La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per romania:

Romania, una guida per le imprese italiane

Lo ha spiegato il professor Alessandro Baroncelli al Forum Economico di Bucarest, durante la prima visita di Stato del presidente Sergio Mattarella. giugno 2016 Concentrare gli investimenti e lo sviluppo economico soprattutto sull'area dell'Est europeo e del Mediterraneo dove l'Italia può giocare un ruolo fondamentale sia per i rapporti bilaterali che in chiave europea. L’evento, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella , del presidente rumeno Klaus Iohannis e di numerosi ministri del governo di Bucarest, ha chiuso con successo la prima visita ufficiale del Capo dello Stato in Romania. All’iniziativa ha partecipato anche Alessandro Baroncelli , docente di Economia e Gestione delle imprese e direttore del centro di ricerca Icrim dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Dal 1° gennaio 2007, data in cui è entrata a far parte dell’Unione Europea, la Romania ha beneficiato di circa 10 miliardi di euro di Fondi Europei, che si aggiungono ai 43 miliardi previsti dalla nuova programmazione europea 2014-2020. L’obiettivo generale del Programma Operativo Competitività (Poc), che fa parte del programma di finanziamenti previsti dal Fesr, – aggiunge Baroncelli - è la crescita intelligente, basata sull’innovazione, attuabile solo attraverso un consolidamento della ricerca, dello sviluppo tecnologico e delle competenze in ambito economico e digitale. Il centro di ricerca Icrim si pone come partner di queste iniziative di sviluppo in un’ottica di lifelong learning in vista degli accordi relativi alla Strategia Europea 2020, avendo già misurato gli effetti dello sviluppo delle competenze sulle performance delle imprese alla scala internazionale».

 
Go top