Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • merchandising

    Milano

    UC Store, la Cattolica lancia il suo merchandising

    Gadgets e prodotti firmati Università Cattolica animeranno il nuovo Store dell’ateneo in via Lanzone a Milano. Opening party il 27 maggio alle 19.30 con il dj set di Andro dei Negramaro. Musica e divertimento per festeggiare insieme

  • Il preside Lorenzo Morelli e Paolo Kessisoglu

    Piacenza

    Paolo, it’s coffee time

    Il popolare comico e conduttore tv, davanti a 300 studenti della sede di Piacenza, per il ciclo A tutto campus ExpoEdition. Un incontro per esplorare il valore relazione del cibo. «Cucina in televisione? Solo spettacolo»

  • Uno degli studenti al Castello Sforzesco con il console generale della Repubblica Popolare Cinese

    Milano

    Studenti di Lingue prime guide in cinese al Castello Sforzesco

    Grazie alla formazione curata dall’Istituto Confucio del nostro ateneo, otto allievi di Scienze linguistiche guideranno i turisti del Paese del Dragone alla scoperta di una delle residenze più famose degli Sforza. Anteprima della visita con il console generale della Cina

  • grande guerra

    Milano

    ’15-’18, gli idoli di cartapesta

    Dopo l’ebbrezza della vigilia, la guerra spense in breve ogni entusiasmo, anche nei letterati accorsi al fronte volontari. Come testimonia la letteratura di quegli anni che mostra il volto disumano del conflitto mondiale. Sul nuovo numero di Vita e Pensiero




Video da YOUnicatt


MILANO

Addio a Umberto Pototschnig. Il ricordo di Enzo Balboni

Docente di diritto amministrativo, maestro di generazioni di giuristi, il primo direttore laico del collegio Augustinianum è scomparso a 82 anni dopo una lunga malattia. Il ricordo del professor Enzo Balboni

News dalle Sedi, Milano
Pubblicato: 31 luglio 2012

Pototschnig nel 1965

Il 21 luglio si è spento a Bassano del Grappa Umberto Pototschnig, professore di diritto amministrativo e punto di riferimento per una generazione di studenti. Da molti anni lottava con grande coraggio contro il morbo di Parkinson. Le esequie si sono svolte a Vicenza il 23 luglio scorso.

Nato a Trieste il 26 ottobre 1929, da famiglia di nobile ascendenza slava, si trasferì in gioventù a Vicenza, a seguito della famiglia e del padre, Giorgio Pototschnig, medico primario presso il capoluogo berico, trasferendosi successivamente a Milano per gli studi universitari. In Cattolica si laureò sotto la guida di Francesco Rovelli, e fu sostanzialmente (anche se non formalmente) allievo di Feliciano Benvenuti, con cui approfondì gli studi di diritto amministrativo.

Nel 1956, per iniziativa di padre Gemelli, divenne il primo direttore laico dell’Augustinianum, il collegio della Cattolica dove aveva studiato dopo averne vinto la borsa di studio. Nei suoi dieci anni di direzione, fu ospite del collegio un pezzo di classe dirigente del Paese, da Romano Prodi a Giovanni Maria Flick, da Mario Romano a Tiziano Treu e Giorgio Pastori e tanti altri che, anche se meno famosi, hanno contribuito alla crescita dell’Italia.

Umberto Pototschnig nel 1967Ha insegnato, per incarico, nell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica (facoltà di Magistero), Diritto costituzionale italiano e comparato (facoltà di Scienze politiche) e Diritto amministrativo (facoltà di Giurisprudenza). Dopo aver vinto il concorso a cattedra di Diritto amministrativo, ha insegnato questa materia nella facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Pavia e, dal 1978 in poi, nella facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Milano.

Ha svolto la sua attività di ricerca anche presso l'Isap, l'Istituto di Scienza dell'amministrazione pubblica fondato a Milano da Feliciano Benvenuti, collaborando all'Archivio Isap 1962 e al congresso celebrativo del centenario delle leggi amministrative di unificazione (Firenze, 1965). È stato inoltre preside della facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Pavia, direttore della rivista Le Regioni, succedendo a Livio Paladin, fino al 1994. È stato avvocato amministrativista e ha difeso le Regioni in molte cause avanti la Corte costituzionale. Si è ritirato dall'insegnamento e dalla professione nella seconda metà degli anni novanta, a causa del progredire della malattia.

Nel corso della propria carriera accademica ha approfondito vari settori del diritto pubblico, costituzionale e amministrativo. Fra i suoi contributi più importanti spiccano la monografia su "I pubblici servizi" (1964), i saggi "Insegnamento, istruzione, scuola" (1962), "L'unificazione amministrativa delle province venete" (1967) le voci enciclopediche "Appello" (dir.amm.) (1958) ed "Istruzione" (1973).

Negli anni '90 è stato tra l'altro ispiratore e sostenitore dell'Associazione “Agostini Semper” ed è stato insignito per primo del riconoscimento "Agostino dell'anno" nel 1997. Verrà commemorato nell'assemblea annuale dell’Associazione, il prossimo 10 novembre.


IL RICORDO DI UN ALLIEVO E DI UN AMICO

Il professor Enzo Balboni, docente di Diritto Costituzionale alla facoltà di Giurisprudenza dell’ateneo, traccia un profilo di Umberto Pototschnig: gli anni indimenticabili dell’Augustinianum e la scelta di insegnare a Pavia e Milano

di Enzo Balboni *

Un ricordo di Umberto Pototschnig, pur a caldo e veloce (lasciando a un momento successivo la riflessione più meditata e distesa) sul giornale online della Università Cattolica deve cominciare con una domanda essenziale? A cosa è dovuto il forte legame tra lui e l’Università nella quale si è formato ed ha insegnato (ma solo per incarico), ma della quale non è mai stato professore organico, di ruolo? E, in subordine, perché Umberto Pototschnig è stato, da sempre, visto in connessione stretta con la Cattolica?

* Ordinario di Diritto Costituzionale nella facoltà di Giurisprudenza,

LEGGI TUTTO



Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa