La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per historytelling:

Olivetti, una storia tutta italiana

Milano Olivetti, una storia tutta italiana È dedicata al grande imprenditore visionario la lezione aperta di Paolo Colombo e Luca Falciola in programma mercoledì 12 giugno nel cortile d’onore di largo Gemelli. Olivetti rimase talmente impressionato da Matera che incaricò i suoi architetti di realizzare un piano regolatore che determinò la nascita de “La Martella”. Raccontare questa storia significa sottolineare, al di là del dell’avventura elettronica olivettiana, l’importanza della fiducia riposta nella capacità di visione di uomini illuminati, nell’intraprendenza dei giovani, negli effetti virtuosi dell’innovazione: una fiducia senza la quale le crisi paiono altrimenti insuperabili. Vuol dire porsi una domanda decisiva: cosa vogliamo davvero per il futuro del nostro Paese?», spiega Paolo Colombo, docente di Storia contemporanea nella facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica, da alcuni anni impegnato a girare i teatri italiani per appassionare il grande pubblico alla storia. Ne emerge un fantastico affresco dell’industria di Ivrea che, nell’Italia a cavallo tra gli anni ’50 e ’60, è diventata una fucina di sogni, di creatività e di cultura raffinata ma anche di importanti successi commerciali a livello internazionale. Quello di Olivetti e della Olivetti è un caso assolutamente emblematico e ci sa restituire l’idea che il nostro Paese e la nostra Comunità sono il frutto di ciò che vogliamo, di ciò che decidiamo di fare o non fare, di ciò che sogniamo. La serata fa parte dell’iniziativa Storia&;Narrazione , un progetto innovativo di “history telling”, ideato dai professori Paolo Colombo e Chiara Continisio , docente di Storia contemporanea nella facoltà di Scienze della formazione.

 

Historytelling, la storia che piacere

MILANO Historytelling, la storia che piacere I professori Paolo Colombo e Chiara Continisio hanno creato un format per divulgare la storia che riempie i teatri di tutta Italia. È il format che hanno creato dieci anni fa due professori rispettivamente delle facoltà di Scienze politiche e sociali e Scienze della formazione , Paolo Colombo e Chiara Continisio . Le mie lezioni hanno sempre avuto un tono che esulava dalla tradizione accademica - racconta Paolo Colombo - e, parlandone con la mia collega, è nata l’idea di realizzare un prodotto da proiettare al di fuori delle aule universitarie». Il progetto dell’historytelling, che porta la storia a teatro, è partito inizialmente da una collaborazione con i monaci della chiesa di Santa Maria delle Grazie, raccontando fatti storici con forme narrative innovative: storie diverse richiedono trattamenti differenti e rendono unico ogni appuntamento. Una riscoperta della storia narrata «un po’ come quando da piccoli si chiede ai più grandi di raccontare dei fatti passati», anche se questo non può sostituirsi, nel caso degli studenti, allo studio delle nozioni. L’historytelling è una formula che incontra un pubblico molto ampio e lo zoccolo duro è probabilmente quello degli spettatori adulti: «I giovanissimi probabilmente non comprenderebbero una parte di sfumature, battute o riferimenti ma dai 18 anni in su si hanno gli strumenti per poter appassionarsi». Un mix perfetto già portato nei teatri di diverse città d’Italia - l’appuntamento più recente al Carcano di Milano - e di cui se n’è potuto avere un assaggio nella lezione aperta su Martin Luther King, tenutasi in largo Gemelli il 28 novembre scorso, in onore dei 50 anni dalla sua morte.

 

L’historytelling va a teatro

milano L’historytelling va a teatro Tre spettacoli di Storia e narrazione al Carcano di Milano con il professor Paolo Colombo, ideatore delle "lezioni aperte" per emozionare raccontando la storia 08 ottobre 2019 Torna a Milano l’appuntamento con l’ historytelling , il progetto per emozionare raccontando la storia. Il format è stato creato dieci anni fa da due professori rispettivamente delle facoltà di Scienze politiche e sociali e Scienze della formazione , Paolo Colombo e Chiara Continisio . Il progetto che porta la storia a teatro, è partito inizialmente da una collaborazione con i monaci della chiesa di Santa Maria delle Grazie, raccontando fatti storici con forme narrative innovative: storie diverse richiedono trattamenti differenti e rendono unico ogni appuntamento. L’iniziativa si colloca nella decennale attività di “Storia e narrazione”, “un vero e proprio laboratorio di creazione di storie”, come lo definiscono i due storici, in programma al teatro Ariberto di Milano, con il coinvolgimento degli studenti universitari ma anche della cittadinanza. Un esperimento che si conclude ogni volta con la partecipazione del pubblico, chiamato ad assistere a una storia coinvolgente e affascinante, come quella che i nostri nonni e i nostri genitori ci raccontavano prima di andare a dormire». Il progetto ha poi dato vita a un ciclo di lezioni aperte della facoltà di Scienze politiche e sociali nelle aule dell’Università Cattolica, da JFK a Mandela, dal Giorgio Gaber a Martin Luther King, fino alla più recente lezione su Adriano Olivetti. E proprio a Olivetti sarà dedicata la prima delle tre serate al teatro Carcano di Milano, della serie “Muro contro Muro ”, di e con Paolo Colombo.

 
Go top