La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per csr:

Assicurazioni, la Csr è digitale

Cattolicapost Assicurazioni, la Csr è digitale Nel corso promosso da Altis e Cnp UniCredit Vita , studenti e dipendenti in team cercheranno strumenti innovativi per comunicare i valori dell’azienda. È il progetto alla base del nuovo corso di alta formazione “ Digital Csr per il settore assicurativo ”, promosso da Altis dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Cnp UniCredit Vita . Un percorso che non si fermerà nei confini della classe: quattro team misti tra studenti e dipendenti e manager dell’azienda lavoreranno a dei project work finalizzati a fornire al comitato di direzione aziendale soluzioni innovative per la comunicazione della cultura assicurativa di Cnp Vita. L’idea nasce dalla collaborazione tra Cnp Vita e Altis per la definizione del nostro piano strategico di sostenibilità» afferma Maria Elisa Cesari , direttore legale &; societario e Csr manager Cnp UniCredit Vita. L’unione tra le competenze accademiche di Altis e l’esperienza di Cnp UniCredit Vita fa di questo corso un’opportunità per favorire l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro. Oggi l’Accademia deve essere in grado di accompagnare i giovani verso le nuove sfide del mercato del lavoro» commenta Mario Molteni , direttore scientifico del corso e delegato del rettore al coordinamento e allo sviluppo dei rapporti con le imprese dell’Università Cattolica del Sacro Cuor. assicurazioni #csr #socialresponsibility #altis Facebook Twitter Send by mail Print LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SECONDO ALTIS Altis è l’Alta Scuola dell’Università Cattolica del Sacro Cuore che si occupa di imprenditorialità e management per lo sviluppo sostenibile .

 

Il coworking socialmente responsabile

cattolica post Il coworking socialmente responsabile Luca Diodà , laureato in Economia in Cattolica, dopo alcune esperienze di lavoro in ambito finanziario e il master Aseri in Cooperazione Internazionale, lancia con alcuni partner Yoroom, uno spazio di lavoro condiviso con l’ambizione di diventare comunità. Infatti, i nostri obiettivi sono di attuare e stimolare business socialmente responsabile da parte delle aziende che entreranno a far parte del nostro progetto e di divenire un soggetto attivo nella vita culturale, economica e sociale del quartiere e della città». Di cosa si tratta esattamente? «Le Società Benefit o Benefit Corporation (B-Corp) sono aziende di capitali che, all’interno della loro attività economica, forniscono un significativo contributo allo sviluppo, all’ambiente e alla dimensione sociale, perseguendo finalità di beneficio comune e operando in modo responsabile, sostenibile e trasparente. I vantaggi sono molteplici, dagli sconti per i partner, alla possibilità per le aziende ospitate di entrare in contatto con altre tipologie selezionate di clienti (freelance o start-up, Ong o agenzie di comunicazione) e di creare un network e una rete di conoscenze». Lo stage è diventato un’esperienza di lavoro, per tre anni: mi sono occupato di ricerche in ambito fiscale e di analisi macroeconomiche, in particolare valutando l’impatto di manovre e programmi di equidistribuzione a sostegno delle fasce di popolazione a basso reddito. Dopo un approfondito studio di mercato con la collaborazione del socio Raffaele Sabbadini, architetto, abbiamo deciso di aprire una società di capitali, trovando una soluzione economicamente sostenibile e una banca che ci appoggiasse». Un luogo di contaminazione tra studenti di discipline diverse che mira a promuovere la cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione, con l’obiettivo di aiutare gli studenti a intercettare e creare opportunità di lavoro.

 

Piacenza Opera per la sostenibilità

RICERCA E TERRITORIO Piacenza Opera per la sostenibilità Al centro di ricerca per lo sviluppo sostenibile della sede piacentina dell’Ateneo è stato affidato il coordinamento progettuale e scientifico del network delle piccole e medie imprese agricole del territorio impegnate in pratiche di responsabilità sociale. Ha quindi promosso una serie di iniziative volte a dare continuità ai Laboratori di Rsi già avviati nel 2015, affidandone il coordinamento progettuale e scientifico al Centro di ricerca Opera per lo sviluppo sostenibile dell'Università Cattolica. Il percorso si è articolato in fasi distinte, finalizzate alla comprensione degli elementi teorici e stato dell’arte, alla formazione/informazione e confronto con gli esperti, e all’elaborazione partecipata di un documento strategico, o più precisamente di un Manifesto di un network di aziende responsabili e sostenibili. Il percorso si è svolto alla residenza Gasparini della Cattolica e all'Hurban Hub di Piacenza. In particolare nella giornata svoltasi all'Hurban Hub sono state approfondite le esigenze delle singole imprese aderenti e si è lavorato nell'intento di identificare bisogni comuni e condivisi, condizione ritenuta necessaria per la definizione/nascita di un gruppo in cui riconoscersi. Questa volontà di scrivere un manifesto nasce dall'esigenza di avere un riconoscimento dell'impegno nei confronti dell'ambiente, della salute, della sicurezza dei dipendenti ma anche di ridare dignità al ruolo dell'imprenditore al servizio del bene comune. E per questo vogliono condividere, sfruttando la potenzialità e la forza della rete e della tecnologia, i valori caratterizzanti le singole imprese e i soggetti, e creare un patto con la comunità.

 

Due premi di laurea sulla Csr

alumni Due premi di laurea sulla Csr Li ha assegnati il Gruppo Molteni a due laureate dell’Ateneo per le loro tesi dedicate alla responsabilità sociale d’impresa nelle aziende a proprietà familiare 04 ottobre 2019 Due riconoscimenti a due tesi dedicate alle imprese a proprietà familiare. Li ha attribuiti a due laureate dell’Università Cattolica il Gruppo Molteni , da sempre impegnato nel sostegno dei giovani talenti formatisi in prestigiose Università Italiane. I premi intitolati al cav. Angelo Molteni, fondatore del Gruppo Molteni insieme alla moglie Giuseppina, leader mondiale nel campo dell’arredo di design, sono stati assegnati a Elena Haivaz e Anna Montesano , e consegnati presso l’headquarter Molteni&;C a Giussano lo scorso 23 settembre alla presenza della famiglia Molteni. Elena Haivaz si è laureata in Direzione e consulenza aziendale (facoltà di Economia) nel 2017 con la tesi “ Proprietà e management nelle PMI famili ari”. Anna Montesano si è laureata in Politiche per la cooperazione internazionale allo sviluppo (facoltà di Scienze politiche e sociali) con la tesi “ Corporate Social Responsibility: the Illycaffe' case study ”. Per lei, triestina di nascita, è stato quasi naturale studiare il caso di Illy, sia per la proprietà familiare, sia per le politiche di responsabilità sociale d’impresa. Avevo provato a mandare la mia tesi, scritta con la supervisione della professoressa Fausta Pellizzari e non ci credevo molto».

 
Go top