla storia personale di Claudio per me ha voluto dire prima di tutto rispettarla e, in seguito, tradirla. È stata la ricerca di questo equilibrio a guidarci via via nelle scelte che facevamo in scrittura, ma la vera svolta è arrivata quando abbiamo capito che avremmo raccontato tutto dal punto di vista di un bambino. Trovare questo sguardo è stato fondamentale anche per capire di volta in volta che cosa tenere e cosa lasciar andare del passato di Claudio». È stato anche e soprattutto nel dialogo aperto con loro che si sono creati via via spazi e possibilità di collaborazione che mi hanno aiutato a trovare un posto in questo mondo». laureando in Linguaggi dei media , facoltà di Lettere e filosofia #cinema #padrenostro #master #internationalscreenwriting Facebook Twitter Send by mail Print Il film ";Padrenostro"; Esce il 24 settembre nelle sale cinematografiche italiane Padrenostro, il lungometraggio diretto da Claudio Noce, tratto da una storia vera e ambientato a Roma nel 1976. Valerio è un bambino di dieci anni molto fantasioso ma la purezza della sua infanzia viene spazzata via quando, in compagnia della madre, Barbara Ronchi, vede con i suoi occhi un gruppo di terroristi tendere un attentato a suo padre, Pierfrancesco Favino, vincitore della Coppa Volpi a Venezia 77.

 

In Cina, che cinema!

CATTOLICAPOST In Cina, che cinema! Gli studenti del master in International Screenwriting and Production alla scoperta della “Hollywood d'Oriente”, gli Hengdian World Studios, i più grandi del mondo. maggio 2018 * di Giacomo Taggi Pianificazione e possibilità di investimenti pressoché illimitata sono le parole chiave dello sviluppo del cinema cinese e del Paese in generale. Con noi ci sono anche un team di giovani professionisti e studenti in gran parte diplomati al master, Airaldo Piva , ad di Hengdian Group Europe, Laura Cotta Ramosino di Cattleya, il vicedirettore di RaiFiction Francesco Nardella , e Giovanni Altieri , responsabile coproduzioni internazionali di Mediaset. Il primo dei nostri appuntamenti è con lo Shanghai Film Group, grande holding che comprende diverse società che seguono la produzione, la distribuzione e gli esercenti delle sale cinematografiche, in una catena che collega tutte le varie fasi della vita di un film. Ci dedichiamo poi alle università a cominciare dalla Shanghai Film Academy, parte della Shanghai University, e una delle più prestigiose nell'industria cinematografica cinese, e dalla Shanghai Vancouver Film School, una scuola piuttosto giovane, fondata in sinergia tra il governo municipale di Shanghai e la Vancouver Film School. A Hangzhou abbiamo l'onore di incontrare il maestro Ni Zhen, sceneggiatore di uno dei grandi successi internazionali del cinema cinese, Lanterne Rosse , e stimato professore per molti anni della Film Academy di Pechino. Alla fine degli anni ‘70, quando il fondatore di quello che sarà il futuro Hengdian Group, Xu Wenrong muove i primi passi nel mercato della seta, l'economia della città è prevalentemente agricola.

 
Go top