Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • Il preside Lorenzo Morelli e Paolo Kessisoglu

    Piacenza

    Paolo, it’s coffee time

    Il popolare comico e conduttore tv, davanti a 300 studenti della sede di Piacenza, per il ciclo A tutto campus ExpoEdition. Un incontro per esplorare il valore relazione del cibo. «Cucina in televisione? Solo spettacolo»

  • Uno degli studenti al Castello Sforzesco con il console generale della Repubblica Popolare Cinese

    Milano

    Studenti di Lingue prime guide in cinese al Castello Sforzesco

    Grazie alla formazione curata dall’Istituto Confucio del nostro ateneo, otto allievi di Scienze linguistiche guideranno i turisti del Paese del Dragone alla scoperta di una delle residenze più famose degli Sforza. Anteprima della visita con il console generale della Cina

  • grande guerra

    Milano

    ’15-’18, gli idoli di cartapesta

    Dopo l’ebbrezza della vigilia, la guerra spense in breve ogni entusiasmo, anche nei letterati accorsi al fronte volontari. Come testimonia la letteratura di quegli anni che mostra il volto disumano del conflitto mondiale. Sul nuovo numero di Vita e Pensiero

  • Giornata per la Ricerca 2015

    Roma

    Giornata per la ricerca, quarta edizione nel segno di Expo

    Giovedì 21 maggio al Policlinico Gemelli saranno presentati i risultati degli studi e le ricerche in corso sul ruolo della nutrizione nella salute, dalla prevenzione alla cura. Interverranno il cardinale Scola e il presidente del Lazio Zingaretti




Video da YOUnicatt


ROMA

Adriana Turriziani presidente Sicp

La ricercatrice di Medicina e primario dell’Hospice “Villa Speranza” di Roma è stata eletta alla guida della Società italiana di cure palliative

News dalle Sedi, Roma
Pubblicato: 27 gennaio 2011

di Matteo Bellati

TURRIZIANIAdriana Turriziani, ricercatore di Diagnostica per immagini e Radioterapia alla facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e primario dell'Hospice “Villa Speranza” di Roma, è stata eletta presidente della Società italiana di cure palliative (Sicp) lo scorso 4 dicembre 2010, in chiusura del XVII Congresso nazionale. Pur ben consapevole delle delicate implicazioni sociali oltre che medico-sanitarie in gioco, ma forte di un mandato triennale e della collaborazione di un rinnovato Consiglio direttivo, la dottoressa Turriziani intende guidare la Sicp con l’obiettivo, ambizioso ma quanto mai urgente, di rispondere a quella che afferma essere «una sfida importante: favorire la crescita del sistema delle cure palliative superando il divario che oggi persiste tra le regioni italiane, e nello stesso tempo garantire in ogni centro, in ogni intervento, la stessa qualità delle cure. Ora abbiamo tutti gli strumenti per lavorare, farlo bene è il nostro compito». Il quadro legislativo è infatti ora più favorevole, grazie al varo della legge 38 e l’approvazione dei decreti attuativi.

«Ciò che conta – sottolinea la neo-presidente, una delle poche donne al vertice di Società scientifiche italiane – è soprattutto consentire ai malati terminali di dare pieno significato a ogni gesto compiuto nel corso di quelli che possono rivelarsi i loro ultimi giorni. Una volta alleviati il dolore e la sofferenza fisica, bisogna consentire di vivere fino in fondo, per quanto possibile riconciliandosi con l’esistenza prima del suo svanire». Adriana Turriziani si è laureata e specializzata presso la facoltà di Medicina e chirurgia della Cattolica. È autrice di più di 180 lavori scientifici, dedicati in particolare a questioni riguardanti le cure palliative, la radioterapia e radio-chemioterapia, ma anche i temi della qualità della vita e della bioetica clinica; ha partecipato come relatrice a oltre 330 Convegni e iniziative nazionali e internazionali.

Matteo Bellati




Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa