La tua ricerca ha prodotto 5 risultati per specializzandi:

Ricerca, premio internazionale a Calogero Casà

Il premio internazionale è stato assegnato per la ricerca sulla radiomica nella predizione della prognosi a due anni per i pazienti affetti da neoplasia del retto localmente avanzato. “Il premio è un riconoscimento molto gradito – dichiara il professor Valentini - perché la competizione prevedeva la partecipazione di specializzandi americani, asiatici e europei e perché conferma l’importanza e l’utilità di coinvolgere i medici in formazione specialistica nella ricerca sulle nuove tecnologie nella medicina personalizzata”. Astro è la principale società di Radioterapia Oncologica nel mondo, con oltre 10.000 membri tra medici, infermieri, biologi, fisici, radiologi, dosimetristi e altri professionisti sanitari specializzati nel trattamento di pazienti con radioterapia. ricerca #specializzandi #premi #radioterapia #gemelliart Facebook Twitter Send by mail Print LA RADIOMICA La radiomica è una metodologia che ha l’obiettivo di estrarre parametri quantitativi dall'immagine radiologica, utilizzando metodiche moderne (dalla statistica classica fino all'intelligenza artificiale).

 

Curare e lasciarsi curare

Roma Curare e lasciarsi curare Al Policlinico Gemelli il secondo incontro promosso dal Centro Pastorale della sede di Roma con i medici in formazione specialistica della Facoltà di Medicina e chirurgia. Prima della presentazione delle testimonianze è stata recitata una preghiera composta per l’occasione da Don Francesco Dell’Orco , Assistente Pastorale della sede di Roma, che ha anche contribuito all’organizzazione dell’incontro. Molte, profonde e significative le riflessioni degli Specializzandi che hanno condiviso storie ed esperienze quotidiane di vita e di assistenza nei reparti, di vicinanza reciproca con i pazienti, di formazione non solo scientifica e clinica, ma anche umana e spirituale. “Sono io a dover essere grata ai pazienti per le esperienze che mi hanno offerto”, “Ci ha insegnato a vivere proprio mentre stava morendo”, “E’ stata lì a consolare me”: queste le frasi più toccanti di alcune delle riflessioni offerte dai giovani medici. “Ascoltando queste testimonianze – ha detto Monsignor Giuliodori concludendo l’incontro – abbiamo condiviso due ore di formazione profonda e necessaria per tutti noi. Per essere medici occorre essere veri professionisti, ma anche capaci di vera e autentica umanità. Si tratta dell’incontro di due persone, medico e malato, che reciprocamente stabiliscono un rapporto di cura. Queste testimonianze ci hanno dimostrato che nei momenti culminanti della vita, di grave malattia e anche di morte, non finisce tutto, ma si ha l’opportunità di comprendere i significati più profondi dell’esistenza”.

 

Minsk, premiato giovane ricercatore

Roma Minsk, premiato giovane ricercatore Importante riconoscimento per la miglior ricerca scientifica a un giovane specializzando della Facoltà di Medicina e chirurgia "A. Gemelli", Federico Cammertoni , che ha presentato un lavoro sulla chirurgia mini-invasiva della valvola aortica. dicembre 2017 Il 1 dicembre 2017 si è svolta a Minsk, Bielorussia, la terza edizione dell'incontro scientifico “Due paesi, un cuore e non solo..”. Questo evento è nato dalla collaborazione del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma e l'omologo Centro Universitario di Minsk. Il professor Massimo Massetti e il professor Yuri Ostrovsky, direttori dei rispettivi Dipartimenti di Cardiochirurgia, insieme a un nutrito gruppo di ricercatori provenienti dalla Russia, Bielorussia, Ucraina, Lituania e Italia hanno dibattuto sui temi di attualità nelle terapie cardiovascolari. Valutati da una commissione composta da eminenti chirurghi cardio-toracici tra i quali, oltre al professor Massetti e al professor Ostrovsky, spiccano autorevoli accademici come il professor Renat Akchurin dell'Università di Mosca, sono stati numerosi i giovani ricercatori a presentare importanti progetti scientifici. Premiato, per il miglior progetto, Federico Cammertoni , specializzando in Cardiochirurgia della Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore (nella foto accanto al professor Massimo Massetti), per la ricerca clinica sulla chirurgia mini-invasiva della valvola aortica. Tale approccio ibrido, adottato in routine presso il centro romano, è stato considerato efficace per i risultati prodotti e innovativo nel panorama delle terapie utilizzate nelle gravi malattie delle valvole cardiache. Questa tecnica, insieme all'altrettanto innovativa gestione del percorso di cura, si adatta perfettamente alla popolazione dei pazienti sempre più anziani e affetti da multiple malattie, ricercando l'obiettivo di realizzare una terapia personalizzata "su misura".

 

Gli specializzandi e la relazione di cura

Roma Gli specializzandi e la relazione di cura Martedì 11 giugno al Policlinico Gemelli un incontro a più voci, aperto a tutta la comunità universitaria e ospedaliera, con le testimonianze di Corrado Augias, Paolo Graldi e Rosanna Lambertucci . I lavori sono stati aperti da Giovanni Raimondi , Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, e da Rocco Bellantone , Preside della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica. I giornalisti Augias, Graldi e Lambertucci hanno poi discusso con gli Specializzandi nella sessione moderata da Alfredo Pontecorvi , Ordinario di Endocrinologia e malattie del metabolismo, e Vincenzo Valentini, Ordinario di Radioterapia all’Università Cattolica. Giuliodori - si intende offrire agli Specializzandi di Medicina alcuni momenti di riflessione e di confronto su tematiche che affrontano il rapporto tra la professione medica e la relazione con il paziente, analizzandone i risvolti umani, psicologici, etici e religiosi. Da alcuni anni sono diventati un appuntamento fisso e hanno come destinatari i circa 1.000 medici specializzandi, suddivisi in oltre 40 scuole, presenti nel nostro Ateneo e nel Policlinico Gemelli. Non si tratta di incontri isolati, ma di un percorso che abbraccia tutto l’anno, in genere a partire da alcuni spunti tratti dalla letteratura o da testimonianze. Il frutto di queste riflessioni è stato presentato in occasione di questo appuntamento.». L'incontro è stato concluso da Giampaolo Tortora, Ordinario di Oncologia Medica all’Università Cattolica, e dalla recita comune di una preghiera animata da Don Francesco Dell'Orco , Assistente pastorale della Sede di Roma dell'Ateneo.

 

La cura è una relazione

Roma La cura è una relazione Il 26 novembre al Policlinico Gemelli l’avvio del nuovo percorso di confronto e formazione degli Specializzandi in Medicina e chirurgia by Federica Mancinelli | 03 dicembre 2019 “Una nuova proposta per continuare a camminare insieme”, così S.E. Monsignor Claudio Giuliodori , Assistente Ecclesiastico generale dell’Università Cattolica, nel saluto introduttivo dell’incontro “La relazione di cura tra domanda di salute e desiderio di salvezza. Riflessione educativa e narrazione per il medico in formazione specialistica”, presentando il nuovo itinerario di confronto e formazione degli Specializzandi della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica, promosso dal Centro Pastorale dell’Ateneo, che si è tenuto il 26 novembre nell’Aula Brasca della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. Il percorso è iniziato due anni fa con la sperimentazione di diverse forme di incontro e di lavoro attraverso strumenti di narrazione e proiezione poetica. Nell’anno accademico 2019/2020 la riflessione proseguirà su alcuni temi sollevati dalla lettura del testo con un lavoro più sistematico e scientifico, in collaborazione con un gruppo di lavoro costituito in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica. L’incontro è stato aperto da Rocco Bellantone , Preside della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica, Giovanni Raimondi , Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, e moderato da Alfredo Pontecorvi , Ordinario di Endocrinologia e malattie del metabolismo alla Facoltà di Medicina e chirurgia. Ai saluti introduttivi sono seguite le relazioni di Vincenzo Valentini , Ordinario di Radioterapia alla Facoltà di Medicina e chirurgia, e Pierluigi Malavasi , Ordinario di Pedagogia generale alla Facoltà di Scienze della Formazione, che hanno illustrato il nuovo progetto.

 
Go top