La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per riskmanagement:

Nespoli, una lectio dallo spazio

Una lezione dallo spazio intitolata “Oltre l’alta affidabilità: rischio e sicurezza nel settore aerospaziale” in occasione dell’evento conclusivo della quinta edizione del Master Executive in “Risk Management: decisioni, errori e tecnologie in medicina” dell’ALTEMS. Paolo Nespoli discuterà con gli studenti del “risk management” come pilastro della sicurezza del settore aerospaziale e dei fattori che hanno reso questo settore tra i più sicuri. Gli astronauti affrontano imprevisti ed errori cui va posto rapidissimo rimedio e che possono diventare una grande opportunità per imparare e per creare una vera cultura della sicurezza. La lezione di Nespoli sarà introdotta da Americo Cicchetti , Direttore dell’ALTEMS, e Claudio Grassi , Vice Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica, e moderata da Antonio Crucitti , Direttore del Master ALTEMS in Risk Management dell’ALTEMS. L’intervento di Paolo Nespoli sarà seguito da una sessione di “Questions &; Answers” degli studenti di Economia curata da Alberto Fiore e Paolo Oppedisano , Coordinatori del Master ALTEMS in Risk Management. Le conclusioni dell’evento sono affidate a Domenico Bodega , Preside della Facoltà di Economia dell’Università Cattolica. “Il mondo sanitario – afferma il professor Cicchetti - può e deve ancora imparare dai settori cosiddetti ad “alta affidabilità” quali sono le sfide future della “patient safety”.

 

Elisabetta, da lingue al risk management

Ma il master in Deutsch für die internationale Wirtsckaftskommunikation le ha aperto le porte di Unicredit, portandola da una formazione umanistica a un ruolo tecnico. by Daniela Fogliada | 16 giugno 2016 Una storia che dimostra come un percorso formativo solido, non necessariamente legato a un settore specifico, unito a impegno e talento, possa portare a intraprendere con successo strade inaspettate. In particolare sono responsabile del coordinamento e gestione di progetti regolamentari (ovvero scaturiti dall'emissione di normative di Vigilanza da parte delle autorità bancarie europee), curandone l'implementazione a livello di Gruppo e gestendo riscontri a richieste ad hoc provenienti dalla Banca Centrale Europea». Non ho mai avuto un'idea precisa di quello che avrei fatto da "grande" e nemmeno avrei immaginato di lavorare in un ambito tradizionalmente molto tecnico come il Risk Management di una banca, a maggior ragione con un'esperienza formativa di stampo umanistico. Per cui, basandomi sulla mia esperienza, non credo che una visione chiara del futuro a inizio carriera sia necessariamente determinante per avere uno sviluppo professionale appagante. Quello che conta è non demordere mai e adattarsi alle occasioni che capitano lungo il cammino con motivazione e forza di volontà. È un dato di fatto che in un mondo molto competitivo la crescita è "self-driven": se non sei tu il primo a credere in te stesso, come puoi aspettarti che siano gli altri a farlo?».

 

Il mercato chiede Credit Risk Manager

MILANO Il mercato chiede Credit Risk Manager La gestione del rischio di credito per le istituzioni, soprattutto bancarie, alimenta la domanda di professionisti nel settore finanziario. La proposta innovativa del master Crerim dell’Università Cattolica 23 settembre 2019 Sono passati più di dieci anni dalla crisi di Lehman Brothers. Forse per questo il risk management è oggi sempre più riconosciuto come un ambito cruciale e che richiede, pertanto, capacità e conoscenze utili al funzionamento di un’organizzazione. CRERIM è tra i pochi master universitario in Italia con un focus specifico sul Credit Risk Management, riconosciuto come un’area che richiede capacità e conoscenze centrali al funzionamento di un’organizzazione. Il master è organizzato con la collaborazione di altre importanti realtà che operano nel settore, tra questi: Gruppo Banca Sella, Deloitte Consulting, Intesa Sanpaolo, Prometeia, Unicredit, CRIF . Due gli obiettivi formativi del CRERIM: offrire un’approfondita formazione tecnica e giuridica sul rischio di credito e sulla sua gestione; fornire un focus tematico sul rischio di credito nelle seguenti fasi gestionali del credito, per esempio acquisizione della clientela, gestione del portafoglio e pianificazione. La modalità di organizzazione della didattica prevede corsi dedicati in presenza per 350 ore, erogati completamente in inglese, articolati in approfondimenti teorici e metodologici coadiuvati dalla presenza di esperti, gruppi di lavoro, analisi di casi e simulazioni.

 
Go top