Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • logo qs

    Ateneo

    La Cattolica scala la classifica internazionale QS

    L’ateneo di largo Gemelli è avanzato di 77 posizioni nel QS World University Ranking guadagnando quest’anno un posto nelle top 400 oltre che il dodicesimo tra le università italiane

  • marshall_th.jpg

    Roma

    Barry J. Marshall, un ricercatore coraggioso

    L’Università Cattolica ha conferito la laurea honoris causa in Medicina e chirurgia al Nobel scopritore dell’Helicobacter pylori, causa dell’ulcera peptica 

  • Fondazione

    Roma

    Campobasso, nuovi vertici della Fondazione Giovanni Paolo II

    Il direttore del Policlinico "Agostino Gemelli" Maurizio Guizzardi è stato nominato alla guida del  nuovo Consiglio di amministrazione. Ai nuovi organi il compito di valutare la situazione attuale e i possibili scenari futuri, nel contesto della sanità molisana

  • Joseph Weiler

    Milano

    Dottorati, non solo accademia

    Secondo Joseph H.H. Weiler, presidente dello European University Institute, mettere mano alla riforma dei dottorati di ricerca in Europa è rischioso ma necessario. Tra i problemi da affrontare, la solitudine intellettuale e sociale del dottorato, la revisione del rapporto con il relatore ma soprattutto la differenziazione dei programmi tra percorsi destinati alla carriera accademica e quelli finalizzati al mondo delle professioni PUBBLICATO IL NUOVO BANDO




MILANO

Il cielo d’Irlanda in note e versi

Grande successo in aula magna, alla presenza dell’ambasciatore irlandese in Italia Patrick Hennessy, per la prima delle tre lezioni-concerto dedicate alla cultura musicale e letteraria dell’Eire. Martedì 23 marzo si replica in Tv su Telenova 2

News dalle Sedi, Milano
Pubblicato: 08 marzo 2010

di Valerio Bassan

Raffaele Trevisani al flauto traverso e Paola Girardi al pianoforte in aula magna il 4 marzo 2010Il poema The last rose of summer, scritto nel 1805 dal poeta irlandese Thomas Moore e musicato successivamente da Sir John Stevenson, canta di una rosa che cresce solitaria in un mondo desolato. Lo scorso 4 marzo all’Università Cattolica di Milano, invece, la musica è fiorita nel nome dell’Irlanda e, seguendo il filo conduttore dell’opera di Moore, ha accompagnato gli spettatori in un viaggio nell’intreccio di suoni e parole che da sempre contraddistingue la cultura dell’isola di Smeraldo.

Una lezione-concerto (la prima di tre), tenutasi in un’aula magna gremita per l’occasione, che ha visto protagonisti due musicisti di livello internazionale: il flautista Raffaele Trevisani e la pianista Paola Girardi, che hanno proposto una serie di rivisitazioni del tema musicale di The last rose of summer e di altre grandi melodie irlandesi. Il tutto preceduto dalla lezione sulle “Risonanze irlandesi in Europa e oltre”, tenuta da Enrico Reggiani, docente di Lingua e letteratura inglese dell’università, e promotore della serie di incontri intitolata proprio “A rose of summer”.

«Uno dei modi in cui l’Irlanda viene chiamata è “Land of song” - ha spiegato Reggiani -. È il luogo che forse rappresenta in modo più efficace la coabitazione tra letteratura e musica, due codici espressivi che, uniti, anziché indebolirsi, acquistano maggiore forza comunicativa. Basti pensare a James Joyce: nei suoi Dubliners, lo scrittore usa spesso la musica come filo conduttore del racconto e come strumento per sottolineare i momenti più intimi e profondi della trama».



Ospite d’eccezione dell’evento, a testimoniare la qualità del progetto, è l’ambasciatore d’Irlanda in Italia, Patrick Hennessy, che ha ringraziato l’università per l’iniziativa. «Sono molto grato alla Cattolica, al rettore Lorenzo Ornaghi e alla preside della facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere Luisa Camaiora, per avere deciso di offrire un assaggio d’Irlanda agli studenti e alla città di Milano. I miei complimenti vanno soprattutto al professor Reggiani, che ora aggiunge la musica come freccia al suo arco di promotore della cultura irlandese in Italia».

L'aula magna durante la lezione-concerto del  4 marzo 2010Hennessy ha anche sottolineato lo stretto rapporto che lega i due paesi: «I legami tra l’Italia e l’isola dello Smeraldo sono antichissimi, risalgono addirittura al quinto secolo, quando San Colombano, missionario irlandese, giunse a Milano, e in questa splendida città fu accolto con favore dal re dei longobardi. Le relazioni tra i due paesi sono notevoli anche in termini di turismo», ha aggiunto l’ambasciatore. «Pensate, solo nell’ultimo anno gli italiani che hanno visitato l’Irlanda sono aumentati del 20%. Molti di loro sono studenti che si recano a Dublino e in altre grandi città per studiare. Non di rado accade che decidano di rimanere a vivere qui. La comunità italiana in Irlanda, infatti, è molto numerosa».

La serie di lezioni-concerto prevede ancora due appuntamenti con ospiti d’eccezione, sempre a ingresso libero. Giovedì 15 aprile ci saranno Francesco Attesti al pianoforte e il soprano Victoria Rastorgueva, mentre l’incontro conclusivo è previsto per lunedì 3 maggio, quando nell’aula magna dell’università si esibiranno cinque giovani pianisti di talento, provenienti dal conservatorio “Giuseppe Verdi”,dall'Accademia Internazionale della musica di Milano e dal Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.

Valerio Bassan




REPLICA TV SU TELENOVA 2

La lezione-concerto del 4 marzo continua sul canale digitale terrestre Telenova 2, visibile a Milano e Provincia. L’evento sarà trasmesso martedì 23 marzo alle ore 9.00 - 16.00 - 21.00