Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • Il preside Lorenzo Morelli e Paolo Kessisoglu

    Piacenza

    Paolo, it’s coffee time

    Il popolare comico e conduttore tv, davanti a 300 studenti della sede di Piacenza, per il ciclo A tutto campus ExpoEdition. Un incontro per esplorare il valore relazione del cibo. «Cucina in televisione? Solo spettacolo»

  • Uno degli studenti al Castello Sforzesco con il console generale della Repubblica Popolare Cinese

    Milano

    Studenti di Lingue prime guide in cinese al Castello Sforzesco

    Grazie alla formazione curata dall’Istituto Confucio del nostro ateneo, otto allievi di Scienze linguistiche guideranno i turisti del Paese del Dragone alla scoperta di una delle residenze più famose degli Sforza. Anteprima della visita con il console generale della Cina

  • grande guerra

    Milano

    ’15-’18, gli idoli di cartapesta

    Dopo l’ebbrezza della vigilia, la guerra spense in breve ogni entusiasmo, anche nei letterati accorsi al fronte volontari. Come testimonia la letteratura di quegli anni che mostra il volto disumano del conflitto mondiale. Sul nuovo numero di Vita e Pensiero

  • Giornata per la Ricerca 2015

    Roma

    Giornata per la ricerca, quarta edizione nel segno di Expo

    Giovedì 21 maggio al Policlinico Gemelli saranno presentati i risultati degli studi e le ricerche in corso sul ruolo della nutrizione nella salute, dalla prevenzione alla cura. Interverranno il cardinale Scola e il presidente del Lazio Zingaretti




Video da YOUnicatt


SARNICO (BG)

Fede, prodotto senza mercato?

Si radicalizzano le difficoltà di rapporto tra la religione cattolica e i giovani, quelli che don Armando Matteo chiama “la prima generazione incredula”. La causa? Adulti credenti a parole ma non nei fatti. Dibattito con i docenti di Teologia a Sarnico

News dalle Sedi, Ateneo
Pubblicato: 19 settembre 2012

di Armando Matteo *

Foto di gruppo con monsignor Mariano Crociata (al centro) per i docenti di teologia dell'Università Cattolica. Sarnico, 18 e 19 settembre 2012Poca gente in Chiesa e sempre più vecchia, scarsità di vocazioni, crescente incredulità, crisi di fede, stanchezza dell'essere cristiani, poca gioia. Davanti a tutto ciò, la metafora economica - un prodotto senza mercato? - perde il suo sapore irritante e ci avverte della necessità di considerare meglio cosa stia capitando all'universo della fede nel nostro Paese. E la sensazione generale è la seguente: stiamo perdendo "quote di mercato" assai significative, in quanto facciamo fatica a proporre in modo convincente la fede cattolica alle generazioni più giovani.

Le più recenti indagini sul rapporto su giovani e fede cristiana ci dicono che siamo sostanzialmente di fronte a una radicalizzazione delle difficoltà del rapporto tra la religione cattolica e il mondo giovanile; una radicalizzazione che trova come suoi elementi caratterizzanti: la rapidità del coinvolgimento di quote sempre più ampie di giovani; la sostanziale omogeneità di genere; la pacatezza dei modi del distacco dell'universo ecclesiale. Siamo perciò dinanzi a una generazione – quella nata dopo il 1981 – che non si pone contro Dio e contro la Chiesa, ma che sta imparando a vivere – e a vivere pure la propria ricerca spirituale – senza Dio e senza la Chiesa. Nulla ci autorizza a pensare un passaggio da "non cattolico" ad "ateo" o ad "agnostico". Il trend generale è piuttosto quello dell'estraneità, carattere che non indica un essere contro, ma un essere senza. Per queste ragioni ritengo non del tutto impertinente l'espressione "prima generazione incredula".

L'espressione ha non solo il pregio di indicare "il salto generazionale" in riferimento all'universo della fede da parte di coloro (uomini e donne) che sono nati dopo il 1981, ma anche di richiamare l'urgenza di considerare l'universo "giovane" in una prospettiva intergenerazionale: è la prima dopo altre generazioni, che l'hanno preceduta e l'hanno anche in parte plasmata. Non è possibile cogliere fino in fondo le ragioni dell'inedito credere/non credere dei giovani italiani, senza prendere in considerazione le generazioni che hanno preceduto questa prima generazione incredula. La crisi di fede cattolica che qui si annuncia non è da addebitare alla generazione nata dopo il 1981, ma alla generazione degli adulti.

Si tratta in verità di riconoscere che i dinamismi fondamentali della cinghia di trasmissione della fede, tra le generazioni, si sono inceppati. Ed è questa una verità che la comunità dei credenti fa fatica a cogliere, a causa – scusate l'espressione un po' forte – dell'eccessiva enfasi data al catechismo parrocchiale. In verità, il luogo ove ogni bambino può efficacemente imparare la presenza benevola di Dio, e cioè il fatto che Dio abbia qualcosa a che fare con la felicità, con la custodia e la promozione dell’umano, non sono prima di tutto la Chiesa o la lezione del catechismo, quanto piuttosto gli occhi della madre e quelli del padre. Le sole parole dei preti e dei catechisti, a primo impatto, non possiedono la medesima forza originaria che gli occhi materni e paterni hanno nel dire Dio, ovvero nel comunicare la verità per la quale noi crediamo al Vangelo per vivere più umanamente.

Se è dunque vero che gli occhi degli adulti sono la prima ed essenziale mappa del mondo e la prima lezione di teologia: il primo annuncio, è purtroppo altrettanto vero che da quarant’anni a questa parte gli occhi degli adulti – di tanti, forse troppi adulti – non sono più esperienza "della forza della fede nel Dio vivente" (Benedetto XVI).

Insomma, non possiamo più rinviare oltre l’amara ammissione per la quale oggi di adulti credenti ne sono rimasti pochi in giro. Che di famiglie cristiane ne siano rimaste poche in giro. Nelle famiglie c'è un'altra musica, un altro sentimento di vita, un'altra religione.

I giovani di cui i sociologi evidenziano l'estraneità alla fede sono in verità figli di genitori che non hanno dato più spazio alla cura della propria fede cristiana: hanno continuato a chiedere i sacramenti della fede, ma senza fede nei sacramenti, hanno portato i figli in Chiesa, ma non hanno portato la Chiesa ai loro figli, hanno favorito l’ora di religione ma hanno ridotto la religione a una semplice questione di un’ora. Hanno chiesto ai loro piccoli di pregare e di andare a Messa, ma di loro neppure l’ombra, in Chiesa. E soprattutto i piccoli non hanno colto i loro genitori nel gesto della preghiera o nella lettura del vangelo.

* docente di Teologia alla Pontificia Università Urbaniana, laureato in Filosofia all’Università Cattolica del Sacro Cuore, è autore, tra l’altro, di “La prima generazione incredula. Il difficile rapporto tra i giovani e la fede” (Rubbettino 2010) e “La fuga delle quarantenni. l difficile rapporto delle donne con la Chiesa” (Rubbettino 2012)

INTRODUZIONE DI MONSIGNOR MARIANO CROCIATA (104,37 KB)

RELAZIONE DI DON ARMANDO MATTEO (95,58 KB)


SARNICO, I DOCENTI DI TEOLOGIA DELLA CATTOLICA CON MONSIGNOR CROCIATA

Per il terzo anno consecutivo i  docenti di Teologia e gli assistenti pastorali delle sedi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore si sono incontrati il 18 e 19 settembre a Sarnico, in provincia di Bergamo. L’incontro, organizzato dall’Università Cattolica in collaborazione con l’Istituto Giuseppe Toniolo, aveva per tema il versetto della seconda Lettera di Paolo a Timoteo: Verbum Domini non est alligatum (la Parola di Dio non è incatenata).

L’obiettivo della due giorni, aperta, dopo il saluto del prorettore vicario Franco Anelli,  dall’introduzione del segretario della Cei monsignor Mariano Crociata (in allegato il testo del suo intervento), era quello di riflettere sui linguaggi della fede per l’uomo d’oggi. La Parola di Dio, quando viene accolta con animo sincero, diviene sorgente di innovazione linguistica ed è ancora capace di parlare per l’uomo di oggi. Occorre dunque riflettere sui linguaggi e sui segni con cui noi parliamo di Dio, per meglio comprendere i segni con cui Dio ci ha parlato e ci parla tuttora.

A questo tema hanno risposto gli interventi di Marco Tibaldi (“Dire il Vangelo nei linguaggi del post”), e di don Armando Matteo (“Proposta della fede cattolica oggi: prodotto senza mercato?”) di cui proponiamo qui a lato una parte e in allegato il testo completo. L’iniziativa si colloca nell’ambito degli insegnamenti di Teologia che rientrano nel piano di studio di tutti i corsi di laurea dell’Università Cattolica e hanno lo scopo di offrire agli studenti una conoscenza critica e motivata della vita cristiana, attraverso un itinerario culturale che va dagli elementi base della dottrina cristiana fino all’approfondimento di questioni di teologia dogmatica e morale.

 

 

 



Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa