Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • logo qs

    Ateneo

    La Cattolica scala la classifica internazionale QS

    L’ateneo di largo Gemelli è avanzato di 77 posizioni nel QS World University Ranking guadagnando quest’anno un posto nelle top 400 oltre che il dodicesimo tra le università italiane

  • chiara

    Milano

    Dalla Cattolica a X Factor. Chiara si racconta agli studenti

    Nel Welcome day per gli studenti internazionali Chiara è la testimone speciale che in Aula Magna parla dei suoi studi di Economia, del suo sogno di cantare e assiste alla premiazione dei vincitori della caccia al tesoro per le vie di Milano 

  • marshall_th.jpg

    Roma

    Barry J. Marshall, un ricercatore coraggioso

    L’Università Cattolica ha conferito la laurea honoris causa in Medicina e chirurgia al Nobel scopritore dell’Helicobacter pylori, causa dell’ulcera peptica 

  • Fondazione

    Roma

    Campobasso, nuovi vertici della Fondazione Giovanni Paolo II

    Il direttore del Policlinico "Agostino Gemelli" Maurizio Guizzardi è stato nominato alla guida del  nuovo Consiglio di amministrazione. Ai nuovi organi il compito di valutare la situazione attuale e i possibili scenari futuri, nel contesto della sanità molisana




ROMA

Al Gemelli "la notte dei giocattoli" di Dacia Maraini

La hall del Policlinico per un giorno si è trasformata in un laboratorio artistico grazie al disegnatore Gud, coautore dell’ultimo libro della scrittrice, una graphic novel tutta dedicata ai bambini

News dalle Sedi, Roma
Pubblicato: 18 luglio 2012

di Emiliana Stefanori

Gud

Un pomeriggio insolito e divertente per i piccoli degenti del Policlinico Gemelli trascorso giocando con la fantasia e la creatività, tra sorrisi ed emozioni, lontani dalla sofferenza della malattia e dai cattivi pensieri. Merito della grande scrittrice Dacia Maraini e del disegnatore Daniele Gud Bonomo, protagonisti lo scorso 13 luglio di un appuntamento speciale del ciclo di incontri letterari “Il cielo nelle stanze”, ideati e promossi dal nosocomio dell’Università Cattolica e dalle librerie Arion.

La hall del Policlinico si è trasformata in una sorta di laboratorio artistico, in cui, partendo dal libro a fumetti “La notte dei giocattoli”, gli autori Dacia Maraini e Gud, giovane disegnatore che si sta imponendo sulla scena internazionale, hanno coinvolto il pubblico dei piccoli degenti del Policlinico Gemelli creando insieme parole e disegni. Non una presentazione libraria tradizionale, ma un’occasione di vera book-therapy in cui si è dato spazio alla creatività e alla poesia. A fare gli onori di casa Costantino Romagnoli, direttore della Terapia intensiva neonatale del Gemelli, che ha accolto con grande entusiasmo l’iniziativa dedicata ai pazienti pediatrici del Policlinico, “curati” per questo speciale pomeriggio con i libri e la lettura.

“La notte dei giocattoli”, edito da Tunué, racconta con grazia e leggerezza una favola moderna, che conferma il valore supremo della democrazia, della collaborazione e dell’amicizia. È notte nella cameretta della piccola Giulia, una bimba dalla fervida immaginazione, quando all’improvviso alcuni vecchi giocattoli prendono vita. E subito la bambina è coinvolta nelle loro storie d'amore, di guerra e di poesia. Tutto sembra filare liscio fino a quando dal baule dei giochi non esce l'arcigno Uomo d'affari, che si dimostra da subito uno spietato prevaricatore, egoista e approfittatore. La ragazzina di fronte alla scelta tra il bene e il male, decide di mettersi in gioco e guida la lotta contro la prevaricazione e la prepotenza. Inizia la rivolta dei giocattoli, contro il prepotente capobanda, per un mondo più giusto e solidale. Un’avventura unica per Giulia, una notte per riconoscere il bene e il male, l’amicizia, un’avventura che dura fino al mattino, quando, con il sole, i sogni svaniscono e i giocattoli devono tornare a fare i giocattoli.

L’evento “Il cielo nelle stanze”, come di consueto, si è svolto nella hall dell’ospedale e si è diffuso all’intero del Policlinico grazie al sistema televisivo a circuito chiuso che collega oltre 1.300 degenti, nonché i loro familiari, il personale medico e sanitario, gli studenti e i volontari presenti.

Emiliana Stefanori