La tua ricerca ha prodotto 18 risultati per settegradi:

Lo Spirito del Natale futuro

SETTE GRADI Lo Spirito del Natale futuro Fra la speranza in un vaccino e l’attesa del mondo che verrà le notizie viaggiano verso il primo Natale con Covid-19. Intanto, l’Iran è la notizia geopolitica del weekend: ieri è stato ucciso uno scienziato nucleare importante. E la neve verrà , le montagne saranno bianche e la depressione solo tecnica: anche Novembre è alla fine, l’Avvento è Tempo di speranza . L’equilibrio tra salute e economia è sempre delicato: l’Italia “gialla” è ferma nelle frontiere regionali, a pranzo fuori solo per le feste comandate, ma le seconde case possono aspettare. Nelle prime è sempre più smart working e le aziende si organizzano nel cloud : nuove piattaforme e non solo strumenti informatici, la pandemia ha creato nuovi ambienti. Non raggiunti nemmeno in Italia dove sta scadendo un altro decreto: dal 20 dicembre movimenti lenti e grande attenzione, in attesa di una svolta la pandemia è una maratona. Ma aspettare non è facile , l’attesa non è sosta, è operativa: caos nella tranquillità, quiete nella confusione.

 

L’Università sperata di Patrick

SETTE GRADI L’Università sperata di Patrick Mentre lo studente dell’Alma Mater vivrà ancora in prigionia il mondo distanziato si avvicina al primo Natale con Covid-19. Natale di scelte e di relazioni diverse : soprattutto quest’anno Natale di luce . Distanti, e molto, di nuovo in California : nei primi 5 giorni di Dicembre negli USA un milione di contagi, nell’area della Baia si corre ai ripari. E’ certo il prossimo Natale di Patrick Zaki : lo studente dell’Università di Bologna trascorrerà altri 45 giorni in carcere: la strada dei diritti è difficile, e sempre troppo lunga. Ma è il climate change la grande sfida: sabato prossimo il leader del mondo si incontreranno nel quinto anniversario degli Accordi di Parigi : adesso gli obiettivi sono raggiungibili. E l’etere è terreno di attacchi: quelli cibernetici all’Agenzia che autorizzerà il vaccino anche in Europa, a pochi giorni dalla decisione. Nel mondo fisico si ripassano le regole : il Natale dei pochi contatti si avvicina, sono giorni di esercizio e di nuove abitudini.

 

Sette gradi: Usa, abbiamo un problema

Nello spazio ci si legge dentro meglio che altrove, sulla Terra la geopolitica è a un passaggio delicato e le strade di New York sono di nuovo piene. Leggendo dentro i dati la realtà è chiara, anche quella economica . L’intelligenza è coraggio e visione , mentre la fase successiva è alle porte. Si riprende a volare , ma solo tra confini limitrofi, sono ancora preclusi quelli del mondo: i numeri parlano chiaro. Tornano a giocarsi anche le partite politiche e nemmeno in Europa siamo tutti uguali, nemmeno alle porte . Coronavirus non è scomparso: le popolazioni fragili sono ancora in pericolo e il mondo è sempre diviso: fra chi è preoccupato di non riavere il superfluo e chi non ha nemmeno il necessario . E se è difficile leggersi dentro, se è ancora doloroso leggere il fuori , proviamo con la poesia: ci salverà .

 

Sette gradi, è tempo di ponti

News Sette gradi, è tempo di ponti La rassegna stampa della settimana dal 27 giugno al 3 luglio con le principali notizie ripresa dalla stampa nazionale e internazionale by Federica Mancinelli | 03 luglio 2020 Ponte-fici . Bisogna costruire ponti, nei periodi che seguono le crisi: d’aria, di vetro, di umanità , di idee . L’America è malata , New York è blindata: salutiamo Milton che ce la rese simpatica. La Francia è di nuovo al voto, dopo il primo turno due giorni prima del lockdown: in tre mesi tutto è cambiato. Sulla via di Damasco si attende una conferenza di pace : la pandemia ha reso tutto più tragico, è tempo di costruire i ponti più grandi. Il mondo è dei Social , la rivoluzione digitale è il ponte più leggero e veloce: lo abbiamo visto in emergenza, lo vedremo sempre di più. Sul ponte di Verrazzano i giorni sono ancora difficili , in Israele si adottano nuove misure: il virus è ancora qui e colpisce.

 

Sette gradi, ri-pensarsi per cambiare direzione

Rassegna stampa Sette gradi, ri-pensarsi per cambiare direzione Il Covid ha costretto il mondo a ridisegnare molti ambiti della nostra vita. Lo dimostra la rassegna stampa della settimana da sabato 11 a venerdì 17 luglio sulle testate nazionali e internazionali by Federica Mancinelli | 17 luglio 2020 (Re)design thinking. C’è fiducia nei mercati digitali : ciò che ancora manca in presenza corre veloce nel Web. Ma è in presenza che si vive: ridisegnare i comportamenti ora significa attenzione . C’è bisogno di pensare ciò che non è stato mai pensato: in fondo siamo nati il 14 luglio . Mai come ora il futuro non è destino: dipende da come lo pensiamo ora, dipende da come ci alleniamo a immaginarlo. Da una parte all’altra delle paratie il colore dell’acqua è diverso, come nel pensiero, da una parte all’altra del tempo.

 

Sette gradi, è tempo di decisioni

Sette gradi Sette gradi, è tempo di decisioni Le trattative nell'Unione Europea sono state al centro dell'attenzione in questi giorni, insieme con il tema dei contagi e del vaccino. I leader europei non hanno deciso ancora: negoziare non è mai facile e il compromesso intelligente è l’essenza della politica. Chi può decide di andare in vacanza : s’inventano soluzioni, la Primavera è stata dura, l’Autunno è un’incognita. Sulla sicurezza sembra che decidere sia difficile: la mascherina è strumento sociale e gli obblighi sono scelte delicate. Per ora è sicuro, adesso bisogna dimostrare che è efficace: la buona notizia che tutti aspettiamo. Il consolato è chiuso, lo spazio no: la Terra è piccola, meglio su Marte fare domande al cielo. E sotto il cielo per ogni cosa c’è il suo tempo, questo è il tempo di investire: l’Europa della conoscenza ha bisogno di futuro, la “ next generation ” è piena di talenti.

 

Sette gradi, siamo diventati universali

Fra mascherine e restrizioni l’ attenzione resta alta: Covid-19 è la cosa più universale degli ultimi decenni e non è ancora finita. Anche la libertà d’espressione è universale, o almeno dovrebbe: le minacce aumentano, come l’incertezza. In mezzo al Mediterraneo ci sono due barconi , uno è in avaria e imbarca acqua, SOS di angoscia: che cosa c’è di più universale della disperazione? C’è la speranza , a Nord; la resistenza , a Sud. Ed è possibile senza dimenticare “l’Europa del Sud”: l’Italia affronta emergenze diverse , chi si mette in mare non ha la speranza del tempo. E il “ dottore dei poveri ” non c’è più: la Medicina è cura, in tutti i sensi, universale è l’umanità. Ma la cosa più universale è ancora un virus: bilanci quotidiani pesanti nel mondo, da Sud a Nord, la pandemia accelera. Le spiagge vengono usate per gli esami, gli aerei dei grandi film vanno in pensione, la scienza medica è di nuovo universale, si vive in piccolo e si spera lontano.

 

Sette gradi, la ripresa è vicina

News Sette gradi, la ripresa è vicina Dal caso Navalny alla Bielorussia passando per le elezioni Usa e l’Italia, dove imperversa il dibattito sulla riapertura della scuola. Centinaia di milioni di persone stanno pensando a Novembre: il mondo è già cambiato, le elezioni USA lo cambieranno ancora. Dall’altra parte della mappa la Bielorussia è in tensione: la popolazione protesta, la crisi si aggrava, la Russia osserva, si prepara l’esercito? Per i decreti è ancora Agosto: martedì il Parlamento italiano riapre, si decidono spese e sostegni. Nell’attesa di un vaccino anti Covid, ci si prepara a quello che lo esclude: la “seconda ondata” è un orizzonte lontano, ma l’Autunno richiede prevenzione . Mentre si parla di “doppio contagio” , arresti per proteste a Hong Kong : nell’elenco anche due deputati, la responsabilità delle democrazie è chiamata in causa. Anche in Italia è tempo di elezioni , e la Internet revolution ha cambiato tutto: video, social e web, i classici programmi possono aspettare. E mentre la Terra diventa sempre più calda, Hurricane Laura arriva in Louisiana: evacuazioni complicate dall’emergenza, la fine dell’Estate è sempre più complessa.

 

Sette gradi, guardare al futuro

Sette gradi Sette gradi, guardare al futuro Settembre è tempo della ripartenza per la politica, per la scuola, per tutti anche in presenza del Covid. La rassegna stampa della settimana dal 29 agosto al 4 settembre con le news più significative su testate nazionali e internazionali by Federica Mancinelli | 03 settembre 2020 Smart and working . “Doppio contagio” anche negli Stati Uniti ? La scienza, prudente, indaga: coronavirus non si è ancora svelato. Nel mondo più di 25 milioni di contagi , più di 6 negli USA, il Paese più colpito. Sta per iniziare un mese impegnativo per il Governo e il Parlamento italiani, sta per iniziare un mese molto impegnativo per gli insegnanti che già da domani saranno a scuola. Si ricorda il Creato , nella giornata mondiale: è la vita sulla Terra che deve “funzionare” in modo intelligente, prima che sia tardi davvero. Come sarà l’opposizione dopo Navalny ? Il dissidente è stato avvelenato, Angela Merkel chiede risposte, l’Europa condanna il crimine, la Russia? Aumentano i tamponi, aumentano i contagi, aumenta la curva epidemica : l’urgenza della primavera lascia il posto alla prevenzione, la guardia resta alta.

 

Bielorussia, donne che non cedono

Sette gradi Bielorussia, donne che non cedono “Sette gradi” racconta i principali articoli apparsi sulle testate nazionali e internazionali dal 19 al 25 settembre by Federica Mancinelli | 25 settembre 2020 Attenzione. Dopo un’estate apparentemente leggera, Sars-CoV-2 riporta alla realtà: contagi di nuovo in aumento, anche in Europa, si torna alla massima accortezza, di allerta , di premura . La notte della Corte Suprema è piena di persone: Ruth Bader Ginsburg , icona liberal e dei diritti delle donne, ha lasciato l’America all’inizio di una nuova battaglia: la nuova nomina sarà un delicato terreno di scontro. Stasera torna la Serie A , mille persone torneranno in tutti gli stadi: la massima attenzione nel senso di ripresa. Abbiamo nostalgia , e non da ora. Ma adesso è ora di guardare avanti, e prepararsi. E’ ora che si iniziano a decidere i voti e negli USA un nuovo caso muove la rivolta: nessun colpevole per la morte di Breonna Taylor , a Louisville la notte è nelle strade. Altre donne fanno passi avanti: si avvicina la parità in Afghanistan e Botswana , ciò che altrove è normale qui è una conquista.

 

Fratelli tutti, oltre la pandemia

News Fratelli tutti, oltre la pandemia Dalle testate nazionali e internazionali la rassegna stampa con i principali articoli sulle tematiche di attualità nella settimana dal 26 settembre al 2 ottobre by Federica Mancinelli | 02 ottobre 2020 Brothers and Sisters all . Più di 7 miliardi di persone, più di 30 milioni di contagi : Settembre difficile per tutti, per alcuni di più. Quasi universale è l’ONU, e per gli “alcuni di più” si levano voci di aiuto : fratellanza vuol dire equità, è dagli ultimi che bisogna partire. Intanto, solidarietà trova le sue strade: azioni di impegno e sguardo oltre , è adesso che si scoprono le cose, è sempre il tempo della cura . Ogni vita è una storia: ad oggi più di 1 milione di storie non ci sono più a causa di CoViD-19. Mentre il Nagorno Karabakh è teatro di scontri più accesi, nella guerra continua da trent’anni, la Russia economicamente resiste, ma green e digital faticano a farsi strada. Per guardare oltre e con nuovi stili di vita: anche il Creato è universale, anche la sua tutela è vera fratellanza.

 

Tra Nobel e santi, è il tempo della pace

Rassegna stampa Tra Nobel e santi, è il tempo della pace Nei giorni in cui sono stati attribuiti i premi più prestigiosi al mondo e in cui un ragazzo quindicenne è salito alla gloria degli altari, il mondo cerca una via alla concordia e allo sviluppo. Quest’anno non è un premio: è denuncia, e futuro. Di nuovo ad Assisi, città di Pace per natura: Carlo Acutis , il millennial appassionato di Internet, è beato. Nel mondo è la Giornata delle Bambine che, per genere ed età, sono le piccole più a rischio: la pandemia ha cambiato le vite di tutti, per alcune la pace è ancora più lontana. Preoccupa anche la disoccupazione : il tasso è sceso in Estate, ma è ancora alto rispetto ai mesi senza virus e le prospettive autunnali non fanno ben sperare. Mentre fra Libano e Israele la pace non è più un sogno, in Sud Sudan è quasi realtà: a Roma proseguono i colloqui, a fine Novembre riprenderanno anche i negoziati. Nel mondo educativo è tempo di un nuovo patto: l’educazione è la prima arma per cambiare il mondo, soprattutto quello che verrà.

 

Quei volti dietro alle mascherine

News Quei volti dietro alle mascherine Mentre l’Italia torna a rallentare, dietro le misure di protezione si cela l'identità che sempre indossiamo. Nuova fase nella vita di tutti: bisogna rallentare di nuovo. L’Italia che riparte dal digital continua a progettare start up , ma anche in questo campo ancora non è facile. Guarda avanti la Nuova Zelanda : Jacinda Ardern ha vinto le elezioni, nel Paese che ha sconfitto il virus e ha ripreso ogni contatto. Si riducono quelli italiani : ai Sindaci il potere di coprifuoco, ai cittadini il dovere di attenzione, all’Economia non ancora il Mes. Il mondo è in “ stato di emergenza ”. Seconda ondata in Europa, terza in America : nel Nord record di ricoveri, nel Sud di nuovo apprensione nel Governo. Osiris-Rex torna fra tre anni: è entrata in contatto con l’asteroide Bennu e riparte a marzo con destinazione Terra: nel 2023 sarà tutto diverso.

 

L’America sceglie il futuro

Sette gradi, la rassegna stampa della settimana con le principali testate nazionali e internazionali by Federica Mancinelli | 30 ottobre 2020 Il tempo è superiore allo spazio . E ora è di spazi e di tempo che abbiamo bisogno. L’indicatore sono gli ospedali, e gli ospedali sono in affanno, mentre almeno la letalità del virus si riduce. L’Italia aspetta : economia è salute e salute è economia , con il lockdown nella mente e la Politica alla prova. Aumentano gli spazi di pace: entra in vigore uno storico accordo di disarmo , un altro passo verso l’eliminazione totale di armi nucleari, sperando non sia solo un simbolo. Dove le filiere umane sono già in crisi Covid-19 peggiora condizioni già al limite: in Perù aumentano povertà e paura, gli spazi di vita non sono mai uguali. Sono un’incognita anche i consumi: la stagione natalizia è alle porte e in Italia si studiano incentivi e nuovi mezzi, il digital finanziario non è più una scelta.

 

Yes We Catt, il mondo è nuovo, anche nel web

SETTE GRADI Yes We Catt, il mondo è nuovo, anche nel web Mentre gli Stati Uniti - e il mondo - trepidano in attesa di sapere chi sarà il presidente, l'Europa è scossa dal ritorno del terrorismo. Beato chi rimane accanto , beati i perseguitati e gli oppressi perché è già di essi il regno che non è stato in Terra Lunedì 2. Si va molto avanti nel Web: anche un nuovo sito è un nuovo mondo, le Università preparano il futuro, Yes, We Catt . Too close to call : quest’anno è nuova anche l’Election Night, non ha vinto né perso nessuno, i candidati rompono il silenzio, ma ci vuol ancora qualche giorno per la vittoria finale. L’elezione americana ha cambiato anche il Social network , ora attento anche ai contenuti: la sfida digitale è la più nuova, in tutte le sue forme. Eppure, la vita è nuova ogni giorno ed è la quotidianità che conta, anche se in questi mesi è complessa. Il mondo avrà un Presidente, ma è già davvero tutto nuovo.

 

United States of Europe

Quella che fa essere prudenti e che qualcuno voleva abolire . Quella che fa bloccare i potenti e cambia il mondo, e che affronta la prova più grande. Covid-19 torna alla Casa Bianca: mentre si contano le schede nascono nuovi contagi, tutto è in relazione. Il Presidente probabile mantiene la prudenza : è in gioco non solo un’elezione, ma la tenuta democratica di una svolta e l’unità è l’unico ponte. Lo accoglie tutto il mondo: lo salutano i vescovi che ricordano il primo Presidente cattolico, ora che è arrivato il secondo. America in transizione: il President-Elect lavora alla squadra di governo , fra i progressisti del suo partito e i Senatori del Gop. Nell’Europa che ricorda la caduta del muro da cui nacque la nuova democrazia, l’Italia deve prepararsi: il prossimo anno presiederà il G20, occorre arrivarci uniti. Mentre Trump spera ancora di vincere, Joe Biden nomina lo staff, a partire dal chief : Ron Klain continuerà ad essere il suo capo di gabinetto, la transizione delle competenze continua.

 

Beati i Poveri, nel nuovo movimento del mondo

SETTE GRADI Beati i Poveri, nel nuovo movimento del mondo Dalla Giornata Mondiale dei Poveri all’Economy of Francesco, le notizie viaggiano verso il primo Natale con Covid-19. Rossa, come il vestito di Santa Klaus: l’Italia è alla ricerca del senso, fra movimenti fisici limitati e quelli emotivi fra speranza e melanconia. Non è la giornata della povertà, è la Giornata delle persone , che vanno “toccate”, specialmente nei giorni in cui non si può. Poveri fra i poveri nelle piccole barche del mare , dove non ci sono fasi nelle ondate, ma solo onde altissime e lunghe ore di speranza. Il pensiero ognuno si muove alla fine del tunnel: nuovi annunci verso un vaccino , dopo Pfizer arriva Moderna, il pensiero di ciascuno ha bisogno di luce. I giovani economisti si muovono verso Assisi: il nuovo mondo chiede una nuova Economia, la pandemia moltiplica i bisogni, il domani è inclusione. In tutte le città Covid-19 è una sfida ulteriore: qui il patto è già chiaro: bisogna muoversi tutti.

 

Tutti i bambini del mondo

SETTE GRADI Tutti i bambini del mondo Dalle Giornate Mondiali dell’Infanzia e della Gioventù a Next Generation EU le notizie viaggiano verso il primo Natale con Covid-19. I bambini italiani si alternano, fra scuola in presenza e aule domestiche: tra contagi indiretti e contatti ravvicinati, l’intermittenza educativa contagia la scuola del futuro . I bambini più grandi sono a dura prova: negli anni delle emozioni quella più costante ora è l’instabilità . Non ha potuto evitare nemmeno le onde, l’Honduras : tra pandemia e tempeste tropicali un milione di vittime, più di un milione di bambini in America centrale. Per tutte le Donne del mondo : una Giornata per conoscere e per educare: le bambine e i bambini crescono insieme, dagli adulti dipende la Cultura che li accompagna. Dagli adulti dipende anche la loro Scuola: si moltiplicano gli appelli, per riaprire, per recuperare , per evitare che la pandemia educativa abbia effetti di non ritorno. Tutti i bambini del mondo vogliono tornare a scuola, quelli che le hanno e quelli che debbono inventarle.

 
Go top