Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • Giovanni XXIII inuaugura la facoltà di Medicina il 5 novembre 1961

    Ateneo

    La Cattolica e i due Papi Santi

    Come modo per esprime la partecipazione di tutta la comunità universitaria alla canonizzazione di Giovanni XXIII e di Giovanni Paolo II, in programma a Roma il 27 aprile, pubblichiamo due video documenti sull’incontro dell’ateneo con i due Pontefici 

  • Rapporto Osservasalute 2013

    Roma

    Osservasalute, diagnosi amara

    Raddoppiata in 10 anni la spesa dei cittadini per farmaci e prestazioni, ma sono sempre più sguarniti reparti e strutture e migliaia di medici e infermieri vanno a lavorare all’estero. Senza investimenti e con tagli continui il sistema rischia di saltare 

  • Bce

    Milano

    Osservatorio monetario: banche alla prova dello stress test

    Mentre si scaldano i motori per il passaggio alla Bce della vigilanza sugli istituti della zona euro , il Rapporto 1/2014 del Lam non trascura l’ipotesi che sia ora di promuovere nuovi intermediari finanziari e nuove forme di finanziamento per l’economia reale

  • La cucina del Risorto

    Ateneo

    A tavola, c’è un cuoco speciale

    Sembra curioso accostare l’atto del cucinare alla figura di Gesù. Eppure i racconti evangelici mostrano la sua ottima conoscenza della produzione e preparazione del cibo. Il Risorto si veste da cuoco. Alcuni stralci dell’articolo scaricabile online 




AFGHANISTAN

Attacco al PRT di Herat

Un attentato ha colpito il centro per la ricostruzione della città afghana dove negli ultimi venti mesi ha operato, attraverso il progetto Itstime, la nostra università. Il commento di Marco Lombardi

News dalle Sedi
Pubblicato: 30 maggio 2011

Marco Lombardi

Il 30 maggio un attentato kamikaze ha colpito il Provincial Reconstruction Team (Centro per la ricostruzione provinciale) a Herat. Il centro, gestito da civili e militari italiani, è uno dei luoghi operativi della nostra università in Afghanistan come ha ricordato Marco Lombardi, docente dell’Università Cattolica di Milano e responsabile del progetto Italian Team for Security, Terroristic Issues & Managing Emergencies.

«L’attacco al PRT di Herat – scrive Lombardi sul sito di Itstime - ferisce un luogo che conosciamo bene dove, negli ultimi 20 mesi il team dell’Università Cattolica ha passato circa 60 giorni di attività in collaborazione stretta con quegli uomini. Una ragione in più, questa, perché la notizia di oggi ci bruciasse addosso, riconoscendo nelle ringhiere e nelle scale a terra, nei muri crollati riflessi nelle prime immagini i luoghi di incontri di formazione e di ricostruzione dell’Afghanistan».

«Nelle nostre missioni - prosegue - sempre risuonava la voce “prima o poi capita un attentato a Herat”… se ne parlava a metà strada tra l’esorcismo e la consapevolezza statistica che la normalità afghana non è quella della città, o non può durare».

«Ed è venuto il momento che possiamo spiegare in quattro punti:

1) con l’offensiva, ma che è tradizione, estiva;
2) con la conferenza regionale/provinciale dei prossimi giorni;
3) con la volontà di colpire chi per prima promuove normalizzazione nel Paese;
4) con la necessità di dare un segnale forte, ricordiamo che sono state colpite le istituzioni del “governo” pacifico di Herat, su “chi comanda” e rilanciare l’incertezza. Infatti, non è stata attaccata una pattuglia o una caserma, ma il Provincial Reconstruction Team italiano, che è dentro alla città, tra le case della città, nella vita degli afghani, dove noi a marzo insegnavamo come fare didattica a 30 maestri delle 70 scuole costruite dagli italiani. Dunque un attacco più difficile (non basta uno IED) e condotto con una certa complessità tecnica e strategia militare».

«Tutto questo significa che stiamo andando sulla strada giusta e che dobbiamo continuare a percorrerla: costruendo scuole e maestri; centri per le donne e operatrici femminili; donne reporter che mostrano altre donne afghane. Mi aspetto che questa offensiva possa continuare. E se si tratta dell’ultimo “colpo di coda” – conclude Lombardi - dipende dalla risposta che noi, tutti, insieme, sappiamo dare: la transizione pacifica dell’Afghanistan è nostro interesse. Noi dell’Università Cattolica che lavoriamo con il PRT continuiamo il nostro impegno».

SCENARI FUTURI. All'indomani dell'attentato contro il PRT di Herat Marco Lombardi ha cercato di analizzare i motivi dell'attacco e le possibili ripercussioni nell'area: «L'intensificazione delle attività ostili a RCW e nella città di Herat - spiega Lombardi sulle pagine web del sito di Itstime - può essere letta anche con l'accresciuta presenza statunitense nell'area (un consolato USA è stato recentemente aperto ad Herat) e degli interessi iraniani che vertono sulla regione. Indicazioni in tal senso erano state raccolte e Herat nei mesi passati, sottolineando la possibilità di inasprimento del challenge USA – Iran nell’area di Herat. Una corretta comprensione delle ragioni dell'attacco deve quindi essere collocata all'interno di una fitta trama di relazioni locali, per cui ora pare possibile un pericoloso scollamento tra il contingente militare italiano ed i poteri forti locali, ovvero Ismail Khan, che controlla il quartiere all'interno del quale è collocato il PRT, e che non è del tutto riconducibile alle posizioni del presidente Karzai».

«La capacità delle autorità italiane di interloquire a ogni livello con questa leadership locale - prosegue - è sempre stata presentata come garanzia della sicurezza del compound all'interno della città: se oggi qualcosa ha smesso di funzionare perfettamente, ciò sarebbe particolarmente preoccupante. Ismail Khan, legato ad alcuni importanti progetti per lo sviluppo delle risorse energetiche della regione, con finanziamento indiano, potrebbe essere divenuto nel frattempo l'oggetto di attività ostili che vedono la cooperazione di Iran e Pakistan, che contestano il suo controllo della città e che vanno a colpire la presenza italiana come conseguenza».

«Se poi - prosegue Lombardi - siamo realmente in presenza di una minaccia proveniente dall'esterno, dobbiamo allora riconoscere l'insuccesso dell'Intelligence di ogni tipo (nazionale, militare, afghana) e delle azioni di prevenzione attuate dagli organi competenti (ISAF, Afghanistan Security Forces...). L’ipotesi di un coinvolgimento iraniano è certamente suggestiva ma concretamente possibile. È infatti un dato certo che la Repubblica Islamica dell'Iran, oltre a fornire supporto logistico agli insurgent afghani e campi per l'addestramento non lontani dal confine afghano, ha infiltrato operativi nella zona di Herat e fornito sistemi d'arma per almeno un attacco alla Base italiana di Camp Arena e all’allora futuro Consolato USA. La zona di confine poroso della RCW - conclude - è infatti teatro di una guerra a bassa intensità che coinvolge l'esercito afghano, la Border Police, trafficanti di ogni risma e operativi iraniani che sovente si celano tra i retournees afghani che rientrano in patria».

 



LA TESTIMONIANZA DI SOHAILA

Hi Sir, I am fine and hope you are doing well too. Today there were two big explosions one in the center of the city where people were waiting for bus and the other one near the PRT, and also 5 or 7 terrorists were (or still are) hidden in a six floor building near the PRT and there were much gun firing. Four people were killed and about 40 injured. Today the city was somehow empty, people were scared and few ways and streets were closed, but now things seem to be better although still helicopters are flying all the time, it shows that they still couldn't catch all the terrorists who entered the city. I hope situation goes better. Thank you so much for sending message and for caring. Take care

Sohaila Isaqzai 30. May 2011

I progetti della Cattolica in Afghanistan [pdf] (150.02 KB)


FOCUS

ITSTIME - Italian Team for Security, Terroristic Issues & Managing Emergencies è un progetto nato nel Dipartimento di Sociologia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il suo carattere è altamente interdisciplinare in quanto coinvolge esperti capaci di affrontare i temi complessi della sicurezza secondo una necessaria molteplicità di prospettive. Per questa ragione si definisce come progetto: cioè come una realtà in divenire capace di affrontare teoricamente ed empiricamente le sfide del nuovo mondo globale post 11/9. Nella nostra visione, infatti, teoria e pratica si completano vicendevolmente affinché una corretta analisi dei fenomeni permetta di sviluppare coerenti e concrete strategie di risposta a più livelli.

La missione di ITSTIME si articola in tre ambiti specifici che oggi, con sempre maggiore frequenza, specificano la cosiddetta Homeland Security:

- Sicurezza, intesa come uno stato da conseguire e mantenere per promuovere il benessere dei cittadini e la vitalità democratica delle istituzioni;
- Terrorismo, affrontato come una minaccia destinata a perdurare nel tempo a cui è necessario fornire risposte preventive articolate;
- Gestione delle emergenze, una pratica che deve essere sviluppata e condivisa da istituzioni e cittadini per reagire alla manifestazione dell'evento possibile.

 



Libri

Edoardo T. Brioschi, "Dalla pubblicità alla comunicazione d'azienda"

Problematiche, metodologie e questioni aperte, Vita e Pensiero, Milano 2013, pp. 728, € 39

Arte in Italia 1945-1960

A cura di Luciano Caramel, Vita e Pensiero, Milano 2013 (Arti e scritture), pagine 426, € 35