La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per riciclo:

Re-Think, l’economia è circolare

milano Re-Think, l’economia è circolare In largo Gemelli un forum dedicato interamente alla circular economy per ascoltare le riflessioni dei maggiori esperti del settore e per vedere le più innovative applicazioni di un modello di sviluppo sostenibile. Il professore, durante il suo intervento, sostiene che l’importanza delle idee che scaturiscono dall’economia circolare è sicuramente quella di orientare il sistema economico verso nuovi modelli. È quello che vorremo far prevalere è una strategia di sostenibilità dal punto di vista sia ambientale che sociale». Tornando a parlare di vecchia e nuova economia circolare, il professor Zoboli spiega che, sia in Europa che in Italia, l’economia circolare esiste ed è ormai un dato di fatto molto importante. “Chiudo il mio intervento con un interrogativo: quanto è reale e vitale la nuova economia circolare?” A concludere l’evento d’inaugurazione di Re-Think è Francesco Castellano , presidente e fondatore di Tondo, associazione che si è posta come obiettivo di agire concretamente per lo sviluppo dell’economia circolare. L’evento è stato pensato non solo per conoscere i maggiori esperti di economia circolare, ma anche per mettere in contatto e far dialogare, in modo rapido, grandi e piccole aziende che hanno progetti interessanti sul modello circolare. Un’occasione importante, Re-Think, per cominciare a mettere delle solide basi per accelerare la transizione verso la nuova economia circolare, di modo che nulla venga sprecato e le attività umane non abbiano effetti negativi sull’ambiente.

 

Gli chef antispreco scaldano i fornelli

piacenza Gli chef antispreco scaldano i fornelli Finale del contest “Miglior ricetta RicibiAmo” martedì 5 febbraio, Giornata nazionale contro lo spreco alimentare. Saranno tre le categorie di cuochi del riciclo a contendersi la medaglia d’oro: chef professionisti, futuri chef e chef di casa. gennaio 2019 Ideato da PiaceCiboSano con il contributo scientifico della facoltà di Scienze agrarie alimentari e ambientali della Cattolica, il concorso “ Miglior ricetta RicibiAmo " nasce per premiare la creatività dei ristoratori che aderiscono alla rete antispreco e per diffondere le buone pratiche di sostenibilità alimentare. Si calcola che un terzo della produzione alimentare mondiale viene sprecata nel complesso e lungo viaggio dal campo alle nostre spazzature con disastrosi impatti non solo economici, ma anche ambientali» afferma la professoressa Lucrezia Lamastra . Per questo la facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, che nei suoi corsi di studio affronta direttamente e trasversalmente il tema della sostenibilità della filiera agro-alimentare è coinvolta anche in progetti rivolti ad aumentare la consapevolezza riguardo lo spreco di cibo» prosegue la professoressa Lamastra. L’evento del 5 febbraio, giornata nazionale contro lo spreco di cibo, si inserisce del solco di queste attività. Riflettere sullo spreco di cibo con gli attori della filiera e far competere ai fornelli persone normali, chef e studenti per presentare la ricetta più sostenibile sono un modo per mettere alla luce il paradosso che lo spreco di cibo rappresenta».

 
Go top