La tua ricerca ha prodotto 11 risultati per bambini:

Lettori non si nasce, si diventa

MIlano Lettori non si nasce, si diventa Secondo Aidan Chambers , scrittore e saggista inglese, tra i più autorevoli protagonisti della riflessione sull'educazione alla lettura, leggere è tutt’altro che naturale. maggio 2017 Come si diventa lettori? La domanda presuppone una premessa importante, e cioè che la passione verso la lettura è una conquista culturale e non un dato naturale. Se l’umanità ha impiegato migliaia di anni per mettere a punto un sistema complesso di scrittura come quello alfabetico, oggi si richiede a un bambino di sviluppare l'innata capacità di decodificarlo nell’arco di tre anni scolastici. Riuscire ad andare poi oltre la sola decodifica del testo e sviluppare la passione per la lettura, è obiettivo ancora più arduo, che permette però un accesso continuo alla letteratura e quindi offre la possibilità di dare senso alla propria esperienza e di allargare i propri orizzonti culturali. Nella faticosa conquista della lettura che il bambino si trova ad intraprendere, la figura dell’adulto è necessaria per innescare il processo di sviluppo della persona verso l’essere un lettore competente e appassionato. Ma come esercitare questa responsabilità educativa? Si comincia sin dalla prima infanzia esponendo il bambino alla lettura: la lettura ad alta voce dell’adulto assume in questa fase la forma di relazione, che permetterà in seguito al bambino di associare l’atto del leggere a una sensazione di piacere e conforto. Il Reading Circle individua le tre fasi dell’atto del leggere - selezione, lettura e risposta del lettore - in cui l’educatore ha un ruolo attivo: in ognuna di esse deve infatti sapere intervenire opportunamente, rispettando l’esclusività e i tempi di ogni bambino.

 

India, l’alfabeto del cuore

Milano India, l’alfabeto del cuore Nel suo International Volunteering con i bambini poverissimi di un orfanotrofio indiano, Veronica, studentessa di Psicologia, ha scoperto sulla sua pelle il valore dei legami di fratellanza e di protezione. Ricordo ancora quel giorno in cui una bambina di probabilmente 4 o 5 anni, sporca e piena di croste, con vestiti lacerati, bussò al finestrino della nostra macchina chiedendo soldi, qualcosa da mangiare, anche solo una bottiglietta d’acqua. Oppure un’altra bimba, poco più grande, che bussò alla macchina, chiedendo da mangiare per il proprio fratellino di qualche mese, che piangeva disperato in braccio a lei. Nonostante tutto i bambini sorridono, ti accolgono a braccia aperte, sono ansiosi del tuo rientro. A insegnare loro i numeri, i colori, gli animali, i cibi, gli oggetti in inglese, a giocare con loro con le canzoncine in inglese, hindi, italiano, a disegnare con loro, a dedicare loro anche semplicemente del tempo. Si stringeva il cuore nel momento alcuni bambini rifiutavano la caramella oppure la donavano a quelli più piccoli, oppure la dividevano in mini pezzettini per poterla condividere con gli amici più stretti, senza che gliela avessero chiesta. In questa giornata si festeggia l’amicizia e la fratellanza, che vale anche per tutti quei legami che sono simili a quello sorella-fratello, sia all’interno della famiglia ma con lontana parentela, sia, a volte, tra persone un aspetto biologico. Per spiegare ai bambini il legame che comunque ci legava, abbiamo spiegato loro che noi saremmo stati per loro delle “didi”, cioè sorelle come per loro sarebbero stati per noi dei “bhai”, cioè fratelli.

 

Scuola, cambiano i “modi” d’imparare

Milano Scuola, cambiano i “modi” d’imparare Una rete di scuole milanesi con il Cedisma lancia una sperimentazione per superare il modello a “zig zag” con continui cambi di materia, a vantaggio di una didattica differenziata per blocchi più inclusiva anche per gli studenti con disabilità e Dsa. Un programma centrato sulla persona” è il progetto innovativo che coinvolge molte scuole italiane e, in particolare, 94 classi di 17 istituti comprensivi della scuola primaria a tempo pieno di Milano e provincia. L’iniziativa riguarda le scuole che vogliono rinnovare la didattica sul piano orario e qualitativo e anche della differenziazione didattica» afferma il direttore del Cedisma Luigi D’Alonzo , che coordinerà l’attività di osservazione e monitoraggio per questo primo anno di sperimentazione. Abbiamo un numero sempre maggiore di ragazzi complessi, si riscontra un boom di certificazioni di Disturbi dell’apprendimento (DSA) e disabilità a vario titolo e un boom anche di ragazzi senza certificazioni ma molto problematici. L’ipotesi che il progetto vuole percorrere è quella di cambiare l’orario scolastico, cercando di offrire ai bambini periodi di apprendimento dello stesso ambito disciplinare molto più ampi in modo che possano con tranquillità e flessibilità raggiungere gli obiettivi. Che ruolo avrà l’insegnante di sostegno con questa nuova modalità di insegnamento? «L’insegnante di sostegno, quando c’è, finalmente assolverà a quanto prevede la legge, e cioè assumerà la contitolarità della classe aiutando nella progettazione e nello svolgimento delle attività l’insegnante curriculare. scuola #primogiorno #bambini #didattica Facebook Twitter Send by mail CATTOLICAPER LA SCUOLA Da alcuni mesi l’Ateneo ha avviato Cattolicaper la scuola , il portale che mette a disposizione un’esperienza pluriennale nel campo della formazione e della ricerca applicata.

 

Quando i bambini fanno ooh

Milano Quando i bambini fanno ooh Prendete dei ragazzi delle elementari e liberate la loro curiosità su di sé e sulla vita: solleverete tante domande che neanche nelle aule universitarie. Un assunto che è stato ribaltato dal progetto “Fare Filosofia con i bambini ”, che ha coinvolto sei classi di quarta e quinta elementare dell ’Istituto Leone XIII di Milano , per iniziativa del dipartimento di Filosofia dell’Ateneo. Il progetto, che inizialmente prevedeva soltanto due classi, è stato accolto con tanto entusiasmo da essere poi esteso a sei. I primi ad apprezzarlo sono stati proprio i giovanissimi scolari (in alto e in fondo all'articolo alcuni dei disegni realizzati nei laboratori) . La novità è stata questa: non abbiamo mai dato un contenuto ma, attraverso la discussione e il gioco, abbiamo lasciato che fossero proprio i ragazzi a concettualizzare, partendo dal vissuto quotidiano, dalla realtà che conoscevano, per farli riflettere su di loro, sulla valenza del pensiero e dei nomi». “Fare Filosofia con i bambini” è un progetto che ha il pregio di avvicinare i più piccoli al mondo delle discipline umanistiche in un’epoca in cui il sapere privilegiato è quello tecnico-scientifico. Il laboratorio ha coinvolto anche i genitori , che, al termine degli incontri, hanno voluto sapere come fosse possibile portare avanti il percorso di costruzione dello spirito critico intrapreso dai bimbi: «Noi abbiamo suggerito di farli parlare, senza riempirli di domande, ma costruendo un domandare che è anche un parlare. Il sogno della professoressa Muller e del dipartimento sarebbe creare un progetto pilota che coinvolga gli ultimi tre anni delle scuole elementari: un’occasione in più per una formazione mentale del bambino completa con una didattica del tutto nuova.

 

Separazione, ascoltiamo i bambini

Roma Separazione, ascoltiamo i bambini È stato presentato il bilancio dei "Gruppi di parola" promosso dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, Università Cattolica e Istituto Toniolo. Il progetto intende valorizzare l’esperienza della condivisione delle emozioni come strumento di confronto ed elaborazione dei vissuti tra i bambini e i ragazzi coinvolti negli eventi di separazione o divorzio che coinvolgono i loro genitori. Si tratta di un numero elevato di bambini e ragazzi - commenta la Garante Filomena Albano - che si amplifica se si pensa che nel nostro Paese non esiste una misura a favore di questa particolare categoria di minorenni vulnerabili. Abbiamo constatato in molti modi il valore del GdP, abbiamo ascoltato le parole rasserenate dei bambini, i commenti positivi dei genitori, gli apprezzamenti di insegnanti che ci hanno riferito i cambiamenti osservati nei bambini». Un primo obiettivo dei promotori del progetto è la realizzazione di 7 GdP: 4 a Roma, 2 a Milano e 1 a Napoli, tutti gratuiti, associati alla somministrazione di un questionario - appositamente predisposto per questo progetto - per valutare il GdP dal punto di vista dei figli partecipanti e dei genitori. gruppidiparola #bambini #separazione #cartadiritti Facebook Twitter Send by mail I GRUPPI DI PAROLA I Gruppi di Parola sono interventi brevi, destinati a bambini (6-11 anni) e adolescenti (12-15 anni) con genitori separati o divorziati. Il Gruppo di Parola coinvolge anche i genitori: dalla fase di informazione e autorizzazione per i figli alla partecipazione all’incontro conclusivo del gruppo, fino al colloquio di approfondimento realizzato a distanza di un mese.

 

Bambini, che bellezza la filosofia

MILANO Bambini, che bellezza la filosofia Professori in toga hanno accolto gli alunni di terza, quarta e quinta elementare per una lezione su Sant’Agostino. Non si è trattato di evocare la pietra filosofale di Harry Potter ma di avvicinare i più piccoli al filosofare. Paola Muller , docente di Storia della Filosofia medievale, ha accolto con queste parole gli alunni di sei classi (terze, quarte e quinte) dell’Istituto scolastico Madre Cabrini di Milano, stupiti dalla nera toga accademica indossata dalla professoressa insieme ad altri colleghi. Noi mettiamo l’accento sul filosofare proprio perché il nostro approccio è di dialogo» spiega Paola Muller, che cura il laboratorio del Dipartimento di Filosofia insieme a Ingrid Basso e Pia De Simone . Sant’Agostino è un filosofo che ha avuto una vita ricca di insegnamenti validi anche per noi oggi», dice la professoressa Muller spiegando perché sia stato scelto proprio il filosofo di Ippona. Uno dei principi alla base della filosofia agostiniana è «scoprire la bellezza che è dentro di noi e fuori di noi e, per farlo, dobbiamo interrogarci e interrogare il mondo», aggiunge la docente. “Filosofare con i bambini” tornerà nelle aule di largo Gemelli lunedì 26 marzo e toccherà agli studenti dell’Istituto Comprensivo Pisacane Poerio confrontarsi con il pensiero di Sant’Agostino e il suo concetto di bellezza.

 

Tra i bambini di Quito

International Volunteering Tra i bambini di Quito Elena, studentessa di Economia, ha trascorso il suo progetto di International Volunteering nella capitale dell’Ecuador, tra i piccoli ospiti centro infantile Aldeas Infantiles . Ci ha messo in guardia sul fatto che la città è pericolosa, quindi ci ha avvertite di “ tener cuidado ” e di girare sempre con molta prudenza. Mi piace molto il suo modo di fare: è spiritosa, arguta e molto simpatica: tra le varie spiegazioni delle regole grammaticali infila ogni tanto qualche aneddoto “ muy chistoso ” e mi sprona tantissimo a parlare per praticare la lingua. Ci siamo andati con i bus pubblici: la cosa pazzesca è che non esistono orari predefiniti e gli autisti guidano in modo spericolato, senza curarsi più di tanto delle regole della strada. Durante il tragitto a piedi mi sono potuta rendere conto del vasto degrado che pervade e caratterizza quest’area: la zona è povera, molto sporca, pericolosa, oltre che difficile da raggiungere. Quando sono arrivata nella loro classe il primo giorno, ricordo che mi guardavano tutti incuriositi con i loro occhi scurissimi e profondi, nascosti da ciglia nere e lunghissime, quasi a interrogarsi su identità ed origini della nuova venuta. Ciò che mi ha colpita maggiormente è stata la loro dolcezza, ma anche la loro vivacità e voglia di scoprire il mondo circostante, di esplorarlo.

 

Il bambino Dop scende in campo

cattolicapost Il bambino Dop scende in campo L’impulsività e i limiti nella capacità di attenzione di cui soffrono i ragazzi affetti da Disturbo oppositivo provocatorio , in alcuni sport possono diventare punti di forza. L’ impulsività di cui questi ragazzi soffrono, così come l’ incapacità di essere attenti a più cose contemporaneamente , nell’ambito di alcune attività sportive possono diventare, se ben gestiti, dei veri e propri punti di forza . Il bambino Dop soffre di un disturbo - con forte comorbilità con il deficit d’attenzione e iperattività (Adhd) - che va a colpire il lobo frontale e prefrontale del cervello, rendendolo meno capace di controllarsi rispetto agli altri. Esistono interessanti lavori di ricerca americani sul valore di alcuni sport, come per esempio il rugby o addirittura il golf , in cui vengono sfruttate le fragilità di alcuni atleti affetti da questi tipi di disturbo per ottenere miglioramenti in termini di controllo del comportamento» afferma il professor Daffi. Con l’aiuto di Fondazione Cariplo i docenti hanno realizzato un progetto sportivo con interventi di affiancamento da parte di un educatore specializzato nella gestione dei disturbi del comportamento su soggetti segnalati dalla neuropsichiatria infantile del territorio. Queste evidenziano una significativa percentuale di bambini con difficoltà del comportamento, tale percentuale arriva a raggiungere anche il 20% a seconda del campione e dei metodi di indagine utilizzati. Per definire con precisione il Disturbo Oppositivo Provocatorio (Dop) , i comportamenti devono manifestarsi più frequentemente rispetto a quanto si osserva tipicamente nei soggetti di età e livello di sviluppo paragonabili e devono comportare una significativa compromissione del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo.

 

La vita prima della Shoah

brescia La vita prima della Shoah Nella mostra esposta a Brescia fino all’11 febbraio, nell’ambito della Giornata della memoria, le fotografie fissano i volti sorridenti e ancora ignari della tragedia che li aspetta, di chi fu poi vittima della tragedia dei campi di sterminio. L’obiettivo principale dell’iniziativa è, infatti, illustrare la vita che conducevano le vittime della shoah (chiamata anche porrajmos da rom e sinti) prima della strage. La mostra, curata da Rolando Anni e Paola Pasini dell’Arichivio storico della Resistenza bresciana e dell’Età contemporanea, inserisce accanto ai volti dei perseguitati, quelli dei persecutori, che non appaiono ancora con le stigmate dei malvagi. Nella Biblioteca “Padre O. Marcolini” diretta da Gabriele Signorini e la sezione degli Archivi Storici dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore affidata a Pierangelo Goffi si possono trovare inoltre fonti su quel periodo storico. Tra le altre cose si possono trovare alcuni film antisemiti del regime nazista, utilizzati come strumento di propaganda antiebraica, attraverso i quali si elogiavano le caratteristiche della “razza pura”, quella ariana. Le tre pellicole che riscossero un maggiore successo furono quelli ordinati da Goebbels prima dell’inizio della guerra e sono Die Rothschilds (I Rothschild), Jud Süss (Süss l’ebreo) e Der ewige Jude (L’ebreo eterno). Non mancano, infine, alcune pubblicazioni antisemite italiane, come la rivista “La difesa della razza”, pubblicata con cadenza quindicinale dal 5 agosto 1938 al 20 giugno 1943 sotto gli auspici del Ministero della Cultura popolare.

 

Una carezza di Papa Francesco

Ateneo Una carezza di Papa Francesco Si è concluso il progetto per i bambini con disabilità della casa famiglia Hogar Niño Dios di Betlemme offerto al Santo Padre, che in un messaggio chiede all’Ateneo di essere “un esempio nella promozione della cultura dell’incontro e dell’accoglienza”. maggio 2016 È stato completato il programma che l’Università Cattolica del Sacro Cuore ha dedicato ai bambini con disabilità, ospitati presso la casa famiglia Hogar Niño Dios di Betlemme . Il progetto, offerto a Papa Francesco per la sua particolare attenzione e vicinanza alle popolazioni di Terra Santa, ha preso avvio nel 2014 in occasione del 50° anniversario della facoltà di Medicina e chirurgia ed è stato realizzato grazie alla disponibilità e partecipazione di personale volontario della nostra Università. Laboratorio di musicoterapia Nel luglio 2015 si è svolta la prima missione in Terra Santa con la realizzazione di un laboratorio di musicoterapia e un seminario sul metodo Affolter. L'intervento, coordinato dalla professoressa Cristina Castelli , ha previsto un laboratorio di musicoterapia, coordinato dal dottor Dario Benatti e dalla dottoressa Maria Pia Bonanomi , che ha avuto una durata di 7 giorni ed è stato seguito da 26 professionisti e studenti dell’ambito socio-educativo, sanitario, psicologico e musicale. Durante questa prima missione è stato inoltre promosso un corso di formazione rivolto alle suore, agli operatori e ai volontari dell’Hogar Niño Dios sul metodo Affolter, un sistema volto allo sviluppo e al potenziamento dell’autonomia nelle attività quotidiane per bambini con sviluppo atipico. Intervento di riabilitazione neuropsicologica Nel febbraio 2016 si sono recate a Betlemme la dottoressa Daniela Ricci , pediatra specialista in neuropsichiatria infantile e la dottoressa Giorgia Coratti , terapista della neuro e psicomotricità nell’età evolutiva presso il Policlinico “A. Gemelli”, nell’unità di Neuropsichiatria infantile diretta dal professor Eugenio Mercuri .

 

Se i primi anni fanno la differenza

Non è per evocare conclusioni deterministiche, ma l’affermazione di un legame tra le esperienze dei primi anni e le qualità sviluppate da grandi trova evidenze scientifiche nel filone di studi dedicati all’importanza che lo sviluppo del capitale umano ha nelle prime fasi di vita di una persona. La prima: si è cominciato a intendere il capitale umano in modo multidimensionale, non solo dal punto di vista cognitivo, ma anche sotto altri aspetti, utili nel mondo del lavoro, come la capacità di concentrazione, di interagire con altre persone e di lavorare all’interno di un team». Quanto sono importanti le prime esperienze del bambino nel processo di formazione del capitale umano? «Ci sono stati molti studi empirici che hanno messo in relazione eventi dei primissimi mesi di vita con effetti di lungo periodo. Gli stimoli sono fondamentali per il bambino e se quest’ultimo è all’interno di un ambiente difficile, come capita anche in famiglie di Paesi industrializzati, la sua formazione ne è fortemente condizionata». È possibile costruire dei modelli teorici in grado di rappresentare universalmente le variabili che influenzano il processo di formazione del capitale umano? «Bisogna chiedersi qual è il ruolo dei diversi modelli prodotti. Quanto è stato fatto in questa direzione e quanto c’è ancora da fare? «In Inghilterra e negli Stati Uniti ci sono studi nuovi, tentativi di introdurre a poco a poco delle iniziative che tengano conto di queste intuizioni. Di queste iniziative fa parte l’incontro “ Promozione delle competenze genitoriali: impatto economico e sviluppo precoce del bambino ”, moderato da due docenti dell’ateneo, la direttrice del dipartimento di Psicologia Paola Di Blasio e l’economista Luigi Filippini .

 
Go top