La tua ricerca ha prodotto 53 risultati per milano.
Stai visualizzando i risultati 1 - 25:

A Bookcity 2020 si parla di ecocidio. Tutti gli eventi Unicatt

Tra gli eventi top in diretta sui social dell’Ateneo quello del 12 novembre sulla “casa dell’umano” e il dibattito del 13 novembre con il rettore Franco Anelli , Carlo Cottarelli , Stefano Paleari by Velania La Mendola | 10 novembre 2020 Distanti ma vicini. È il refrain di questa edizione Bookcity 2020 che si svolgerà per la prima volta interamente online con un programma sempre molto ricco per ospiti e argomenti e con un focus speciale su “Terra nostra”. Un tema che l’Università Cattolica ha deciso di svolgere come quesito per mettere l’accento sulle responsabilità dell’uomo di fronte all’emergenza climatica e su un’idea di abitare che non sia mero possesso. Al dibattito Terra nostra? La casa dell’umano e l’ecocidio imminente - live giovedì 12 novembre sui canali social Bookcity e Università Cattolica - partecipano i docenti Silvano Petrosino e Teresa Bartolomei (Università Cattolica di Lisbona) e il direttore dell’ Osservatore Romano Andrea Monda con l’introduzione del pro rettore Antonella Sciarrone Alibrandi . Di ecologia si parla anche a proposito di un uso corretto della comunicazione con la lezione aperta di Fausto Colombo e nell’appuntamento con il filosofo argentino Miguel Benasayag , che con Lucia Capuzzi di Avvenire , dialogherà sulla nostra terra al di là dell’Oceano e sull’aggravarsi delle condizioni dell’America latina. Il viaggio delle storie tra carta, video, comics &; games Con Edoardo Barbieri , Paola Di Giampaolo , Giulio Passerini , Eleonora Recalcati , Emanuele Vietina Ore 14.00-14.50 – online ENGAGING THE READER 2019 (PARTE II) . P rogettare contenuti educational per l'università Con Elisa Calcagni , Alessandra Pagani , Sara Speciani e gli allievi del Master Professione Editoria Ore 16.00-16.50 – online ENGAGING THE READER 2020 (PARTE III) .

 

Aristofane al Castello sforzesco

milano Aristofane al Castello sforzesco Con la direzione drammaturgica della professoressa Elisabetta Matelli , Kerkis mette in scena mercoledì 20 giugno alle 21, all’interno del cartellone dell’ Estate sforzesca 2018 , lo spettacolo “ Rane ”, nato da un corso di alta formazione dell’Ateneo. giugno 2018 All’interno della rassegna “ Estate Sforzesca ”, Kerkis – Teatro Antico in Scena , propone la divertentissima commedia di Aristofane, “ Rane ”. Una produzione nata da un corso di Alta formazione “Teatro antico in scena” e perfezionata dall’associazione Kerkis. Protagonista della vicenda è Dionisio, dio del teatro, che nel tentativo di salvare Atene dalla crisi, vuole riportare in vita un poeta che, attraverso il teatro, possa salvare la città. Kerkis – Teatro Antico in Scena è un’Associazione Culturale fondata nel 2011 da un gruppo di docenti, studenti ed ex studenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nasce con la missione di promuovere la messainscena di spettacoli della tradizione classica greca e latina e di eventuali successive rielaborazioni senza dimenticare anche altri aspetti performativi creati dalla cultura antica (il mimo, il dialogo filosofico, la narrazione, l’epica e l’oratoria). Per informazioni: Kerkis – Teatro Antico in Scena Le foto di scena sono di Paolo Zunino © #teatro #castellosforzesco #milano #aristofane Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Assbb premia il merito di 20 studenti

MILANO Assbb premia il merito di 20 studenti L’Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa ha conferito borse di studio per un valore di 30mila euro ai migliori allievi delle facoltà di Economia, Giurisprudenza, Lettere e Scienze bancarie. dicembre 2016 Anche quest’anno l’Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa ( Assbb ) ha conferito le sue borse di studio per un valore di 30mila euro. A ricevere il premio di 1.500 euro, 20 studenti meritevoli dell’Università Cattolica, di cui sette iscritti a Economia, tre a Giurisprudenza, tre a Lettere e filosofia e sette a Scienze bancarie, finanziarie e assicurative. I giovani sono stati selezionati su proposta di una Commissione composta da due professori delle facoltà coinvolte, designati dai rispettivi presidi, e da un rappresentante indicato dall’Assbb. La cerimonia di consegna si è tenuta mercoledì 14 dicembre nella Cripta dell’Aula Magna dell’Ateneo al termine dell’assemblea annuale dell’Associazione. Erano presenti, tra gli altri, Vittorio Conti , vice presidente vicario dell’Assbb, già commissario e vicepresidente della Consob, e Marco Lossan i , direttore del Laboratorio di Analisi Monetaria, il report quadrimestrale sulla congiuntura economica nazionale e internazionale promosso dall’Associazione. È dalla fine degli anni Settanta che l’Assbb “premia” gli studenti della Cattolica che si sono distinti nel corso della propria carriera universitaria.

 

Bene comune, Milano si rigenera

Solo così, come ha detto l'assessore regionale alle politiche sociali, abitative e disabilità della Regione Lombardia Stefano Bolognini , « Milano è una comunità, una rete in cui tanti hanno e tanti restituiscono ». Quello che conta è che il bene comune non è un tema astratto, come ha spiegato la professoressa Marisa Musaio , docente di Pedagogia all’Università Cattolica e coordinatrice dell'evento. E la coordinata chiave su cui lavorare è quella di periferia: i nostri operatori ci dicono che lì c’è un nuovo centro e che il bene comune diventa centrale soprattutto nel luogo che sembra periferico». Molte altre iniziative di rigenerazione umana e sociale dimostrano che “bene comune”, oltre che una categoria politica che richiede programmazione, è molto più di una parola. Tema al centro dell’iniziativa la rigenerazione urbana umana e sociale nelle periferie del capoluogo lombardo e le dinamiche generative che stanno emergendo attraverso l’impegno di persone, soggetti istituzionali ed economici nei contesti educativi e relazionali di queste aree. Protagonisti di questo tavolo, moderati da Marisa Musaio , docente di Pedagogia generale e sociale, tra gli altri, Stefano Boeri dello Studio Boeri Architetti, Davide Maggi di Fondazione Cariplo, Valentina Pellegrini , vicepresidente del Gruppo Pellegrini Spa. Hanno partecipato tra gli altri, Roberta Osculati della Commissione Periferie del Comune di Milano, e esponenti di centri, cooperative come Nocetum, Fondazione Pellegrini onlus, Cisom - Ordine di Malta Corpo italiano di soccorso, che si impegnano quotidianamente per una rinascita umana e sociale delle aree cittadine più in difficoltà.

 

Bookcity, lo spettacolo dei libri

MILANO Bookcity, lo spettacolo dei libri Dal 16 al 19 novembre tanti eventi, dentro e fuori i chiostri di largo Gemelli, in occasione della kermesse milanese. Per chi ama la letteratura consigliamo, invece, l’incontro Non è nient’altro che letteratura… per fortuna! con Silvano Petrosino , autore del libro Contro la cultura (Vita e Pensiero, in libreria dal 16 novembre) e Giacomo Poretti . Una chiacchierata “seria ma non troppo” attraverso le pagine di alcuni capolavori della letteratura e una buona dose di consigli di lettura. Per gli amanti dello sport e del cinema consigliamo la lezione aperta di Maria Francesca Piredda che ospita una delle tappe del Campionato Mondiale del Cinema e della Televisione sportiva organizzato dalla Ficts. Da Reggio Calabria ai prati irlandesi di Glendalough, da Odessa alla pietra bianca portoghese di Belém, da san Benedetto e Lenin, passando per Enea e Ulisse. Leggere l’Ulisse: il libro-città di James Joyce è il titolo dell’appuntamento di domenica al Laboratorio Formentini con Giuliana Bendelli , Piero Boitani e Massimo Bacigalupo e gli studenti dell’Università Cattolica, che leggeranno alcuni passi dell’opera. Salottino del libro usato : presso il self service Mensa&;Pizza.9, da giovedì 16 a mercoledì 22 novembre (sabato solo al mattino, domenica chiuso), verranno messi a disposizione da Educatt libri usati a un euro scelti tra i volumi alienati dalla Fondazione per il Diritto allo Studio o donati per l’occasione.

 

Borse di studio, gli esiti definitivi

Educatt , da sempre dalla parte degli studenti per la propria mission di Ente per il Diritto allo Studio, lancia un segnale e non si ferma: continua nell'espletamento del suo mandato e pubblica gli esiti definitivi della domanda di Borsa di studio 2019/2020 . La prima rata della borsa di studio sarà erogata in servizi di ristorazione (accesso alle strutture ristorative per l’anno solare 2020) e/o abitativi. Tutti gli studenti beneficiari, esclusi gli ospiti nei collegi a pensione completa, utilizzando il badge rilasciato dall'Università hanno diritto, da gennaio a dicembre 2020, a consumare un pasto presso i punti di ristoro gestiti o in convenzione con Educatt. Per gli iscritti ai primi anni di corso, la borsa di studio e il rimborso delle tasse saranno corrisposti ai soli studenti che conseguiranno, entro il 10 agosto 2020, un livello minimo di merito, secondo quanto indicato nel bando di concorso . Gli studenti risultati beneficiari hanno diritto all'esonero dal pagamento delle tasse e contributi universitari e a ricevere una borsa di studio dell’importo lordo riportato nell'esito definitivo consultabile nell'area riservata MyEducatt. Ma anche gli studenti risultati idonei non beneficiari hanno diritto all'esonero dal pagamento delle tasse e contributi universitari, pur non ricevendo l’aiuto economico in denaro previsto dalla borsa di studio. Inoltre, è sospeso il pagamento della seconda e terza rata del Collegio in favore degli studenti risultati idonei non beneficiari , fino alla pubblicazione degli esiti finali (disponibili solitamente nel mese di giugno/luglio).

 

Stefano Femminis nuovo responsabile Ufficio Comunicazioni della diocesi

Nomine Stefano Femminis nuovo responsabile Ufficio Comunicazioni della diocesi Il giornalista, alumnus e laureato in Scienze politiche all’Università Cattolica, è stato nominato il 1° settembre. Prende il posto di don Walter Magni , che continua in qualità di portavoce dell’arcivescovo monsignor Mario Delpini by Agostino Picicco | 03 settembre 2020 Con la ripresa delle attività, l’arcidiocesi di Milano ha un nuovo responsabile dell’Ufficio Comunicazioni sociali. È il giornalista professionista Stefano Femminis , nominato il 1° settembre dall’arcivescovo monsignor Mario Delpini , nell’ambito di una ridefinizione degli incarichi. Stefano Femminis ha all’attivo una proficua collaborazione con la Fondazione Culturale San Fedele di Milano, anche nella veste di redattore della rivista Aggiornamenti Sociali , di direttore dal 2006 al 2014 del mensile internazionale Popoli , e attualmente di responsabile della comunicazione della Fondazione San Fedele e della Fondazione Carlo Maria Martini. Per la prima volta un laico viene chiamato a guidare l’Ufficio per le Comunicazioni sociali della diocesi ambrosiana, quale segno tangibile della fiducia dimostrata verso i laici coinvolti in ruoli di rilevante corresponsabilità ecclesiale. In una dichiarazione raccolta per Cattolicanews ha evidenziato il legame con la Cattolica e l’importanza formativa ricevuta per il prosieguo della sua attività professionale: «La nomina a responsabile dell’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi di Milano è per me un grande onore e inizio questa ‘avventura’ con molto entusiasmo. In questo senso, mi sembra ci sia un bel ‘filo rosso’ che lega i miei studi all’Università Cattolica, che del protagonismo laicale è uno degli esempi più alti, a questa nuova esperienza».

 

Carissimi, l’università vi abiliti a farvi un pensiero vostro

Ateneo Carissimi, l’università vi abiliti a farvi un pensiero vostro Così padre Gemelli si rivolgeva agli studenti della Cattolica in merito alla preparazione degli esami, nei tempi più bui per l’Italia della seconda guerra mondiale. Un ammonimento, secondo il professor Dino Rinoldi , cui abbiamo l’obbligo di dar seguito 01 aprile 2020 di Dino Rinoldi * La guerra nel diritto internazionale non è un accidente, intendendo quest’ultima parola nel senso della filosofia aristotelico-scolastica, cioè come qualcosa che si manifesta in un essere ma non ne concerne l’essenza. Ma se vogliamo rimanere su un piano culturale generale, come mi pare debba essere oggi appropriato fare, è significativo ricordare la lettera del Magnifico Rettore Padre Agostino Gemelli rivolta agli studenti in merito alla preparazione degli esami, nei tempi più bui per l’Italia della seconda guerra mondiale. Nello stesso tempo, scriveva ancora il Rettore, «guardatevi dal ritenere assolto il vostro compito studiando», solo studiando, giacché «verrà presto giorno in cui vi disingannerete, verrà cioè presto la prova della vita vera: non quella studentesca; essa verrà con il terribile controllo della realtà». Alla «guerra mondiale a pezzetti» (così Papa Francesco), di cui nel mondo si sopportano tanti focolai, si somma la guerra alla pandemia, col suo forse ancor maggior numero di focolai. Credo si possano rileggere - e considerare quanto mai attuali - le parole di allora di Padre Gemelli: «La vita universitaria vuol dire lavoro attivo, non recezione passiva di un sapere ordinato ; vuol dire conquista di un proprio pensiero, di proprie convinzioni; occorre spirito di penetrazione » . Docente di Diritto dell’Unione europea nella facoltà di Economia e Giurisprudenza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, campus di Piacenza Nella foto in alto padre Gemelli nel 1949 a Milano con un gruppo di laureati #ateneo #padregemelli #milano Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Catella: «La città è l’infrastruttura più importante del pianeta»

Milano Catella: «La città è l’infrastruttura più importante del pianeta» L’amministratore delegato di Coima Sgr, che ha riconvertito Porta Nuova a Milano, spiega che la trasformazione urbanistica è un mestiere interdisciplinare e non solo tecnico. Dove va il capoluogo lombardo by Natale Ciappina | 11 febbraio 2020 «Siamo entrati in un’epoca in cui assistiamo a una migrazione verso le città e questa è una tendenza consolidata ormai in tutto il mondo. Lo è in Italia, con Milano che si sta candidando come catalizzatore sociale. Manfredi Catella , amministratore delegato di Coima sgr nonché presidente della Fondazione Riccardo Catella e alumno Cattolica, legge così le tendenze dei prossimi anni. Il capoluogo lombardo è al centro di profonde trasformazioni: non solo urbanistiche ma anche sociali, che rendono Milano molto diversa rispetto alla città operaia che si era caratterizzata durante buona parte del Novecento. Manfredi Catella, partendo dalla riconversione di Porta Nuova che ha visto come attore principale la Coima sgr, spiega che «siamo entrati in un’epoca dove le città sono di fatto diventate l’infrastruttura più importante del pianeta. Secondo Catella dal 2020 c’è la necessità di tornare a un equilibrio postcapitalistico; e la rigenerazione urbana è lo snodo fondamentale che con il Coima City Lab, un think tank internazionale, sta affrontando, mettendo al centro il tema della bellezza, cioè di come un luogo fa vivere i suoi abitanti.

 

Cinesi a Milano in graphic novel

MILANO Cinesi a Milano in graphic novel Protagonista del fumetto è il nonno di uno degli autori del libro, Matteo Demonte , che attraverso i suoi disegni e i testi di Ciaj Rocchi , racconta la storia di Wu Li Shan. Anteprima della versione cinese martedì 5 marzo in Cripta Aula Magna. febbraio 2019 Erano gli anni ’20 quando i primi cinesi approdarono in via Paolo Sarpi dando vita a quella che poi sarebbe diventata la “Chinatown milanese”. Protagonista è il nonno di uno degli autori del libro, Matteo Demonte , che attraverso disegni e testi suoi e di Ciaj Rocchi , racconta la vita di Wu Li Shan. Papà della mamma di Matteo, dallo Zhejiang, regione costiera del sudest della Cina, arriva nella città meneghina, si stabilisce tra via Canonica e via Paolo Sarpi e sposa un’italiana. L’anteprima dell’edizione cinese della fortunata graphic novel sarà presentata martedì 5 marzo , alle 18 , nella Cripta Aula Magna dell’Università Cattolica (largo Gemelli, 1- Milano). All’iniziativa, promossa dall’ Istituto Confucio e dall’Alumni dell’Università Cattolica, in collaborazione con AssoCina, interverranno: Antonella Sciarrone Alibrandi , prorettore e presidente Alumni Cattolica – Associazione Ludovico Necchi, Elisa Giunipero , direttore dell’Istituto Confucio, Lala Hu , ricercatrice di Economia e gestione delle imprese in Cattolica, Marco Del Corona , giornalista del Corriere della Sera .

 

Collegi, la cultura al centro

educatt Collegi, la cultura al centro Dalla Riforma e Lutero alla violenza estrema della guerra, passando per la Terra Santa: i Collegi Augustinianum e Marianum ospitano nel mese di ottobre un percorso di appuntamenti di grande interesse culturale. by Valentina Giusti | 04 ottobre 2018 Riprende la stagione culturale all’interno dei Collegi milanesi: da sempre le residenze dell’Università Cattolica si fanno sede di percorsi di approfondimento e incontri che sono occasione di dibattito e confronto per chi risiede nelle strutture, e non solo. L’ Augustinianum apre la ricca serie di incontri culturali – che ha già avuto un interessante punto di partenza con la mostra fotografica Viaggio in Terra Santa. I progetti dell’Associazione pro Terra Sancta nella terra amata da Dio (dal 15 settembre al 31 marzo 2019, sala Pototschnig, ingresso libero) – il 17 ottobre : alle ore 18 si terrà, nell’ Aula Ruggilli-Giavazzi , la presentazione del volume di Pier Fernando Giogietti Lutero e la Riforma. Sarà occasione per approfondire Lutero e la Riforma assieme all’autore, al moderatore Nicola Gadaleta (aiuto direttore del Collegio Augustinianum) e al professore ordinario di Storia del Cristianesimo dell’Università degli Studi di Catania Roberto Osculati. Nella giornata di sabato 27 ottobre ( dalle 9.30 alle 18 ) all’interno del Salone delle conferenze del Collegio Marianum si svolgerà, in collaborazione con il Collegio e con Sirts (Società Italiana di Ricerca e Terapia Sistematica) l’evento La violenza estrema della guerra . Si tratta di un appuntamento certamente impegnativo e affascinante per il Collegio Marianum, che festeggia nel mese di novembre ottant’anni dalla sua fondazione.

 

Con lo snack compri l’hi-tech

MILANO Con lo snack compri l’hi-tech Accanto ai distributori automatici di bevande e di merendine è arrivata in largo Gemelli una vending machine per acquistare accessori di telefonia e informatica. Il tram è in ritardo e manca meno di mezz’ora all’inizio della lezione. Accidenti, il cellulare è scarico e anche il tablet è agli sgoccioli! Come fare a pendere appunti alla lezione? Ti guardi intorno e ti accorgi che accanto al distributore di caffè, bottigliette d’acqua e snack veloci c’è anche una vending machine per prodotti hi-tech. Da metà settembre, infatti, nella sede milanese dell’Università Cattolica c’è la possibilità di acquistare all’istante e in modo veloce accessori di telefonia e di informatica: dal powerbank ai cavi per ricaricare smartphone fino agli auricolari. Il distributore, che fa capo a una start up di Pordenone, è installato nell’atrio che si affaccia sull’Edificio Franciscanum in prossimità dell’aula Lazzati. Sono circa 6mila le attività del settore della distribuzione automatica in Italia, tra sedi di impresa (3.583) e unità locali (2.381), cresciute del 2% in un anno secondo l’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese al primo trimestre 2018 e 2017. Del resto, anche il vending sta vivendo una vera e propria rivoluzione digitale per la presenza di distributori automatici che integrano schermi touch, sistemi di telemetria che consentono il controllo da remoto della macchina e APP che permettono il pagamento tramite mobile.

 

Costruire il futuro «tocca a noi, tutti insieme»

Milano Costruire il futuro «tocca a noi, tutti insieme» È l’esortazione rivolta dall’arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini all’intera comunità ambrosiana durante il tradizionale “Discorso alla città” per la festa del santo patrono Ambrogio. Si è espresso così monsignor Mario Delpini , arcivescovo di Milano e presidente dell’Istituto Toniolo, in occasione del “Discorso alla città”, pronunciato presso la basilica del Santo, adiacente all’Università Cattolica, il 4 dicembre, alla vigilia dei festeggiamenti per il patrono Ambrogio. L’intervento rivolto agli amministratori delle istituzioni civili e all’intera comunità ambrosiana è partito da una puntuale analisi della stringente attualità, con riferimento all’emergenza spirituale in atto connotata da una «condizione di aridità degli animi che sono come assediati dalle emozioni, dalle apprensioni, dalle notizie della pandemia». In questo contesto «l’individualismo si rivela una forma di presunzione rovinosa: la comunicazione diventa impossibile perché ciascuno parla una lingua diversa, la convivenza diventa impraticabile perché l’ideale appare la solitudine, l’educazione si rivela insopportabile perché l’insofferenza prevale sulla gratitudine». Di rilievo, inoltre, l’invito alla costruzione di una comunità plurale: «Gli uomini e le donne di buona volontà sono chiamati ai percorsi lunghi della formazione, della riflessione, del dialogo costruttivo, della tessitura di alleanze convincenti». Per questo, venendo al cuore del messaggio di monsignor Delpini, sono da apprezzare e da ringraziare coloro che sono rimasti al proprio posto durante l’emergenza, consentendo alla città di funzionare: si pensi agli operatori del settore della sanità, della mobilità, delle forze dell’ordine, della ristorazione e della relativa distribuzione. Tocca a noi, piuttosto, nel senso di un dovere da compiere, di un servizio da rendere, di un contributo da offrire, con discrezione e rispetto, di intraprendere un cammino che nessuno può compiere al posto nostro.

 

Dai chiostri alle stampanti 3D: le visiere anti-Covid di Arianna

CORONAVIRUS Dai chiostri alle stampanti 3D: le visiere anti-Covid di Arianna Con il progetto “We Can Help” la studentessa di Beni Culturali assieme ai suoi amici ha già assemblato oltre un migliaio di protezioni per aiutare a combattere la pandemia 28 aprile 2020 «Come posso rendermi utile in questa emergenza?». Da una semplice domanda Arianna Molinari , studentessa di Scienze dei Beni Culturali nella sede di Milano, ha fatto nascere con i suoi amici una realtà che sta aiutando Varese e il suo territorio a fronteggiare la crisi sanitaria. Si chiama “We Can Help”: sono una decina di ragazzi che con le loro stampanti 3D producono visiere per il personale sanitario impegnato in prima linea nella lotta all’epidemia che ha bloccato il mondo. L’idea è nata dalla stampante 3D che Arianna ha fatto a Nicolò Broggin i, il suo ragazzo nonché giovane ingegnere meccanico. La scintilla è stato un servizio al telegiornale che raccontava della possibilità di stampare visiere; rimboccarsi le maniche è stata una conseguenza praticamente automatica. È un bel mix: ingegneri, fisioterapisti, matematici e un altro studente Unicatt, Andrea Menon , studente di Linguaggi dei Media che ha scelto di unirsi al gruppo dopo aver perso suo padre a causa del Coronavirus. Avevo da un po’ l’idea di fare una donazione ma mettermi in gioco in prima persona, vedere che gli oggetti che facciamo aiutano concretamente chi combatte il virus è una cosa che riempie il cuore».

 

Educare in oratorio, formarsi è meglio

Milano Educare in oratorio, formarsi è meglio Un corso di alta formazione per educatori dell’Università Cattolica in collaborazione con la Conferenza episcopale lombarda. Il corso di alta formazione per educatori e coordinatori di Oratorio, che prenderà il via sabato 18 gennaio 2020 , sarà presentato giovedì 12 dicembre alle ore 12 nella sede di via Nirone 15 dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, durante una conferenza stampa. Il percorso didattico si pone l’obiettivo di preparare la formazione di figure educative capaci di costruire interventi e coordinare progetti all’interno dell’oratorio avendo una chiara consapevolezza dell’identità ecclesiale della realtà oratoriana, dei suoi destinatari, della sua organizzazione, delle sue dinamiche. L’esercizio della professionalità educativa e pedagogica all’interno di un contesto con caratteristiche educative proprie come l’oratorio, richiede una preparazione specifica che vada ad innestarsi sulla preparazione di base acquisita nel percorso formativo base realizzato dall’educatore e dal pedagogista nella sua storia professionale. Struttura didattica Le lezioni si terranno nella sede milanese dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (Largo Agostino Gemelli, 1).

 

È morto il professor Fusconi

Milano È morto il professor Fusconi È scomparso improvvisamente a Milano il professor Agostino Fusconi , a lungo docente di Economia delle aziende di credito nella facoltà di Economia. Funerali il 1° febbraio in Sant’Ambrogio 30 gennaio 2018 È morto improvvisamente, nella notte del 29 gennaio a Milano, il professor Agostino Fusconi . Nato a Forlì nel 1937, è stato a lungo docente di Economia delle aziende di credito nella facoltà di Economia dell’Università Cattolica e ha concluso la sua attività accademica nel 2009. Questa sera, martedì 30 gennaio alle 18, sarà celebrata una messa in suffragio nella cappella del Sacro Cuore di largo Gemelli a Milano, dove, a partire dalle 15 di mercoledì 31 gennaio, sarà allestita la camera ardente. Il ruolo universitario del professor Fusconi non si è limitato alla docenza e alla ricerca, ma lo ha portato a essere fautore a tempo pieno del progetto di formazione e di sviluppo dell'Ateneo. Fusconi, studente della Cattolica e allievo del collegio Augustinianum a cui è rimasto sempre legato da uno speciale vincolo, è stato protagonista sia nella promozione della ricerca che negli altri ruoli direttivi ricoperti. È tra i pochi docenti a cui si riconosce lo sforzo di aver prodotto – e di aggiornare continuamente – due manuali fondamentali per i suoi corsi: Banca e intermediazione con i colleghi Loddo e Rossignoli ed Economia e struttura dei mercati degli strumenti finanziari.

 

Fusconi, il ricordo dell’Ateneo

Milano Fusconi, il ricordo dell’Ateneo Nella Basilica di Sant’Ambrogio i funerali del professore scomparso improvvisamente all’età di 80 anni. Le parole del preside di Economia Domenico Bodega: «Ha aiutato molti di noi a interpretare le responsabilità con stile sobrio e legato ai fatti. febbraio 2018 Si sono svolti giovedì 1° febbraio i funerali del professor Agostino Fusconi , per molti anni docente di Economia del mercato mobiliare alla facoltà di Economia della sede milanese dell’Università Cattolica. Fusconi, morto improvvisamente nella notte del 29 gennaio, oltre alla docenza, ha svolto gli incarichi di consigliere di amministrazione dell’Università Cattolica per tre mandati, direttore del Dipartimento di Scienze dell’Economia e della gestione aziendale, presidente dell’Isu e poi di Educatt, presidente dell’Organismo di Vigilanza di Ateneo. Al termine della celebrazione, in una chiesa gremita di colleghi e amici che hanno accompagnato la salma insieme ai familiari, lo hanno ricordato il preside della facoltà di Economia Domenico Bodega , la sua allieva Paola Fandella , docente alla stessa facoltà, la figlia Elisabetta e un amico di famiglia. Il preside ha espresso, in particolare, «l’ammirazione e il ringraziamento per un esempio che con maestria, arguzia e ironia ha aiutato molti di noi a interpretare le responsabilità con stile sobrio e legato ai fatti». La sua ricchezza intellettuale sembrava non saziarsi mai, sempre pronto a interessarsi di tutto ciò che potesse essere di stimolo per creare qualcosa di bello e di significativo».

 

Giotteschi a Milano, identità aumentata

cattolicapost Giotteschi a Milano, identità aumentata Una piattaforma digitale , che sarà presentata giovedì 10 novembre , valorizza il ciclo di affreschi di ispirazione giottesca scoperto recentemente nel Palazzo Arcivescovile milanese. È quanto consente di fare l a prima piattaforma digitale dedicata al ciclo di affreschi trecenteschi, in corso di restauro, della “Grande Sala Dipinta di Giovanni Visconti”, nel Palazzo Arcivescovile di Milano . Il ciclo di dipinti, attribuibile a pittori lombardi che fecero propria la lezione di Giotto nel suo ultimo passaggio a Milano , era emerso già ai primi del Novecento. La conoscenza attuale e la riscoperta dell'importanza storico-artistica di questo ciclo è stata casuale quando, nel 2011, un canale di gronda ostruito ha fatto tracimare l'acqua nel muro di mattoni e ha fatto fiorire la superficie a tempera portando alla luce una figura femminile, a fianco di un grande camino. Al di là del grande pregio artistico, la conoscenza di questo ciclo di affreschi contribuisce a riscrivere un pezzo della storia milanese del Trecento in cui Azzone Visconti intendeva fare di Milano una delle più splendide tra le capitali della cultura, in grado di rivaleggiare con la stessa Avignone. L'urgenza di mettere in sicurezza gli affreschi che, fino a pochi mesi fa, erano a rischio perdita per le loro condizioni di conservazione e la volontà di rendere visibile a tutti questo patrimonio nascosto ha spinto la Soprintendenza e l'Arcidiocesi a interrogarsi su come reperire le risorse necessarie. Una nuova piattaforma per la fruizione digitale dei Beni culturali, che ha ricevuto il sostegno di Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo , sarà presentato giovedì 10 novembre alle 17 a Palazzo Litta, in corso Magenta 24 a Milano.

 

Gli eventi sono sospesi ma si pensa al dopo

Analisi Gli eventi sono sospesi ma si pensa al dopo Con le nuove ordinanze che invitano la popolazione a restare a casa per limitare il contagio, fiere, festival, concerti sono stati annullati. Una situazione inedita che può essere occasione per ripensare il concetto di cultura collettiva by Agostino Picicco | 17 marzo 2020 Una situazione inedita con ricadute negative nel campo dell’economia ma capace di offrire anche una prospettiva nuova in vista della ripresa. Paolo Dalla Sega , docente di Valorizzazione urbana e grandi eventi, è convinto che le tassative indicazioni delle autorità circa la sospensione di eventi istituzionali, culturali, sociali, religiosi, sportivi, con l’obbligo di stare in casa, possano avere anche un risvolto positivo. E ciò che non va fatto sono proprio gli eventi, che presuppongono lo stare insieme finalizzato all’intrattenimento e alla formazione. Non è mai stata emanata una disposizione del genere, che ricorda gli anni Settanta, per via del terrorismo che però non costituiva una minaccia così pervasiva. Senza coinvolgimento l’evento perde di importanza e di forza, come è successo nelle ultime sfilate di moda a Milano, senza pubblico, che hanno visto una diminuzione degli acquisti». Ricominceranno a vivere e a comunicare, a dare un abbraccio e una stretta di mano, che vengono prima degli eventi e senza di loro gli eventi non ci sarebbero.

 

Guido Merzoni confermato preside

MILANO Guido Merzoni confermato preside Il professore ordinario di Economia politica potrà svolgere il suo secondo mandato alla guida della facoltà di Scienze politiche e sociali per il quadriennio 2016/17 – 2019/20. Lo ha deciso il Consiglio di facoltà riunito il 29 giugno. giugno 2016 Il professor Guido Merzoni è stato confermato preside della facoltà di Scienze politiche e sociali per il quadriennio 2016/17 – 2019/20. Lo ha deciso il Consiglio di facoltà riunito a Milano il 29 giugno. Guido Merzoni è professore ordinario di Economia politica alla facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica di Milano. È socio ordinario della Società Italiana degli Economisti, membro del Coordinamento editoriale e del Comitato scientifico della rivista Economia politica - Journal of Analytical and Institutional Economics e del Consiglio Scientifico del Cranec dell’Università Cattolica. I suoi interessi di ricerca riguardano l’analisi economica delle istituzioni, della fiducia e delle relazioni interpersonali; la teoria della delega e dei contratti; il capitale sociale e la sussidiarietà.

 

Il Fuorisalone diventa un (docu)film

Un evento oggetto della tesi di dottorato di Andrea Cuman, che ha ispirato la produzione di un video-documentario sui progetti più spettacolari di quella che diventa una “città infinita”. Come testimonia il film documentario # DesignCapital ‐ I sette giorni che fanno di Milano la capitale del design , realizzato da Andrea Cuman , Massimiliano Fraticelli e Patrizio Saccò che ne firma anche la regia. Una produzione indipendente di Studiolabo, ispirato dalla ricerca che Andrea Cuman ha svolto in Università Cattolica nella tesi di dottorato dedicata a “ Mediaspaces, urban events and mobile experience: an ethnographic enquiry into the social production of the city of design ”. Molteplici punti di vista sono legati tra loro da immagini che raccontano i prodotti più innovativi e i progetti più spettacolari e che, a poco a poco, costruiscono la storia di una “città infinita”, in cui la dimensione urbana si fonde con la cultura del design. L’obiettivo della tesi di dottorato, a cui si ispira il documentario #DesignCapital ‐ I sette giorni che fanno di Milano la capitale del design , è stato di analizzare il fenomeno del cosiddetto Fuorisalone. Nella prima parte viene proposta una ricostruzione della storia sociale dell’evento e nella seconda offre invece una prospettiva sincronica: da una parte l’analisi della produzione degli spazi sociali del design, ed in particolare dei singoli design district. Attraverso l'indagine delle pratiche mediate e di mobilità, delle percezioni ed esperienze da parte dei suoi visitatori, il lavoro ha permesso di leggere la specificità di questo evento nella circolarità tra le dimensioni produttive e le forme di consumo mobile e mediato dello spazio urbano.

 

Il Papa a Milano. Con l'Ateneo alla Messa

Con l'Ateneo alla Messa Anche la Cattolica parteciperà al grande evento di sabato 25 marzo . La delegazione dell’Università, composta da più di cinquecento persone, prenderà parte alla alla celebrazione eucaristica che si svolgerà alle 15 nel Parco di Monza. marzo 2017 La città di Milano si prepara ad accogliere Papa Francesco per la sua prima visita pastorale alla Diocesi che si terrà sabato 25 marzo 2017 . L’Università Cattolica aderisce a questo grande evento partecipando alla Santa Messa che sarà celebrata alle ore 15 nel Parco di Monza. La delegazione dell'Ateneo sarà composta da più di cinquecento persone. L'organizzazione diocesana della visita di Papa Francesco non consente iscrizioni singole, ma soltanto di gruppo e provenienti dalle parrocchie, università o istituzioni che si faranno carico di trasmettere gli elenchi completi dei partecipanti per accedere alla Celebrazione eucaristica. papa #milano #francesco #visita Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Il Salone del mobile si presenta in Cattolica

Milano Il Salone del mobile si presenta in Cattolica Per la prima volta la prestigiosa manifestazione sceglie la splendida cornice dell’Aula Magna di largo Gemelli per svelare la sua 59esima edizione. Mercoledì 12 febbraio 11 febbraio 2020 Il Salone internazionale del mobile , alla sua 59esima edizione, si presenta. E per farlo sceglie l’Università Cattolica. Domani, mercoledì 12 febbraio , l’Aula Magna (largo Gemelli 1 Milano) ospiterà la conferenza stampa di una delle più importanti manifestazioni del settore Arredo in Italia, in programma a Rho Fiera Milano da martedì 21 a domenica 26 aprile. Dopo il saluto del rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli , sarà il presidente del Salone Claudio Luti, alumno dell’Ateneo, a illustrare le principali novità di quest’edizione 2020. salone del mobile #fiera milano #unicatt Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Inaugurazione col cardinal Ravasi

Il discorso del rettore Franco Anelli , il saluto del presidente dell’Istituto Toniolo monsignor Mario Delpini e la prolusione del presidente del Pontificio Consiglio della Cultura nella cerimonia d’avvio dell’anno accademico. novembre 2017 “Adamo, dove sei?” Interrogativi antropologici contemporanei è il tema della prolusione che il cardinal Gianfranco Ravasi , presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, ha tenuto nell’aula magna dell’Università Cattolica per l’inaugurazione dell’anno accademico 2017/2018. Secondo tradizione, la giornata di mercoledì 8 novembre 2017 si è aperta nella Basilica di Sant’Ambrogio con la concelebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini ( leggi l'omelia ), a cui ha rivolto il proprio saluto l'assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori . In Aula Magna il discorso inaugurale del Magnifico Rettore Franco Anelli , il e il saluto del Presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori monsignor Mario Delpini hanno preceduto la prolusione del cardinal Ravasi. Il tema della prolusione del cardinal Ravasi è al centro del suo prossimo libro in uscita il 17 novembre per i tipi di Vita e Pensiero . Stanno, infatti, avvenendo profonde mutazioni antropologiche che determinano un panorama inedito nella vicenda umana: le nuove frontiere della genetica e delle neuroscienze, l’intelligenza artificiale, l’infosfera. Il cardinale Ravasi descrive il nuovo paesaggio dell’umano a partire da una ricerca equilibrata e sapiente che attinge la sua forza e vitalità a quel “grande codice” della visione umana in Occidente che è stata la Bibbia.

 

Aldo Cazzullo racconta la Grande Guerra agli studenti

Collegi Aldo Cazzullo racconta la Grande Guerra agli studenti Il giornalista del Corriere della Sera sarà ospite di uno dei due nuovi percorsi di approfondimento per gli studenti ideati insieme al comitato scientifico dell' Associazione Agostini Semper , che il 14 novembre terrà la XX Assemblea annuale by m.v. novembre 2015 Anche quest'anno si rinnova per gli studenti del collegio Augustinianum la proposta di percorsi di approfondimento che si affiancano alle lezioni accademiche con l'intento di fornire occasioni di dibattito e spunti di riflessione sia sul mondo attuale sia su alcune tematiche storiche di particolare rilevanza. Il primo ciclo di incontri previsto per quest'anno si intitola " La Grande Guerra: un secolo dopo ", che verrà inaugurato il 14 novembre in occasione della XX Assemblea dell'Associazione Agostini semper (l'associazione che riunisce collegiali ed ex collegiali in una rete sempre viva e feconda), dalla prolusione del professor Giovanni Gobber . All'interno del percorso è previsto anche un incontro con Aldo Cazzullo, giornalista del "Corriere della Sera", che si occuperà di raccontare gli studenti La Guerra dei nostri nonni. L'altro, attesissimo, percorso è più calato nella contemporaneità e lo si intuisce già dal titolo: "L'Impresa di fare impresa". Verranno ospitati rappresentanti dell’impresa in Italia per parlare ai giovani di realtà che permettono ogni giorno di far emergere l’eccellenza italiana. Con il patrocinio dell' Istituto Bruno Leoni , gli incontri vedranno protagonisti nomi noti dell'imprenditoria made in Italy, tra i quali Riccardo Illy e Florindo Rubbettino , che dialogheranno con ospiti tra cui Nicola Porro (vicedirettore de "Il Giornale") e Alberto Mingardi (direttore dell'istituto Bruno Leoni).

 

Go top