La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per sole24ore:

TEDxUnicatt, lo sguardo sul tempo di Matteo & Matteo

Per esempio, se il tempo scorre davvero oppure no, se esiste il futuro, se esso è determinato o ramificato, se è possibile viaggiare nel tempo e se è possibile modificare il passato». Noi abbiamo scelto il tempo perché ci siamo resi conto che è una tematica non molto trattata, che ci coinvolge e ci riguarda, che fa parte della nostra vita. Non ce ne rendiamo conto ma tutta la nostra esistenza è scandita dal tempo: la causa di moltissimi nostri problemi, oggi, è la mancanza di tempo, proprio perché è l’unica variabile definita che non possiamo modificare. No, scherzi a parte, un’altra cosa che aggiungerei è il fatto che quando nei primi incontri che abbiamo fatto per decidere il tema, il preside della facoltà di Economia, Domenico Bodega , ha tenuto a sottolineare che il punto di forza della Cattolica è la sua multidisciplinarietà. Non è nato da noi due, da Matteo e Matteo, ma è stato un risultato del team, dopo una sessione di brainstorming di 5 ore in cui abbiamo parlato di tanti temi. Poi muori, è una cosa che succede e che deve succedere; oppure un altro punto di vista, è la pianificazione. E quindi ci facciamo una riflessione molto bella sul fatto che il tempo è la risorsa più scarsa che abbiamo.

 

Infrastrutture priorità assoluta per l'economia

Rapporto Aspen Infrastrutture priorità assoluta per l'economia Per l'economista Alberto Quadrio Curzio per spingere la ripresa dopo lo stop imposto dalla pandemia è fondamentale che lo Stato investa in infrastrutture. Qual è il messaggio del Rapporto Aspen che lei ha coordinato? « Le do la mia interpretazione ma vorrei sottolineare che il lavoro è partito dalla raccolta delle proposte dei soci Aspen . Qual è la sua valutazione? « L'intonazione del rapporto sta nella fiducia in un modello di partenariato pubblico privato di tipo sussidiario: il pubblico interviene dove il privato non riesce a intervenire. Qual è il tipo di intervento dello Stato che auspicate in economia? « Uno Stato facilitatore e non uno Stato sostituto dell'impresa. Che altro deve fare lo Stato per sostenere economia e imprese? « Il settore pubblico deve contribuire a creare un ambiente favorevole, deve stimolare e incentivare il processo di digitalizzazione, quella che io chiamo iperingegneria, favorendo gli investimenti in R&;S, con la leva fiscale e non solo. Avete una ricetta per accelerare la realizzazione delle infrastrutture? « Non ci sono evidenze che funzionerebbe una generalizzazione del modello Genova, anzi ci sono tanti regimi commissariali che non hanno funzionato, che a loro volta sono fermi. Perché non mettiamo a disposizione della pubblica amministrazione le capacità professionali delle imprese e ne facciamo soggetti autorizzatoti? Ovviamente, questa opera di infrastrutturazione può passare, ed è bene che passi, anche attraverso un piano molecolare come quello degli incentivi alle ristrutturazioni edilizie » .

 

Il Covid ha rafforzato la tendenza al risparmio. Ma c'è il rischio stallo

Ma c'è il rischio stallo La pandemia ha contribuito a una crescita di alcuni comportamenti ma c'è il pericolo di un cortocircuito. L'intervista della preside di Scienze Bancarie Elena Beccalli al Sole 24 Ore 18 novembre 2020 Il Covid-19 ha rafforzato una serie di comportamenti come la tendenza al risparmio e ai depositi ovvero la prociclicità negli investimenti, cioè la tendenza a fermarsi quando il mercato è in perdita. Tutto questo rischia di essere particolarmente dannoso se non ha carattere solo temporaneo. Si rischia una situazione di stallo» ha spiegato in un'intervista al Sole 24 Ore la preside della Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative Elena Beccalli. Tutto questo rischia di essere particolarmente dannoso se non ha carattere solo temporaneo». Le famiglie hanno risparmiato perché hanno ridotto l’acquisto di beni e servizi, intimorite dal futuro e dalla possibilità di un calo del reddito. Sì, se il risparmio è fermo nei depositi e non è investito, non c’è vantaggio né per il depositante né per il sistema economico nel suo complesso».

 
Go top