Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • Basic Research in Cardiology

    Roma

    Infarto, scoperta molecola freno

    Renderebbe inoffensive le cellule immunitarie che lo favoriscono. È il risultato di un lavoro di ricercatori di cardiologia dell’Università Cattolica che sarà pubblicato su Basic Research in Cardiology. Studi in corso potrebbero dimostrare la validità di terapie preventive antinfiammatorie

  • Giovanni Reale e Sandro Pertini

    Milano

    Giovanni Reale, ricordo del maestro del pensiero antico

    Nel giorno della scomparsa del filosofo, laureato dell’ateneo, allievo di monsignor Olgiati e per trent’anni professore della Cattolica, il ricordo della comunità accademica, del preside della “sua” facoltà, e alcuni stralci del profilo curato dall’allievo Roberto Radice, pubblicati oggi sul quotidiano "Avvenire"

  • Christian Harris

    Milano

    Lavorare con Google nel motore

    Christian Harris è arrivato a Dublino nell’headquarter europeo della corporation americana grazie al network creato dal professor Brioschi con l’International Advertising Association. Un “passaporto” conferito anche quest’anno a 140 studenti Cimo GALLERY

  • anziani

    Roma

    Lotta all’invecchiamento, l'Italia guida il primo studio europeo

    Ottanta ricercatori da 11 nazioni, 1.500 pazienti coinvolti e un finanziamento pubblico-privato di 49 milioni di euro: il progetto Sprintt coordinato dal geriatra dell’Università Cattolica Roberto Bernabei e da Susanna Del Signore di Sanofi




ROMA

Iavicoli nel board Icoh

Il ricercatore della Cattolica è il nuovo segretario del comitato scientifico sulla “Salute dei Lavoratori esposti a Nanomateriali” della Commissione Internazionale di Medicina del Lavoro. Resterà in carica fino al 2014

News dalle Sedi, Roma
Pubblicato: 10 settembre 2012

di Carla Alecci

Ivo Iavicoli

Il ricercatore dell’Istituto di Medicina del Lavoro dell’Università Cattolica di Roma, Ivo Iavicoli, è il nuovo segretario del comitato scientifico sulla “Salute dei Lavoratori esposti a Nanomateriali” della Commissione Internazionale di Medicina del Lavoro (Icoh), che riunisce oltre 2000 membri provenienti da 93 paesi. Resterà in carica per il triennio 2012–2014.

«Negli ultimi anni – ha spiegato Iavicoli -, il rapido sviluppo della ricerca nell’ambito delle nanotecnologie ha notevolmente incrementato l’impiego dei nanomateriali in molteplici settori industriali e commerciali, dalla medicina alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, dalla produzione di energia a quella di nuovi materiali».

Il comitato scientifico Icoh sulla “Salute dei Lavoratori esposti a Nanomateriali”, istituito nel marzo 2012, si occuperà di studiare i possibili effetti tossici e di definire le strategie di prevenzione per tutelare la salute dei lavoratori impiegati in attività che prevedono la produzione, l’uso e lo smaltimento di questi materiali.

Fondata nel 1906 l’Icoh ha tra i suoi scopi il progresso scientifico, la conoscenza e lo sviluppo della salute e della sicurezza in ambito occupazionale. L’autorevolezza di questa società è riconosciuta a livello mondiale e recentemente il suo codice etico è stato preso come riferimento in Italia dal decreto legislativo 81/2008, testo unico in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

Ivo Iavicoli, laureato in Medicina e chirurgia all’Università Cattolica di Roma, è ricercatore universitario confermato e professore aggregato presso l’Istituto di Medicina del Lavoro dello stesso Ateneo. Dal 2009 è Adjunct Professor alla scuola di Public Health dell’Università del Massachusetts, Amherst (Usa). Iavicoli è autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche ed è nel comitato editoriale di numerose riviste internazionali.

Carla Alecci




Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa