Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • conciliazione famiglia-lavoro

    Milano

    Famiglia-lavoro in Tv, la conciliazione non fa notizia

    Tre studi dell’ateneo sul grado di copertura mediatica, mostrano che il problema è praticamente assente nei telegiornali nazionali (40 citazioni su 413mila notizie), fortemente semplificato in oltre 1.200 film dell’ultima decade e trattato in modo ambivalente dalla serialità televisiva: innovativo nella fiction, tradizionalista nel factual entertainment

  • transcrime

    Milano

    Transcrime, 80 miliardi di ricavi per le mafie in Europa

    Secondo i primi risultati del progetto di ricerca Organised Crime Portfolio, presentati a Bruxelles alla presenza del commissario europeo Cecilia Malmstrom e del ministro Angelino Alfano, a tanto ammonta il volume d’affari nei 28 Paesi Ue

  • Nature, Volume 513 Number 7518 pp279-454 - 18 September 2014

    Roma

    Italiani con gli occhi a mandorla

    Scienziati dell’Università Cattolica, con un maxi-studio di genetica e antropologia che ha conquistato la copertina di Nature, rivelano che gli Europei sono “figli” non di due ma di tre onde migratorie primitive, la terza ondata di genti venute dal Nord e dalla Siberia. Una ricerca che spiega anche alcune caratteristiche genetiche che ci contraddistinguono

  • Il rettore dell'Università degli Studi di Milano Gianluca Vago e il rettore dell'Università Cattolica Franco Anelli

    Ateneo, Cremona

    Sicurezza alimentare, parte la Scuola Cattolica-Statale

    Con un dottorato che prenderà il via in concomitanza con Expo 2015 prende forma il programma di collaborazione tra le due università milanesi, Miur e ministero della Salute. Il rettore Franco Anelli: «Potrebbe diventare l’eredità dell’esposizione universale»




BRUXELLES

Antoldi nella Commissione Ue per le Pmi

Il docente della facoltà di Economia della sede piacentina è stato convocato in qualità di massimo esperto dal Center for European Policy Study. Obiettivo: individuare le potenziali politiche di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese

News dalle Sedi, Piacenza
Pubblicato: 27 luglio 2012

FAbio Antoldi

Il Ceps (Center for European Policy Study) di Bruxelles, una delle think tank indipendenti di cui si avvalgono la Commissione e il Parlamento Europeo per elaborare le politiche dell’Unione Europea, ha chiesto a tre massimi esperti accademici europei che si occupano di Pmi di presentare le loro osservazioni e il loro parere in merito alle proposte contenute nella Comunicazione della Commissione intitolata “Small Business Big World”. Tra questi anche Fabio Antoldi, docente della facoltà di Economia di Piacenza, chiamato dalla Commissione europea a esprimere un parere sulle future politiche di internazionalizzazione che coinvolgerebbero le Piccole e Medie Imprese dei paesi dell’area Ue.

La politica di internazionalizzazione delle Pmi rappresenta la prima iniziativa a livello europeo sulle piccole e medie imprese. La strategia proposta mira a promuovere le piccole e medie imprese europee nei mercati extra Ue, col triplice fine di sfruttare il potenziale di crescita offerto dai mercati esteri, ottimizzare la competitività e l’innovazione delle piccole medie imprese europee e infine promuovere la crescita e l’occupazione. Una policy che peserà 3,5 miliardi di euro sul bilancio dell’Unione.

Il presupposto da cui parte l’Ue è che per promuovere la competitività del continente occorre guardare alle enormi opportunità offerte dai mercati esteri e incoraggiare le attività delle imprese oltre i confini. La percentuale di Pmi operanti all’estero è ancora limitato al 13% del totale, in quanto sussiste una serie di ostacoli alla loro internazionalizzazione, tra cui secondo la Commissione “Small Business Big World”, la difficoltà a reperire ed accedere alle informazioni sui mercati esteri; inoltre spesso le Pmi non hanno uffici di rappresentanza nei Paesi esteri, e non sempre i programmi di supporto esistenti colgono le effettive necessità delle aziende.

In considerazione di tali problemi la Commissione intende implementare una serie di azioni tra cui fornire alle piccole e medie imprese informazioni facilmente accessibili e di migliore qualità; inoltre cercherà di colmare le lacune esistenti nei programmi di supporto all’internazionalizzazione, riducendo così le difficoltà ad accedere ai mercati oltre i confini dell’Europa.

Le Pmi europee sono circa 23 milioni, costituiscono un punto di forza dell’economia reale europea e sono fondamentali per superare la crisi economica. Nel territorio piacentino le piccole e medie imprese sono circa 12mila su un numero complessivo di circa 29mila, e rappresentano il 42% delle aziende piacentine.

«Certamente un comparto importante, che necessita di una politica attenta per affrontare a testa alta la crisi che attanaglia l’Europa - sottolinea Antoldi - puntare però esclusivamente all’internazionalizzazione delle Pmi è un rischio: non è infatti probabile che molte piccole e media imprese europee siano interessate al mercato extraeuropeo, se si considera che il 95% di esse ha al massimo 1/2 dipendenti. Occorre a mio parere – prosegue Antoldi - individuare tra le Pmi quelle che realmente possano candidarsi a un processo di internazionalizzazione, per fornire loro un supporto concreto e fondato. L’Unione Europea dovrebbe inoltre rivalutare l’esperienza della rete di imprese, puntando su questo strumento per costruire insieme una seria politica di internazionalizzazione».