Essere presenti anche a distanza. Con questo claim l’Università Cattolica partecipa al Meeting per l’Amicizia fra i Popoli in programma al Palacongressi di Rimini dal 18 al 23 agosto. Una Special Edition, intitolata “Privi di meraviglia, restiamo sordi al sublime” che, per il particolare momento storico che il nostro Paese e il mondo intero stanno vivendo a causa della pandemia da Covid-19, si presenta al grande pubblico in una nuova veste. Per garantire totale sicurezza ai partecipanti e per essere in linea con le direttive sanitarie, gli oltre 50 eventi del Meeting 2020 saranno realizzati in forma digitale e trasmessi in modalità blended con la possibilità di una partecipazione fisica di un numero contingentato di persone ad alcuni incontri.

Speranza, fiducia, cura, visione, ricostruzione, sussidiarietà: queste le parole chiave che faranno da sfondo alle sei giornate di dibattiti, webinar live, talk show suddivisi in diverse tematiche come salute, sviluppo sostenibile, lavoro, innovazione, istruzione, con l’obiettivo di guardare al futuro e proporre momenti di riflessione collettiva sull’Italia e sull’Europa che verrà nell’era post-Covid.

Un programma fitto di incontri cui la Cattolica dà il suo contributo scientifico con la partecipazione di docenti di differenti aree disciplinari. Si comincia mercoledì 19 agosto, alle ore 19.00, con il dibattito Ripartire o rifare?, che si tiene nell’ambito dei Talk Show Live Dopo il Covid #quellicheripartono, a cura di Fondazione per la Sussidiarietà in collaborazione con ASviS, CDP - Cassa Depositi e Prestiti e Fondazione Symbola e dedicati al tema della sostenibilità nelle sue varie accezioni. Insieme all’economista dell’Università Cattolica Luigi Campiglio, si confrontano sul tema, tra gli altri, Enrico Giovannini, portavoce ASviS, Giuseppe Folloni, economista dell’Università di Trento, Franca Maino, direttrice del Laboratorio Percorsi di Secondo Welfare e ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche Università degli Studi di Milano, Alberto Mingardi, direttore dell'Istituto Bruno Leoni, Riccardo Ribera D’Alcalà, direttore generale delle politiche interne del Parlamento europeo, Nadia Urbinati, politologa e docente alla Columbia University. Coordina il giornalista Massimo Bernardini.

Venerdì 21 agosto, alle ore 11.00, si parla di cura e salute nel corso dell’incontro Il futuro dei sistemi sanitari dopo la pandemia. Come deve cambiare l’organizzazione sanitaria in una epoca in cui le grandi malattie infettive sono tornate di attualità? Quale il ruolo della medicina sul territorio e quale quello degli ospedali? Sono solo alcuni interrogativi cui cercheranno di rispondere i relatori. Tra questi Paul Barach, Professor Wayne State University e Lecturer Thomas Jefferson University, Tim Eckmanns, Head of the Unit Healthcare-associated Infections, Surveillance of Antibiotic Resistance and Consumption (Robert Koch Institute), Luis Eugenio de Souza, professore di Salute pubblica all’Università di Bahia, Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica e Vice President World Federation of Public Health Associations. Introduce Giorgio Vittadini, presidente Fondazione per la Sussidiarietà, e modera Luigi Cammi, Meeting Salute.

Alle ore 15.00 ancora salute e cura in primo piano con l’incontro Sanità pubblica: una integrazione possibile tra statale e privata? Una tra le polemiche più accese nate durante il Covid-19 ha riguardato il ruolo della sanità privata fino a mettere in discussione il sistema misto statale-privato nell’ambito del servizio sanitario nazionale. Una questione ancora aperta che sarà affrontata dai partecipanti al dibattito, tra cui il ministro della Salute Roberto Speranza, Roberto Bernabei, professore ordinario di Medicina interna e geriatria all’Università Cattolica e presidente di Gemelli a Casa, Angelino Alfano, presidente Gruppo San Donato, Claudio Cricelli, presidente SIMG - Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (tbc), Marco Trivelli, direttore generale Sanità Regione Lombardia. Introduce Mattia Altini, direttore sanitario Ausl Romagna.

Alle ore 16.00 è la volta del webinar Re-imparare a insegnare trasmesso su Zoom Professional. Al centro del dibattito, cui si potrà partecipare previa registrazione all’evento, il tema della didattica a distanza nelle scuole e nelle università. Moderati da Michele Faldi, direttore Offerta formativa, promozione, orientamento e tutorato dell’Università Cattolica, ne discuteranno Pier Cesare Rivoltella, professore ordinario Didattica e pedagogia speciale, che racconta l’impegno in prima linea e il contributo scientifico fornito dall’Università Cattolica durante il periodo dell’emergenza sanitaria alle scuole superiori, e Giovanni Marseguerra, delegato al coordinamento dell’Offerta Formativa, che spiegherà nei dettagli  la didattica digitale aumentata e il piano #eCatt messi in campo dall’Ateneo per consentire una piena ripresa delle attività didattiche in totale sicurezza.

Alle ore 19.00, infine, all’interno del ciclo di Talk Show Live Dopo il Covid #quellicheripartono organizzato dalla Fondazione per la Sussidiarietà, si tiene l’evento L’io in azione: conoscenza e creatività dove il prorettore vicario dell’Università Cattolica Antonella Sciarrone Alibrandi dialogherà con il rettore dell’Università Bicocca Giovanna Iannantuoni, sull’impegno dell’università per la sostenibilità, in particolare nella ricerca e nelle pari opportunità. Interverranno, tra gli altri, Tommaso Agasisti, professore di Public Management al Politecnico di Milano, Enrico Giovannini, portavoce ASviS, Adele Mucci, manager della Silicon Valley, Salvatore Rossi, presidente di Telecom Italia, Andreas Schleicher, direttore Dipartimento Education and Skills, OCSE, Francesco Seghezzi, presidente Fondazione Adapt.

Sabato 22 agosto, alle ore 13.00, si parla di sviluppo e imprese sostenibili nell’Incontro al futuro: Africa e nuove tecnologie. Introdotti da Giacomo Ciambotti, Research fellow all’Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica (Altis), Letizia Moratti, presidente E4Impact Foundation, e Bitange Ndemo, Professor of Entrepreneurship at the University of Nairobi’s Business School, racconteranno storie di sviluppo sostenibile. In particolare Letizia Moratti illustrerà l’attività di formazione svolta dalla fondazione nell’Africa sub-sahariana a favore del mondo imprenditoriale proprio con l’obiettivo di rafforzare e rendere sempre più competente l’iniziativa personale.

Sostenibilità e sussidiarietà è il titolo del Talk show live Dopo il Covid #quellicheripartono, in programma alle ore 19.00 e condotto dal giornalista Massimo Bernardini. Tra i relatori Franco Bassanini, presidente Fondazione Astrid, Alberto Brugnoli, economista dell’Università degli Studi di Bergamo, i sociologi dell’Università Cattolica Chiara Giaccardi e Mauro Magatti, Massimiliano Monetti, presidente Confcooperative Abruzzo, il sondaggista e docente in Cattolica Nando Pagnoncelli.

Tutti gli eventi, oltre che sulle piattaforme digitali del Meeting (sito, social, canale Youtube), si potranno seguire in streaming anche dal sito dell’Università Cattolica: www.unicatt.it.