Università Cattolica del Sacro Cuore

Link funzionali



CattolicaNews Newsletter Rassegna Stampa Area Stampa
  • Basic Research in Cardiology

    Roma

    Infarto, scoperta molecola freno

    Renderebbe inoffensive le cellule immunitarie che lo favoriscono. È il risultato di un lavoro di ricercatori di cardiologia dell’Università Cattolica che sarà pubblicato su Basic Research in Cardiology. Studi in corso potrebbero dimostrare la validità di terapie preventive antinfiammatorie

  • Giovanni Reale e Sandro Pertini

    Milano

    Giovanni Reale, ricordo del maestro del pensiero antico

    Nel giorno della scomparsa del filosofo, laureato dell’ateneo, allievo di monsignor Olgiati e per trent’anni professore della Cattolica, il ricordo della comunità accademica, del preside della “sua” facoltà, e alcuni stralci del profilo curato dall’allievo Roberto Radice, pubblicati oggi sul quotidiano "Avvenire"

  • Christian Harris

    Milano

    Lavorare con Google nel motore

    Christian Harris è arrivato a Dublino nell’headquarter europeo della corporation americana grazie al network creato dal professor Brioschi con l’International Advertising Association. Un “passaporto” conferito anche quest’anno a 140 studenti Cimo GALLERY

  • anziani

    Roma

    Lotta all’invecchiamento, l'Italia guida il primo studio europeo

    Ottanta ricercatori da 11 nazioni, 1.500 pazienti coinvolti e un finanziamento pubblico-privato di 49 milioni di euro: il progetto Sprintt coordinato dal geriatra dell’Università Cattolica Roberto Bernabei e da Susanna Del Signore di Sanofi




BRESCIA

Eclaire, vedetta dell’ecosistema

Alta 40 metri e collocata nella riserva naturale di Boscofontana la torre misura gli inquinanti e le conseguenze sul biosistema. Un progetto promosso dall’Ue a cui partecipa, tra gli altri, anche il Dipartimento di Matematica e Fisica della Cattolica

Studi e Ricerche, Brescia
Pubblicato: 28 giugno 2012

di Antonella Olivari

staff

Vigila sulla pianura Padana dal mese di maggio la torre micrometeorologica di Eclaire, alta 40 metri e collocata nella Riserva naturale di Bosco Fontana, un’area naturale protetta del comune di Marmirolo, a pochi chilometri da Mantova. In questo sito sperimentale dieci gruppi di ricerca europei, con strumentazioni diverse, stanno misurando le sostanze chimiche emesse e depositate sulla vegetazione per analizzare gli effetti dei cambiamenti climatici . Tale ricerca rientra nel progetto Éclaire (Effects of climate change on air pollution impacts and response strategies for European ecosystems) e il suo obiettivo è quantificare gli effetti che il cambiamento climatico avrà sull’inquinamento atmosferico e sviluppare strategie di risposta per gli ecosistemi europei. È un progetto europeo del Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico dell’Unione europea e vede coinvolto anche il dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università Cattolica in un consorzio di 39 gruppi di ricerca provenienti da 18 paesi del nostro continente.

Gli studiosi hanno stabilito un piano di lavoro che li vedrà impegnati in questi quattro anni nella valutazione del cambiamento dell’inquinamento atmosferico in seguito ai mutamenti climatici e degli effetti che essi causeranno sugli ecosistemi naturali agricoli e forestali.
Al dipartimento di Matematica e fisica dell’ateneo, che partecipa ad Éclaire insieme al Cnr, è stata affidata la valutazione della dinamica e della fisica degli scambi gassosi a livello di ecosistema in sistemi agricoli e forestali padani così come la misurazione delle sostanze chimiche emesse e depositate sulle pre-Alpi italiane.

Per questa “campagna di misura” è stata allestita una torre-ponteggio alta 40 metri sulla quale sono stati installati potentissimi sensori di ultima generazione in grado di captare gli scambi gassosi tra atmosfera e bosco. “Uno degli obiettivi – spiega Giacomo Gerosa, responsabile scientifico del contributo italiano – è quello di monitorare l’impatto dell’inquinamento atmosferico padano sul sistema forestale. I sensori rileveranno i flussi inquinanti come ozono, ossidi d’azoto, ammoniaca, composti organici emessi dalle piante o provocati dall’attività umana di qualsiasi natura, gli aerosols e le polveri. Una raccolta di dati continua e velocissima, nell’ambito del decimo di secondo. La differenza con le tradizionali centraline dell’Arpa è proprio la velocità nel recupero delle informazioni e il fatto che l’agenzia regionale misura le concentrazioni degli inquinanti dell’aria , mentre il progetto Éclaire determina quanto gli inquinanti finiscono nelle piante e quindi la loro reazione.

«Quello che si vuole studiare – precisa Gerosa- è la funzione del bosco vicino alle attività produttive, ovvero la sua capacità di rimozione nei confronti delle sostanze inquinanti. Il bosco è come un’enorme carta assorbente che contribuisce a ridurre gli inquinanti in atmosfera mettendosi al servizio dell’uomo. Noi vogliamo anche capire quanto tutto questo influisca anche sulla vegetazione».

I rilievi continueranno fino alla metà di luglio e poi verrà emessa la diagnosi sule condizioni del grande polmone verde.

Antonella Olivari




Libri

Pierre Rabhi. Il contadino poeta che respira con la terra

a cura di Giovanna Salvioni, Educatt, Milano 2011, € 3,00

Lezioni di diritto pubblico

Un agevole testo di studio che si discosta dai manuali tradizionali per la voglia di semplificare strutturalmente una materia complessa