La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per smart work:

Smart working, che cosa dice la legge

Diritto del lavoro Smart working, che cosa dice la legge Le norme del lavoro agile: retribuzione, ferie e orario di lavoro. Come sarà dopo il Covid lo spiega il professor Marco Marazza 25 maggio 2020 Intervistato da Repubblica, il giuslavorista della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica approfondisce i nodi da risolvere sul lavoro agile, soprattutto una volta che sarà conclusa l’emergenza. Il lavoro agile (quello che chiamiamo smart working) è stato definito dalla 81 del 2017 mentre quello a domicilio (altrimenti detto telelavoro) risale al 1973, con le legge 877. Un altro elemento di flessibilità è che il suo lavoro può essere misurato anche con il raggiungimento di alcuni obiettivi. Del resto è la stessa legge che istituisce lo smart working a essere flessibile, lasciando che i dettagli e le modalità vengano stabiliti di volta in volta da accordi individuali o, nelle aziende più grandi, sindacali. Per consentire a molte attività di continuare anche durante il lockdown, infatti, si è scelto di agevolare il più possibile il ricorso al lavoro agile. Fino al termine dello stato di emergenza, decretato il 31 gennaio 2020 e in vigore per sei mesi (salvo proroghe) il datore di lavoro può "mettere in smart working" il dipendente in modo unilaterale.

 
Go top