La tua ricerca ha prodotto 18 risultati per natale:

Natale, una lunga storia d’amore

È bello sapere che al principio c’è una parola che sceglie di ri- volgersi e di unirsi a noi fino a farsi simile, anche nella debolezza. dicembre 2017 di Saverio Xeres prete della diocesi di Como, docente di Introduzione alla Teologia all’Università Cattolica. Al centro del Prologo quelle poche, densissime parole che irradiano una luce nuova, fecondissima di pensiero e generatrice di vita: « Il Verbo si è fatto carne ». In principio, dunque, ovvero all’origine e al fondo di tutto, sta questo atteggiamento di apertura, di disponibilità, che è Dio stesso: la Parola . Divenne : con questa espressione (pigramente tradotta dal latino con « si è fatto ») siamo di nuovo allontanati dall’idea di Dio come di un essere, lontano e statico: Dio diviene , cioè cambia, si adegua, viene incontro all’altro a sé . Se mai, proprio perché tutto è possibile a Dio, c’è da chiedersi come mai, tra tutto quello che poteva fare, Egli abbia scelto proprio di diventare uomo, e nel modo che sappiamo, ovvero in tutto simile a noi, nella debolezza, nella sofferenza e perfino nella morte. prete della diocesi di Como, insegna Storia della Chiesa al Seminario di Como e alla Facoltà Teologica di Milano, e Introduzione alla Teologia all’Università Cattolica di Milano.

 

Pontiggia, lettera dal Paradiso

MILANO Pontiggia, lettera dal Paradiso Riemerge dai documenti dello scrittore, laureato in Cattolica, un testo che è diventato un libro tenero, profondo, festivo. Del grande scrittore italiano, riemerge dai suoi documenti un testo che è diventato un libro tenero, profondo, festivo. È edito da Interlinea e in largo Gemelli a Milano è stato presentato come lezione aperta coordinata dal professor Roberto Cicala , titolare del corso in Editoria libraria e multimediale, che ha promosso l’evento. Amo da sempre l’opera di Pontiggia e questo libro nasce dalla ricerca e dalla curiosità verso questo grande autore del Novecento», spiega Fulvio Panzeri , giornalista e curatore dell’opera. Bisogna ricordare che Pontiggia non era credente – aggiunge Giuseppe Langella , docente di Letteratura moderna e contemporanea dell’Università Cattolica – ma aveva una sua religiosità che non stava dentro il credo canonico, dentro la pratica religiosa, perché viveva la dimensione del mistero, più che quella della fede». Per Pontiggia il Natale è una festa di famiglia, riconciliazione, serenità, che si manifesta attraverso i doni, con uno sguardo anche ai bambini di tutto il mondo, che ogni anno affidano i loro desideri alle “letterine” inviate a Babbo Natale. Un’opera che restituisce il pensiero sulla festività di Pontiggia, che serve, anche e soprattutto, a tenere viva la memoria di questo grande scrittore, tra i più importanti del Novecento.

 

Natale, una nevicata musicale

Ateneo Natale, una nevicata musicale I concerti di “Note d’inChiostro” a Milano e della Corale Polifonica a Roma accompagneranno la preparazione alle feste natalizie, insieme alle celebrazioni eucaristiche in tutte le sedi. L’assistente ecclesiastico generale presiederà anche la santa messa della sede di Roma giovedì 14 dicembre 2017 alle 12.30, nella chiesa centrale della facoltà di Medicina e Chirurgia. A Milano il concerto natalizio dello Studium musicale “Note d’inChiostro”, diretto da Giampiero Innocente - in programma mercoledì 13 dicembre alle 20.30 in Aula Magna - quest’anno assume la forma plastica di una autentica, abbondante “nevicata musicale”, sia per le opere presentate ed eseguite, sia per il numero di musicisti e coristi coinvolti. Una serie di brani di Mozart ci porta poi al periodo classico: l’Andante dal famoso concerto per clarinetto K 622 è un autentico capolavoro, opera del Mozart maturo che già ha messo mano alle ultime composizioni della sua vita, quelle del 1791. natale #celebrazioni #concerti #ucstore Facebook Twitter Send by mail PRESEPI D’ARTISTA NEI CHIOSTRI In occasione della feste natalizie l’Università Cattolica, per il terzo anno consecutivo, ospita in largo Gemelli a Milano una mostra di presepi d’artista promossa dalla Fondazione Crocevia. Sabato 16 dicembre , alle ore 17, in Aula Magna si terrà il Concerto di Natale , che avrà per protagonisti l’ Ensemble Vocale Ambrosiano e il coro di voci bianche I Musici Cantori di Milano , fondato da Claudio Abbado. UC STORE, IDEE REGALO COL 20% DI SCONTO Fare regali di Natale con i prodotti della linea dell’Università Cattolica: una buona idea! Soprattutto perché da lunedì 18 dicembre all’UC Store iniziano le promozioni natalizie con il 20% di sconto su tutti i prodotti.

 

Natale, un libro è sempre una buona idea

Una borsa? E che ne sapeva lui di borse? Una pianta? La solita stella di Natale? Un gioiello? Ma no, Angela era contraria a buttare via i soldi in quel modo. Non sveliamo la risposta del protagonista del racconto di Francesco Recami (in Regalo di Natale , Sellerio), ma un libro è decisamente una buona idea. Tuttavia non è facile scegliere, tra il mare magnum di novità e di classici, cosa regalare e a chi. Proviamo allora a snocciolare qualche titolo da mettere sotto l’albero per tipologia di lettore. Per chi è alla caccia del bestseller fresco di stampa la libreria Vita e Pensiero consiglia Ogni storia è una storia d’amore di Alessandro D’Avenia (Mondadori), I l mare dove non si tocca di Fabio Genovesi (Mondadori), La fine dei vandalismi di Tom Drury (Nne). Non può mancare Gli anni del nostro incanto di Giuseppe Lupo (Marsilio) che dedica il libro a Milano, «all’alfabeto delle sue periferie, all’incanto delle sue luci», con una storia che parla già dalla copertina che ritrae in bianco e nero di una famiglia felice degli anni ’60, in vespa. Leggendo scopriamo che si parla di un padre operaio, una madre parrucchiera, un figlio di sei anni e una bimba che non ne ha ancora compiuto uno; «vengono dalla periferia, sembrano presi dall'euforia del benessere che ha trasformato la loro cronaca quotidiana in una vita sbarluscenta. La seconda è, invece, per chi ama i gialli e le storie di cronaca: Compulsion di Meyer Levin (Adelphi) racconta, infatti, la vicenda del delitto perfetto ideato a Chicago negli anni ’20, un caso che fece storia e ispirò il film Nodo alla gola di Hitchcock.

 

Chiusure invernali 2017

La biblioteca rimarrà chiusa al pubblico dal 23 Dicembre 2017 al 1° Gennaio 2018. Da martedì 2 a venerdì 5 gennaio 2018 effettuerà l’orario ridotto: 8.30 - 12.30 - 14 - 17 CREMONA La sede resterà chiusa da sabato 23 dicembre 2017 a mercoledì 3 gennaio 2018 e da venerdì 5 gennaio a domenica 7 gennaio 2018. L'Ufficio orientamento sarà chiuso dal 23 dicembre al 7 gennaio. La Biblioteca sarà chiusa al pubblico dall’8 al 10 dicembre; dal 23 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018. PIACENZA Chiusura invernale dal 23 dicembre al 1° gennaio L’Ufficio Stage e Placement chiuderà il 22 dicembre pomeriggio e riaprirà l’8 gennaio. La Biblioteca di Piacenza sarà chiusa al pubblico dall’8 al 10 dicembre; dal 23 dicembre 2017 al 1° gennaio 2018. ROMA Il Polo Studenti sarà chiuso dal 23 dicembre al 7 gennaio 2018.

 

Degustando s'impara

Cremona Degustando s'impara Degustazione pre-natalizia per gli studenti del corso di Laurea triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari , che sotto la guida dei ricercatori di Viticoltura e Enologia hanno degustato vini in abbinamento a salumi e formaggi del territorio. La degustazione ha avuto inizio con i saluti introduttivi della Dott.ssa Emanuela Tabusso , tutor della sede, che ha ringraziato le aziende che hanno offerto i prodotti ( Auricchio e Negroni ) e il gruppo studentesco Unilab per avere finanziato l’evento. Fabrizio Torchio e la dott.ssa Annalisa Rebecchi , ricercatori rispettivamente presso l’istituto di Viticoltura, Enologia e Microbiologia della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali hanno quindi guidato gli studenti attraverso i cinque sensi, alla scoperta di sapori e percezioni. Ortrugo , Gutturnio e Moscato i tre vini oggetto della degustazione che, come ha spiegato il dott. Per quanto riguarda l’olfatto la dott.ssa Diti ha mostrato la ruota degli odori, inventata da un’enologa dell’università di Davis : uno strumento molto utile che riunisce in famiglie di appartenenza la maggior parte degli odori riscontrabili nei vini. La dott.ssa Rebecchi ha poi condotto l’assaggio dei formaggi, tra provolone dolce, piccante e pecorino, mostrando come valutare colore, morbidezza, elasticità e sapore, in abbinamento ai vini secondo la regola “formaggi chiari con vini bianchi, formaggi stagionati con vini scuri, rossi”. E in fondo non poteva mancare il dolce, che con il Moscato d’Asti e il tradizionale panettone ha permesso di festeggiare in allegria l’arrivo delle festività natalizie, tra brindisi e scambi di auguri.

 

Feste natalizie e stress da gestire

Milano Feste natalizie e stress da gestire Aspettative e confronto sociale sono le principali cause dell'affaticamento che accompagna le vacanze di Natale e che qualche volta è fonte di stress. Per quanto riguarda le aspettative - avremo tempo per riposare, per vedere amici e parenti, avrò bellissimi regali, ecc. - il primo passo è essere realisti sia in quelle che riguardano gli altri sia in quelle relative a se stessi. Può aiutare fare una lista delle cose da fare e dare una priorità a quelle più importanti, in particolare quelle che riguardano la propria famiglia, in modo da essere sicuri di realizzarle. L’altro problema è che le feste favoriscono l’incontro con persone che non vedo da tempo. Proprio per questo il rischio è di trovarsi coinvolti in confronti o paragoni con amici e parenti che possono generare ansia e rancore. In primo luogo occorre evitare personalmente di cadere nella tentazione delle gare o delle classifiche (io cucino meglio di te, il mio regalo è meglio del tuo, ecc). E poi bisogna ricordarsi che i giudizi e/o le critiche da parte di persone che non ci conoscono bene lasciano il tempo che trovano.

 

Mangiare sano e con gusto

MILA NO Mangiare sano e con gusto Il dietologo della facoltà di Medicina di Roma Giacinto Miggiano spiega come comportarsi a tavola in occasione delle feste, per guardare alla salute, concedersi qualche sfizio e prevenire i mali di stagione. dicembre 2016 «Attenzione a non esagerare con cibi grassi e porzioni abbondanti che portano, insieme con la possibile riduzione dell’attività fisica propria dei mesi invernali, a un incremento di peso». È la raccomandazione del professor Giacinto Miggiano , direttore del Centro di ricerche in nutrizione umana dell’Università Cattolica e dell’Unità operativa di dietetica del Policlinico Gemelli di Roma che consiglia di non strafare con alimenti calorici e bevande alcoliche durante il periodo natalizio. Quando la temperatura esterna è solitamente più bassa rispetto ad altri periodi dell’anno, il nostro organismo disperde più calore e quindi, oltre che indossare un diverso abbigliamento, può aiutare l’assumere preparazioni e pietanze che di per sé tendono ad apportare più calore». Se è vero che si brucia di più per mantenere costante la temperatura corporea in compenso ci si muove di meno e quindi occorre tenere in conto questi due aspetti opposti del bilancio calorico». Tuttavia poiché alla fine l’alcol è anche un dilatatore dei vasi sanguigni periferici (di mani e piedi), alla prima sensazione di caldo-calore subentra una dispersione di segno opposto. L’alimentazione può essere d’aiuto contro il rischio di influenze e raffreddamenti? «Le vitamine (A, C ed E), composti antiossidanti (bioflavonoidi) e alcuni metalli (zinco, rame e selenio) possono aiutare ma questo non obbliga a seguire un’alimentazione diversa rispetto ad altri periodi.

 

Un Natale di misericordia

Roma Un Natale di misericordia Con la celebrazione eucaristica in Chiesa centrale nella sede di Roma si è dato inizio agli eventi in preparazione al Santo Natale. by Federica Mancinelli | 19 dicembre 2016 “La parola di Dio ci ricorda che l’eccellenza riconosciuta delle nostre competenze accademiche e sanitarie deve essere vissuta e trasmessa come un segno della bontà divina. Dentro la ricerca di salute si cela sempre anche una domanda di salvezza. Una tale attenzione, ispirata al modello del Buon Samaritano, icona luminosa di questo anno giubilare, deve essere ciò che ci contraddistingue e ci qualifica – così, in uno dei passi centrali dell’omelia della celebrazione eucaristica del 14 dicembre, S.E. Claudio Giuliodori , Assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha voluto introdurre tutta la comunità della sede di Roma dell’Ateneo e della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli al cammino più intenso di preparazione al Santo Natale. È la strada della misericordia che permette di incontrare tanti fratelli e sorelle che tendono la mano perché qualcuno la possa afferrare per camminare insieme». natale #misericordia Facebook Twitter Send by mail.

 

È tempo di guardare avanti

MILANO È tempo di guardare avanti Nella celebrazione in preparazione al Natale, l’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori , citando Papa Francesco, ha esortato l’Ateneo a continuare a costruire la cultura della misericordia sollecitata dal Giubileo. dicembre 2016 di monsignor Claudio Giuliodori * Cosa può significare, come Ateneo Cattolico, preparare la via del Signore? In questo anno dobbiamo prendere atto che il Signore stesso ha tracciato una strada davanti a noi su cui abbiamo camminato assieme e su cui forse dobbiamo continuare a indirizzare i nostri passi. Quello che poteva apparire come un fatto marginale rispetto al fluire ordinario dell’attività accademica, si è rivelato invece capace di toccare e fecondare in profondità anche la vita del nostro Ateneo. In questo anno giubilare abbiamo scoperto e condiviso una grande quantità di esperienze che declinando le conoscenze più avanzate con la misericordia hanno dimostrato di saper generare processi davvero virtuosi e incisivi sul fronte della promozione umana. Il nostro Ateneo, per la sensibilità dei suoi docenti, per l’interesse manifestato dagli studenti, per i progetti che è in grado di sviluppare, è già certamente e può esserlo sempre di più una fucina dove prende forma quella “misericordia sociale” ripetutamente sollecitata dal Santo Padre. Occorre pertanto mettere in campo una rinnovata creatività nel pensare e vivere le “opere di misericordia”, che a diverso titolo, interessano anche il nostro Ateneo, come sottolineava anche il Magnifico Rettore in occasione dell’apertura dell’anno accademico. Stralci dell’ omelia della celebrazione eucaristica in preparazione al Natale che si è tenuta nell’aula magna della sede di Milano il 15 dicembre 2016 TESTO INTEGRALE DELL'OMELIA DI MONSIGNOR CLAUDIO GIULIODORI ( KB) #natale #misericordia #messa #giuliodori Facebook Twitter Send by mail.

 

Un Natale di musica e solidarietà

Milano Un Natale di musica e solidarietà Biglietti realizzati dai bambini per aiutare studenti terremotati, celebrazioni, concerti, promozioni UC Store e Libreria Vita e Pensiero per regali griffati Cattolica. Poesia e spiritualità , è il titolo dell’evento “Editoria a Natale”, con la presentazione del libro “Il tuo Natale” (Interlinea) del prete e poeta, uno dei maggiori autori italiani del Novecento. Dall'Annuncio al Presepe ": dal 15 dicembre 2016 al 27 gennaio 2017 , nel chiostro e nella cappella del Sacro Cuore di largo Gemelli la grande tradizione del presepe incontra l’arte. BRESCIA La celebrazione eucaristica in preparazione al Natale, per studenti, docenti e personale tecnico ammnistrativo si terrà martedì 13 dicembre alle ore 12.30 nella cappella dell’Ateneo in via Trieste 17 e sarà preceduta alle 11.30 dalle letture spirituali tratte dagli scritti sul Natale del beato Papa Paolo VI . La celebrazione eucaristica in preparazione alla festività si terrà venerdì 16 dicembre alle 11.30 e sarà presieduta, come è consuetudine da qualche anno, dal vescovo di Piacenza-Bobbio monsignor Gianni Ambrosio . Nel campus di Cremona, la celebrazione eucaristica presieduta dall’assistente pastorale don Maurizio Compiani si terrà martedì 13 dicembre nell’aula magna della sede di Palazzo Ghisalberti. “ Regala un sorriso ” è il titolo dell’iniziativa di solidarietà promossa dal Fondo carità del Policlinico: nella hall del Gemelli sarà possibile sostenere attività e progetti delle 40 associazioni, che operano in ospedale, attraverso le palline “smile” in vetro per decorare l’albero di Natale.

 

Messa in preparazione alle festività Natalizie

Messa in preparazione alle festività Natalizie La celebrazione si terrà lunedì 14 dicembre in cappella Sacro Cuore. L’assistente ecclesiastico generale: «Entriamo davvero nel cuore della realtà» by Mons. Sergio Lanza | 03 dicembre 2009 Carissimi, il prossimo 14 dicembre celebreremo la Messa in preparazione alle Solennità Natalizie : un incontro familiare, un augurio che dall’altare raggiunge le nostre case e i nostri cari. La partecipazione viva e sentita di tutti e di ciascuno costruisce la comunità in carità e verità. Sono lieto di informare, inoltre, che il 17 dicembre gli Universitari di Roma (ma nessuno è escluso!) saranno a s. Pietro, per celebrare i Vespri guidati dal successore di Pietro, il Papa Benedetto XVI , cui il nostro Rettore Magnifico rivolgerà l’indirizzo di saluto. Così, attraverso la partecipazione a queste giornate, entriamo davvero “nel cuore della realtà” e diamo spessore di vita alle parole-guida di s. Alberto Magno che campeggiano all’orizzonte ideale di questo Anno Accademico: “in dulcedine societatis quaerere veritatem” . In attesa di incontrarvi, un cordialissimo saluto.

 

Natale, auguri in mannequin challenge

Un’azione normale per alcuni, più rara per altri, che può diventare frenetica sotto le feste quando siamo di corsa e dobbiamo scegliere il libro giusto da regalare. Il consiglio è quello di chiedere al libraio di fiducia e in università abbiamo la fortuna di avere una bella libreria e dei librai professionisti. Un romanzo che è una storia di amicizia tra due ragazzi – e poi due uomini – una fuga dalla città, un viaggio per ritrovare la dimensione interiore nella solitudine in comunione con la natura, «una dimensione che stanno riscoprendo i ragazzi di oggi» ci dice la libraia Chiara . Una scrittrice di poche ma cristalline parole è stata invece Cristina Campo , che così si descriveva nella quarta di copertina di Il flauto e il tappeto (ed. Rusconi): «Ha scritto poco e le piacerebbe avere scritto meno». Per chi cerca un libro da regalare a figli e nipoti, dalla terza elementare in su, ecco Shakespeare in shorts di Daniele Aristarco (Einaudi Ragazzi, 207 pp., 16,90 ), un libro che ci consiglia la libraia Benedetta e che racconta in un linguaggio semplice, non semplicistico, dieci storie del bardo inglese. Lo scrittore madrileno, noto soprattutto per Biografia del silenzio, qui narra la storia di Charles de Foucauld, il beato fratel Carlo che scelse di vivere tra i poveri in Marocco e che Pablo immagina alle prese con il racconto della sua vita pochi mesi prima di essere ucciso. Una vita straordinaria, esagerata, che dagli eccessi parigini arriva appunto all’oblio di sé e che ribalta il concetto contemporaneo del successo, come quando ci dice: «Appena nato a Betlemme, un bambino qualsiasi.

 

Natale 2015, calendario dei servizi

Il 4 e 5 gennaio le sedi chiuderanno alle ore 19.20. CAMPUS DI PIACENZA E CREMONA Le due sedi dell’Ateneo rimarranno chiuse dal 24 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016 compresi; riapriranno regolarmente il 7 gennaio.

 

Festa di libri sotto l’albero

Milano Festa di libri sotto l’albero Una selezione di titoli della University Press dell’Ateneo Vita e Pensiero da leggere e meditare o da far trovare sotto l’albero. Per chi avesse curiosità sulla realtà storica della vita di Maria si rivela prezioso l’eloquente libro di Frédéric Manns , Trenta domande (e trenta risposte) su Maria e la nascita di Gesù . Sempre a tema spirituale è il libro Charles de Foucauld di PierAngelo Sequeri , che tratteggia la figura del monaco e profeta morto un secolo fa dopo aver condiviso la sua esistenza con gli abitanti del deserto, uno tra i personaggi più affascinanti del Novecento. Sempre sul tema, ma in una prospettiva pedagogica e sociologica Crescere in un tempo di crisi di Philippe Jeammet e Ho ricevuto, ho trasmesso a cura di Vincenzo Paglia . Il primo, scritto da un espertissimo psichiatra e psicanalista francese che da anni si occupa di problemi comportamentali degli adolescenti, affronta i nodi della crescita, come il delicato passaggio all’età adulta, il controllo delle emozioni, l’incognita del lavoro, nel quadro della delicata dicotomia adolescenza e crisi. Religioni: tra attualità, dialoghi e approfondimenti Di stretta attualità politica e culturale il terzetto rappresentato da Islamismo e democrazia di Riccardo Redaelli , La violenza e Dio di Enzo Bianchi , e Pregare, un’esperienza umana a cura di Franco La Cecla e Lucetta Scaraffia . Enzo Bianchi affronta il tema della violenza presente nella Bibbia leggendo i salmi imprecatori, testi di solito poco frequentati proprio perché di difficile comprensione, eppure ci spiega il priore di Bose: «L’esperienza del male appartiene ineludibilmente alla vita.

 

La celebrazione per il Natale

ROMA La celebrazione per il Natale L’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori ha presieduto la santa messa nella Chiesa centrale della sede di Roma. dicembre 2015 Nel pieno del cammino di Avvento la comunità dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma si è riunita giovedì 10 dicembre nella Concelebrazione Eucaristica presieduta dall’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori nella Chiesa Centrale dell’Università. Quest’anno la celebrazione si è arricchita anche dello spirito del Giubileo della Misericordia, aperto lo scorso 8 dicembre da Papa Francesco, diventando così il momento di apertura dell’Anno Giubilare per l’intero Ateneo che culminerà il prossimo 9 aprile 2016 nel pellegrinaggio a San Pietro di tutte le sedi. di monsignor Claudio Giuliodori «Io sono il Signore, tuo Dio, che ti tengo per la destra e ti dico: “Non temere, io ti vengo in aiuto”» . Questa parola del profeta Isaia che abbiamo ascoltato nella prima lettura dobbiamo accoglierla come rivolta a noi, qui riuniti in questo tempo di Avvento per prepararci al Santo Natale. Sappiamo quanto sono grandi le sfide che abbiamo affrontato e quelle che ancora ci attendono. Se stiamo ritornando ad una certa normalità, il Natale ci ricorda che il nostro impegno deve essere comunque sempre straordinario.

 

Natale in sei lingue del mondo

Milano Natale in sei lingue del mondo Una messa speciale il 14 dicembre nella sede di Brescia: studenti di lingue hanno cantato in inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo e cinese . Le c elebrazioni in tutte le sedi aprono il Giubileo in Ateneo 17 dicembre 2015 Una messa di Natale un po’ speciale quella che è stata celebrata nella Cappella della sede di Brescia lunedì 14 dicembre con canti che hanno risuonato in sei diverse lingue: inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo e cinese . Il repertorio scelto per l’animazione della celebrazione spazia da grandi autori classici ad altri più popolari: gli studenti di inglese, tedesco, francese e spagnolo hanno proposto canti natalizi della tradizione europea, mentre quelli di russo e cinese hanno contribuito con melodie dal sapore orientale. A seguirà un momento conviviale con assaggi di specialità gastronomiche tipiche dei vari Paesi e con lo scambio di auguri in tutte le lingue insegnate in facoltà. Anche per la nostra comunità universitaria - scrive ancora monsignor Giuliodori - l’evento giubilare può costituire motivo di profondo rinnovamento attraverso un cammino di conversione e di sincera apertura alla Misericordia di Dio». A Milano il 17 dicembre le celebrazioni eucaristiche si sono tenute come di consueto alle 8.15 (Cappella del Sacro Cuore), alle 12.30 (Aula Magna, con l’accompagnamento musicale del coro Note d’Inchiostro) e alle 18 (Cappella del Sacro Cuore). CONCERTO NATALIZIO Giovedì 17 dicembre ore 14.45 Milano, Cappella Sacro Cuore È sbocciata una rosa! Coro e Ensemble di Note d’inChiostro [ PROGRAMMA ] LA FESTA DEI COLLEGI A ROMA Domenica 13 dicembre 2015 , dalle 19.30 nell’ Auditorium della sede di Roma appuntamento con il Concerto di Natale meglio noto come " Panendorata ".

 

Consigli contro lo stress da feste

ROMA Consigli contro lo stress da feste Il neurologo del Policlinico Gemelli Paolo Maria Rossini , esperto di disturbi del sonno, spiega quali sono i nemici del riposo che possono causarci uno affaticamento anche maggiore nel periodo delle festività. Sette consigli per batterli 23 dicembre 2015 Come evitare di tornare dalle feste più stanchi di prima. Il neurologo Paolo Maria Rossini , direttore dell'Istituto di neurologia del Policlinico Gemelli di Roma ed esperto di disturbi del sonno, spiega quali sono i nemici del riposo che possono causarci uno stress anche maggiore nel periodo delle festività. Solo che nei giorni di feste tra botti, tappi di spumante e chiassose riunioni familiari, chi vive negli appartamenti dalle pareti sempre più sottili rischia parecchi suoni molesti in più». Invece - suggerisce il neurologo, che confida di amare “da sempre” il Natale - cerchiamo di programmare di meno e imparare dai bambini a riscoprire il miracolo e l'incanto del presepe, dell'albero, dei pomeriggi insieme e dell'attesa dei doni. sonno #stress #feste #natale Facebook Twitter Send by mail UN SONNO DI BUONA QUALITÀ «Il sonno è un meccanismo sofisticatissimo e delicato, che si articola in una serie di fasi, inclusa quella del sogno – afferma Il neurologo Paolo Maria Rossini , direttore dell'Istituto di neurologia del Policlinico Gemelli di Roma - . La lettura di un buon libro, un po' di relax sul divano, l'ascolto della musica abbassano il tono muscolare, rilassano e riducono progressivamente la tensione emotiva, per regalarci un sonno di buona qualità».

 
Go top