La tua ricerca ha prodotto 8 risultati per teatro:

Teatro, parla Corrado d’Elia

Dopo le riflessioni sulla bellezza della politica, della poesia, dell’arte, dell’economia, della natura, del silenzio, è ora in programma – come prima occasione del 2017 – l’incontro dedicato a Bellezza e Teatro , il 30 marzo alle 18 in via Nirone (aula NI 110). Sul versante della formazione prenderà la parola Giulia Innocenti Malini , coordinatore del Corso di alta formazione per operatori di teatro sociale, giunto quest’anno alla quinta edizione. teatro #collegio Facebook Twitter Send by mail.

 

Teatro antico, il trionfo di Caserta

Milano Teatro antico, il trionfo di Caserta Gli studenti del Liceo Manzoni della città campana hanno vinto, con “Processo a Medea”, il Festival Thauma 2017, che ha portato a Milano oltre 400 studenti da tutta Italia. Con la messa in scena del Processo a Medea , i ragazzi dell’istituto campano hanno avuto la meglio, nella sezione spettacoli sulle altre otto scuole partecipanti. GUARDA LE FOTO SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK La giuria di esperti e quella popolare, a cui hanno partecipato anche gli studenti dell’Ateneo, hanno apprezzato della rappresentazione del Processo a Medea soprattutto “il lavoro svolto dai docenti e dai ragazzi sulle varianti del mito, impostate come contraddittorio in forma processuale”. La terza edizione del Thauma festival, organizzato dall’Università Cattolica di Milano sotto la direzione di Elisabetta Matelli , è stata la più ricca di sempre con il coinvolgimento di 410 studenti che si sono fronteggiati a colpi di tragedie e commedie classiche, performance attoriali e la realizzazione di costumi e scenografie. Omaggiata da un’ovazione dell’aula magna quando la professoressa Matelli ha letto il suo nome, la studentessa del Liceo A. Manzoni di Caserta è salita sul podio e ha ricevuto una targa da Mario Gatti , direttore della sede milanese dell’ateneo. Al momento della consegna della targa lo studente di Rho era visibilmente imbarazzato perchè non si aspettava proprio di vincere, nonostante dopo la rappresentazione dello spettacolo al Teatro della Commenda avesse ricevuto molti complimenti. Le prime tre scuole classificate avranno la possibilità di mettere in scena le loro pièce sul palco del Teatro San Lorenzo alle Colonne in collaborazione con l’associazione teatrale Kerkìs - Teatro antico in scena , che tutto l’anno offre spettacoli di teatro classico alla città di Milano.

 

“Furiosa Mente”: il conflitto è dentro

Brescia “Furiosa Mente”: il conflitto è dentro Lucilla Giagnoni presenta lo spettacolo di cui è autrice e interprete. Parola di Lucilla Giagnoni , nota autrice e attrice teatrale che è intervenuta nella sede di via Trieste nell’ambito del ciclo “Letteratura&Teatro 2016” coordinato dalla professoressa Lucia Mor , per raccontarsi e raccontare la genesi dello spettacolo Furiosa Mente. Un’azione che è sinonimo di conflitto interiore, basti pensare a quando dormiamo…la nostra mente è enormemente attiva, lo è in maniera incredibile». Da qui ha origine l’idea di porre la figura del guerriero come centrale nello spettacolo: «Se il campo di battaglia è la nostra mente significa che cura, attenzione alle parole ed educazione divengono necessarie per esprimere cosa ci anima e cosa serve per placarci. Lo spunto è venuto osservando mia figlia e le sue passioni: ho scoperto che esistono videogiochi con una struttura narrativa incredibile, in cui ci si può costruire il proprio guerriero/personaggio per poi affrontare prove scelte da noi e che ci portano a salire di livello. Non ho particolari affinità col mondo delle tecnologie ma, essendo una madre e volendo offrire un’interpretazione del reale attraverso il mio lavoro, questo fatto della costruzione di un avatar, del superamento delle prove e, soprattutto, delle analogie che tutto ciò ha con il nostro quotidiano…mi è sembrato interessantissimo». Il mondo in cui viviamo oggi è, allo stesso tempo, tremendo e meraviglioso; e io vivo ogni giorno meravigliata - per ciò che oggi siamo riusciti a conquistare e per cosa ci è concesso fare – ma, allo stesso tempo, pensierosa».

 

La stagione (im)possibile del Novecento teatrale

Brescia La stagione (im)possibile del Novecento teatrale Al via l’edizione 2016 del progetto di Università Cattolica e Centro Teatrale Bresciano, che guiderà alla visione dei grandi spettacoli teatrali del secondo Novecento. Per il direttore del Ctb Giovanni Bandera “La Stagione Impossibile fornirà l’importantissima occasione di rivivere e approfondire, a distanza di 30 e più anni, testi e spettacoli con i protagonisti e gli artefici di allora”. L’obiettivo è riuscire a fornire dei codici di lettura anche a chi, come i giovani, per ovvi motivi anagrafici non ha potuto assistere in prima persona all’originarsi di tali eventi”. Il primo appuntamento sarà dunque con Arlecchino servitore di due padroni , lo spettacolo “nato” nel 1947 dal genio registico di Giorgio Strehler che ha reso immortale il classico di Carlo Goldoni. L’opera del grande maestro polacco sarà illustrata da Gerardo Guccini che parlerà del rapporto tra “corpo e coro”, in dialogo con Claudio Bernardi. L’ultimo incontro sarà infine dedicato al rivoluzionario gesto drammaturgico e teatrale di In Exitu di Giovanni Testori che, nato come romanzo, si è distinto come uno degli episodi più significativi del teatro italiano del secondo Novecento. A parlarne sarà Franco Branciaroli che interpretò il personaggio di Riboldi Gino, l’eroinomane agonizzante in un angolo della Stazione Centrale protagonista del romanzo.

 

Teatro è attore, aperte le iscrizioni

ROMA Teatro è attore, aperte le iscrizioni Il percorso formativo prenderà avvio a marzo con 100 ore totali di lezioni, tre la settimana, con esercizi propedeutici e apprendimento delle discipline. Il corso si concluderà con la messa in scena di un vero spettacolo teatrale. febbraio 2017 È prorogato fino alla fine di febbraio il termine per iscriversi alla terza edizione del percorso Teatro e Attore. I partecipanti potranno affrontare un percorso formativo articolato in diverse materie tra cui il corretto uso della voce, dizione e articolazione, movimento scenico, recitazione. Gli allievi avranno la possibilità di mettersi alla prova nella messa in scena di un vero spettacolo teatrale che concluderà il primo anno. Il percorso, attivo per un massimo di 12 partecipanti, prenderà avvio nel mese di marzo 2017 e a ospitarlo sarà la sala polifunzionale all’interno del Collegio Nuovo Joanneum. Si tratta di circa 100 ore totali di lezioni, tre ore la settimana, comprendenti esercizi propedeutici e apprendimento delle discipline e lezioni bisettimanali con studio della messa in scena dello spettacolo finale; stage e prove dello spettacolo, prova generale e rappresentazione.

 

Teatro è attore: iscrizioni aperte per gli studenti di Roma

Teatro è attore: iscrizioni aperte per gli studenti di Roma Riparte anche quest'anno il fortunato percorso di formazione teatrale, per i collegiali di Roma ma aperto a tutti gli studenti del campus. Le iscrizioni sono aperte fino al 19 gennaio 2016. I Partecipanti potranno affrontare un percorso formativo articolato in diverse materie – tra le quali: corretto uso della voce; dizione e articolazione; movimento scenico; recitazione – e avranno la possibilità di mettersi alla prova nella messa in scena di un vero spettacolo teatrale che concluderà il primo anno. Il percorso si articola in due classi, di 12 partecipanti ciascuna, con possibilità di approfondimento e di differenziazione delle lezioni. La sede di svolgimento delle lezioni, che si terranno dal 20 gennaio al 29 giugno 2016, sarà la Sala Polifunzionale all’interno del Collegio Nuovo Joanneum. Si tratta di circa 100 ore di lezioni settimanali di 3 ore comprendenti esercizi propedeutici e apprendimento delle discipline e lezioni bisettimanali con studio della messa in scena dello spettacolo finale; stage e prove dello spettacolo, prova generale e rappresentazione. Il termine per le iscrizioni è il 9 gennaio 2015.

 

Musica e teatro in Università

Musica e teatro in Università La Compagnia teatrale Ai due chiostri, il Coro ed Ensemble Note d’InChiostro e il Coro Gospel dell'Università Cattolica: musica e teatro per gli studenti dei collegi e non solo. by Helena Cairone | 01 gennaio 0001 Tra le opportunità offerte dall’Università Cattolica del Sacro Cuore agli studenti, e in particolare ai collegiali in Campus, ce ne sono alcune che offrono la possibilità di approfondire o sviluppare inclinazioni e interessi di carattere artistico. È il caso della Compagnia “Ai due chiostri” , nata nel 2006 originariamente come un gruppo di teatro indipendente all’interno del Collegio Augustinianum e poi estesa agli altri collegi della sede milanese dell’Università con il coordinamento del Centro Pastorale – Responsabile è Don Daniel Osvaldo Balditarra – e la regia di Nicola Gadaletta . Convivio teatrale in 5 piAtti, e Sei personaggi in cerca di autore di Pirandello, andati in scena rispettivamente martedì 26 maggio al Teatro del Pime e martedì 31 maggio 2016 in Aula Magna. Gli studenti che hanno invece talenti musicali possono trovare l’occasione giusta per coltivarli all’interno della community musicale di Note d’InChiostro o partecipando al Coro Gospel dell’Università Cattolica. Il Coro Gospel , fondato nel 2009 e diretto dal Maestro Gianluca Sambataro, si è esibito in un concerto nella Cappella del Sacro Cuore il 20 giugno scorso. È aperto a tutti coloro che vivono la vita universitaria – studenti ed ex studenti, personale docente e tecnico amministrativo – che siano interessati a una musica di impatto, viva, creata dagli schiavi d’America, ma che sa parlare di libertà.

 

Teatro a scuola, l’Italia si sfida a Milano

festival Teatro a scuola, l’Italia si sfida a Milano Dal 20 al 23 marzo 15 istituti provenienti da varie regioni e 350 studenti metteranno in scena al Festival Thauma tragedie e commedie del repertorio greco e latino. Siamo partiti nel 2015 con un’iniziativa dedicata esclusivamente a Milano e alle scuole lombarde» spiega Elisabetta Matelli , nel presentare la terza edizione del festival teatrale Thauma , che mette in scena il teatro antico prodotto dalle scuole superiori. Dal 20 al 23 marzo a Milano 1 5 istituti provenienti da tutta Italia e 350 studenti si affronteranno in una vera e propria competizione, rappresentando tragedie e commedie del repertorio classico: dalle Troiane al Filottete , da Ifigenia a Edipo re , dalle Rane di Aristofane alla Medea e altri ancora. È un progetto che permette di far emergere l’interesse per il teatro nelle scuole di un Paese ricco di radici culturali come il nostro» sottolinea la curatrice del festival, che in Ateneo è docente di Storia del Teatro greco e latino e direttrice del Laboratorio di Drammaturgia antica . Un’occasione importante, adesso che le attività teatrali in classe hanno acquisito un adeguato riconoscimento, dopo che il Miur ha reso pienamente curricolari le attività teatrali , garantendone la piena cittadinanza nel bagaglio formativo degli studenti. Teatro antico in scena , che tutto l’anno offre spettacoli di teatro classico alla città di Milano. L’ingresso a teatro è libero: spettatori di ogni età, studenti, docenti possono partecipare come per gustare le interpretazioni dei grandi drammi classici che gli studenti liceali elaborano con i loro docenti e tutor, con metodi differenti, e sempre grande entusiasmo.

 
Go top