La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per magellano:

L'impresa che cambiò il mondo

Anniversario L'impresa che cambiò il mondo Il 20 settembre è stato celebrato il quinto centenario della partenza della flotta di Ferdinando Magellano da Sanlucar de Barrame, che ebbe come obiettivo la circumnavigazione del globo. La spedizione fu anche una delle più drammatiche e bastano pochi numeri a tracciarne il bilancio; infatti dei circa duecentocinquanta uomini partiti a bordo delle cinque imbarcazioni, trentasei superstiti stremati e denutriti ricondussero in Spagna la sola fatiscente Victoria il 6 settembre 1522. E così era partito, capo non incontrastato di un equipaggio misto di uomini d’ogni provenienza, ma nel quale gli ufficiali spagnoli non gli nascondevano diffidenza e ostilità, fino ad ammutinarsi e a ricondurre in Spagna anzitempo uno dei vascelli. Non solo il passaggio a sud-ovest verso il Pacifico (lo stretto che ancora mantiene il nome di Magellano), ma anche le coste dell’America meridionale, l’Oceano Pacifico stesso e i suoi arcipelaghi; il planisfero si arricchiva insomma di luoghi e distanze mai immaginati prima. Il cronista più importante fu il vicentino Antonio Pigafetta , uno dei pochi sopravvissuti, che raccolse in una bellissima Relazione gli accadimenti dei tre anni, le caratteristiche dei luoghi visitati, i costumi e persino le lingue dei popoli con cui poté entrare in contatto. Pigafetta si dichiara fin dall’inizio lettore di libri di viaggio e anzi afferma che proprio quei libri lo hanno spinto a imbarcarsi con Magellano per dar prova di sé e per conquistare qualche celebrità presso i posteri. Così le pagine di Marco Polo, di Cristoforo Colombo, di Amerigo Vespucci e di tanti altri che già avevano portato immagini lontane alle fantasie europee entrano nella Relazione, senza impedire al suo autore di registrare con precisione nuove parole e nuove istantanee da mondi altri.

 
Go top