La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per socialstreet:

Sociologia, lezioni di strada

Milano Sociologia, lezioni di strada L’Università si apre alla città con le passeggiate etnografiche: sono occasioni per toccare con mano le questioni “calde” nell’agenda sociologica a partire da come sviluppare la socialità di prossimità in contesti di solitudine e di individualismo. aprile 2019 Lezioni aperte agli studenti dell’Università Cattolica ma anche i cittadini che vogliono approfittare della possibilità di fare una esperienza universitaria. Sono le passeggiate etnografiche per i quartieri della città di Milano proposte dal corso di Sociologia dei fenomeni collettivi della laurea magistrale Politiche europee e internazionali della facoltà di Scienze politiche e sociali. Percorsi come questi ci ricordano che l’università non è tanto una parentesi, una tappa nella vita di alcuni, ma è molto di più» spiega la professoressa Cristina Pasqualini , docente del corso e coordinatrice dell’Osservatorio sulle social street http://cattolicanews.it/social-street-vicini-e-connessi. Per esempio: come si può sviluppare la socialità di prossimità in una città come Milano, in cui solitudine, individualismo e diffidenza sembrano essere le parole chiave di questo nostro tempo? Che aiuto ci possono dare la Rete e il digitale? La prima passeggiata si è svolta il 9 aprile nel quartiere Isola di Milano, visitantdo il giardino condiviso Isola Pepe Verde, lo spzio di coworking Yoroom e la Biblioteca delgi alberi. Lunedì 29 aprile, si parlerà di accoglienza, ospitando in aula il progetto “ Food and Colors ”, con la testimonianza di rifugiati siriani che lavorano nella ristorazione a Milano.

 

Social street, vicini e connessi

Milano Social street, vicini e connessi Secondo l’Osservatorio a gennaio erano 428 nel mondo, di cui 77 solo a Milano: vicini di casa che si incontrano sia online , su gruppi Facebook dedicati, sia offline , in strada. Le social street sono vicini di casa che si incontrano sia online su gruppi Facebook dedicati sia offline in strada e condividono tre “ingredienti” semplici ma fondamentali per generare senso di appartenenza a una stessa comunità: la socialità, l’inclusione sociale e la gratuità. Non è un caso che in questi anni siano state messe a punto numerose piattaforme collaborative per fare incontrare nel digitale i vicini di casa, segno che si stanno sperimentando nuovi modi per risolvere problemi non nuovi. Queste 77 realtà rappresentano per la città una boccata di ossigeno, fanno capire che un altro modo di vivere la metropoli è non solo possibile, ma già in atto. Attualmente nella città di Milano gli iscritti ai gruppi Facebook delle 77 social street sono 50.000, un numero importante, in forte crescita, a guardare i trend. A cui dobbiamo aggiungere coloro che sono connessi solo offline: ce ne sono, pensiamo agli anziani. socialstreet #osservatorio #vicinidicasa Facebook Twitter Send by mail IL LIBRO “VICINI E CONNESSI” Il testo “ Vicini e connessi.

 
Go top