La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per supply chain:

Master SCHMIDT: multidisciplinarietà e concretezza per vincere la sfida del 4.0

Piacenza Master SCHMIDT: multidisciplinarietà e concretezza per vincere la sfida del 4.0 Da fine novembre al via il Master in Supply chain management e innovazione digitale. novembre 2018 In un mercato che vede sempre più aziende manifatturiere, commerciali e logistiche adottare sistemi cyber-fisici decentralizzati e collaborativi per crescere e competere, crescono le opportunità di crescita per quanti si occupano di tecnologie applicate e di supply chain management , nei loro numerosi aspetti. “ Un accordo che consentirà la frequenza del Master, con la relativa copertura dei costi di iscrizione, per 5 Giovani imprenditori di 2^/3^ generazione, 5 Giovani Manager in Servizio che intendono ampliare il loro orizzonte professionale, e 5 Giovani Manager temporaneamente inoccupati ovvero in fase di ricollocazione” spiega Timpano. Di cosa si occuperà questo nuovo master? Occuparsi di “supply chain” vuole dire occuparsi del modo in cui le aziende fanno arrivare nelle case dei consumatori i beni, minimizzando i costi e assicurando un servizio di qualità elevata. Il Master avrà come focus principale l’analisi della catena di fornitura ovvero della pianificazione aziendale, dell’implementazione e del controllo dell’intero processo aziendale dall’origine della fornitura delle materie prime e dei semilavorati fino al raggiungimento dei consumatori nel mercato finale. Perché frequentare un master di Supply chain management in una facoltà di Economia e Giurisprudenza? Il vantaggio sta nella multidisciplinarietà del percorso. Il Master nasce in una facoltà focalizzata sul management ma che ambisce ad essere l’elemento di collegamento fra le aree di competenza tecniche e quelle economiche in un’ottica di digitalizzazione.

 

In cattedra i manager della logistica 4.0

Piacenza In cattedra i manager della logistica 4.0 Le nuove sfide del supply chain , in termini di risorse umane e di strumenti, al centro del ciclo di webinar promossi dal master Schmidt della facoltà di Economia e Giurisprudenza. Intervista al direttore Francesco Timpano by Sabrina Cliti | 11 giugno 2020 Il tema della circolazione delle merci è stato cruciale durante la pandemia, tra chiusura delle aziende e vincoli di superamento dei confini nazionali. Si tratta di una consapevolezza importante» afferma il professor Francesco Timpano della facoltà di Economia e Giurisprudenza dell’Università Cattolica e direttore del nuovo master in Supply chain management e innovazione digitale (Schmidt) , nell’ambito del quale da oggi organizza otto webinar sul tema La supply chain al tempo del Covid . Dai grandi trasporti internazionali, con intere filiere di approvvigionamento che si sono fermate, ai trasporti di città, diventati cruciali in un momento di crescita impetuosa dell’e-commerce (anche nel settore del food), si tratta di gestire processi di cambiamento profondi che sono già in atto in questo settore». La domanda di figure professionali di qualità in questo settore è crescente e al tempo stesso vanno affrontati con adeguati strumenti normativi i problemi, anche sociali, che talvolta questo settore genera per i bassi livelli salariali tra i profili professionali senza competenze specifiche». Quali sono le sfide che il manager della supply chain si troverà ad affrontare nei prossimi mesi e con quali gli strumenti? «Il manager della supply chain ha tre sfide davanti: sostenibilità, innovazione tecnologica/4.0 e gestione delle risorse umane. Infine, apprezzo sempre molto le aziende che riescono a gestire la flessibilità necessaria in questo settore rispetto ai contratti nazionali di settore più avanzati e si sottraggono al tentativo di una gara al ribasso per l’acquisizione delle risorse umane».

 
Go top