Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • Basic Research in Cardiology

    Roma

    Infarto, scoperta molecola freno

    Renderebbe inoffensive le cellule immunitarie che lo favoriscono. È il risultato di un lavoro di ricercatori di cardiologia dell’Università Cattolica che sarà pubblicato su Basic Research in Cardiology. Studi in corso potrebbero dimostrare la validità di terapie preventive antinfiammatorie

  • Giovanni Reale e Sandro Pertini

    Milano

    Giovanni Reale, ricordo del maestro del pensiero antico

    Nel giorno della scomparsa del filosofo, laureato dell’ateneo, allievo di monsignor Olgiati e per trent’anni professore della Cattolica, il ricordo della comunità accademica, del preside della “sua” facoltà, e alcuni stralci del profilo curato dall’allievo Roberto Radice, pubblicati oggi sul quotidiano "Avvenire"

  • Christian Harris

    Milano

    Lavorare con Google nel motore

    Christian Harris è arrivato a Dublino nell’headquarter europeo della corporation americana grazie al network creato dal professor Brioschi con l’International Advertising Association. Un “passaporto” conferito anche quest’anno a 140 studenti Cimo GALLERY

  • anziani

    Roma

    Lotta all’invecchiamento, l'Italia guida il primo studio europeo

    Ottanta ricercatori da 11 nazioni, 1.500 pazienti coinvolti e un finanziamento pubblico-privato di 49 milioni di euro: il progetto Sprintt coordinato dal geriatra dell’Università Cattolica Roberto Bernabei e da Susanna Del Signore di Sanofi




MILANO

Altis, 640mila dollari per l’Mba

L’Alta Scuola della Cattolica ha ottenuto da GMAC, la principale associazione di business e management a livello mondiale, il finanziamento per sostenere altre due edizioni dell’Executive Mba a Nairobi e una terza in un altro Stato africano

Corsi e Master
Pubblicato: 18 aprile 2012

Master MBA Altis Africa

18 aprile 2012. Il “Graduate Management Admission Council® (GMAC®), ente erogatore dell’esame GMAT® e principale associazione di scuole di business e management a livello mondiale ha assegnato all’ Università Cattolica del Sacro Cuore - Alta Scuola Impresa e Società (Altis), un fondo di 639,750 dollari americani per l’implementazione del programma: Embedding Entrepreneurship in African Management Education.

L’Università Cattolica del Sacro Cuore, in partnership con il Tangaza College della Catholic University of East Africa, promuoverà la collaborazione tra le business schools Loyola Institute of Business Administration di Chennai (India), e Santa Clara University di Santa Clara (California), allo scopo di offrire il primo executive MBA in Social Entrepreneurship in Africa. In particolare, i fondi saranno destinati a realizzare due edizioni a Nairobi, in Kenya, e una terza in un altro stato africano (da definire) per il periodo 2012-2014. L’impostazione internazionale del programma permetterà agli studenti di formare nuovi business networks, fornendo loro l’opportunità di individuare nuove fonti di finanziamento, nuovi clienti e fornitori.

Il “GMAC Management Education for Tomorrow (MET) Fund” ha assegnato oltre 7.1 milioni di dollari americani in sovvenzioni a 12 organizzazioni di 6 diversi paesi in occasione della seconda fase del progetto ”Ideas to Innovation (i2i) Challenge”. Scuole e organizzazioni hanno sviluppato le loro proposte in risposta al primo livello del “i2i Challenge”, in cui erano invitate a rispondere alla domanda: «Quale idea potrebbe migliorare la formazione manageriale post -laurea?». Diciassette delle 20 idee “i2i” presentate lo scorso gennaio 2011 saranno realizzate dalle organizzazioni premiate oggi.

Al secondo turno del progetto “challenge”, tra gennaio e dicembre 2011, sono state presentate 25 proposte provenienti da sette Paesi. I beneficiari del MET Fund includono business schools e organizzazioni con sede in Italia, negli Usa, in Canada, Spagna, India e Botswana.

Mario Molteni, direttore di Altis e direttore scientifico del programma presentato dall’Università Cattolica afferma soddisfatto: «La qualità dei nostri progetti non emergerà dal questionario di valutazione degli studenti, ma dal successo delle loro nuove imprese. Ringraziamo GMAC perché ha dato credito a un tentativo insolito. Lo vorremmo chiamare Mbe, Master in Business Entrepreneurship, perché lo scopo è uno solo: quello di avviare imprese capaci di contribuire allo sviluppo della comunità e del paese in cui sono radicate»

«Di solito - ha aggiunto Molteni - un buon MBA dà conoscenze e competenze manageriali e aiuta a inserirsi in un network. Oltre a questi due aspetti, il nostro MBA aiuta i corsisti ad affinare la propria idea di business e, fatto importantissimo, li aiuta a trovare le risorse per concretizzare l’idea».

Per David A. Wilson, presidente e Ceo di GMAC «il potere di queste sovvenzioni è l’implementazione di idee che possono ridisegnare e rivitalizzare la management education in tutto il mondo e riconoscere il ruolo critico che la management education gioca nella formazione e nello sviluppo di business leaders che possono avere un impatto a livello globale».


LA SODDISFAZIONE
DI MARIO MOLTENI:
«LO CHIAMEREMO MBE»

Molteni«Porteremo avanti altre due edizioni del master, innovandone la formula, che non richiederà più un impegno a tempo pieno, ma aprirà a persone che lavorano». Mario Molteni, fondatore e direttore dell’Alta Scuola Impresa e società (Altis), non nasconde la soddisfazione per il riconoscimento da 640mila dollari che il Graduate Management Admission Council, principale associazione di scuole di business e management a livello mondiale, ha conferito al programma Embedding Entrepreneurship in African Management Education, che permetterà al primo Mba in terra africana di una università italiana di riproporsi, perfezionandosi. «Lo vorremmo chiamare Mbe, Master in Business Entrepreneurship – aggiunge il professore di Economia aziendale - perché lo scopo è uno solo: quello di avviare imprese capaci di contribuire allo sviluppo della comunità e del paese in cui sono radicate. Ripeteremo l'esperienza in un altro Paese africano e lo faremo in partnership con una business school locale». LEGGI TUTTA L'INTERVISTA


GMAC E GMAT
Il Graduate Management Admission Council® è un’organizzazione non profit nell’ambito dell’istruzione post laurea che comprende business schools di primaria importanza ed è l’ente erogatore del Graduate Management Admission Test (GMAT® exam) utilizzato da oltre 5.400 programmi post-laurea di business e management in tutto il mondo. La sede di GMAC è a Reston, Virginia, con uffici regionali a Londra, New Delhi e Hong Kong. L’esame GMAT - l’unico test standardizzato ideato per programmi post-laurea di business e management education a livello mondiale - è disponibile costantemente presso circa 600 centri in oltre 110 paesi. Maggiori informazioni sull’esame GMAT sono disponibili al link: mba.com.



Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa